In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Calcio | Giovanili

Under 21 - San Marino vs Grecia 0-5

un risultato che fa rabbia

11/10/2017


Under 21 - San Marino vs Grecia 0-5

 

Terza partita per l’Under 21 di Costantini nel suo percorso di Qualificazioni agli Europei di categoria che – nel 2019 – saranno co-organizzati da Italia e San Marino, con tre incontri della fase finale che saranno ospitati proprio nell’impianto di Serravalle.

 

Ci metterebbe la firma, la Grecia di Nikopolidis, per tornare da queste parti tra un anno e mezzo: significherebbe – per gli ellenici – aver capitalizzato un avvio impeccabile nel Gruppo 1, che ha permesso loro di presentarsi al San Marino Stadium con tre vittorie in altrettante partite.

 

Come prevedibile sono gli ospiti a prendere in mano le redini dell’incontro, affidandosi spesso e volentieri al talento di Lamprou – la scelta preferita in tutte le azioni d’attacco greche, che nella prima mezz’ora non arrivano a centrare lo specchio della porta difensa da Zavoli.

 

Decisamente positivo l’approccio all’incontro dei biancoazzurrini, che rischiano qualcosa quando Koulouris – al quarto d’ora – spizza un traversone di Deligiannidis, portando a casa solo un calcio d’angolo. L’opportunità più nitida, nei primi trenta minuti, capita sul destro di Manthatis che – innescato dall’ennesima intuizione di Lamprou – non trova la porta da una manciata di metri.

 

È però solida la prestazione in blocco dell’Under 21 di San Marino, che si ricompatta rapidamente anche quando pecca di precisione nell’impostazione, come nell’occasione che porta al destro a giro di Lamprou. Serve qualcosa di speciale agli uomini di Nikopolidis per trovare la via del vantaggio, che si concretizza in effetti grazie ad una perla di Karachalios: il mediano dell’APO Levadiakos – sul possesso perimetrale ellenico – indovina la staffilata dai venti metri che bacia il montante all’altezza dell’incrocio dei pali ed batte un incolpevole Matteo Zavoli.

 

Gli ellenici sono anche fortunati quando Tsimikas trova la fortuita deviazione sammarinese che allunga quanto basta il suo traversone, diventato così buono per l’accorrente Koulouris che sale a quota 5 gol in 4 partite, confermandosi uno degli attaccanti più prolifici della manifestazione.

 

Un risultato bugiardo, per quanto messo in campo dall’Under 21 di San Marino, che su un dubbio contatto a palla lontana tra Cevoli e Koulouris deve registrare la perentoria decisione di Alexandr Aliyev. L’arbitro kazako decide di mettere mano al cartellino rosso, ponendo fine anticipatamente alla partita del centrale difensivo del San Marino Calcio.

 

Ripresa tutta in salita per i biancazzurrini, che approcciano in maniera volitiva e si mettono a posto dietro con l’inserimento di Valentini per Gatti, dirottando Tomassini quale vertice alto.

 

Nonostante l’inferiorità numerica l’Under 21 di San Marino conferma l’ordinata e solida organizzazione difensiva messa in mostra nella prima frazione, non disdegnando qualche scorribanda della metà campo avversaria, che porta ad un paio di interessanti opportunità su palla inattiva.

 

È però ancora la Grecia a trovare la via della rete – complice il fisiologico calo dei ragazzi di Costantini –, peraltro con uno dei giocatori inseriti nella ripresa da Nikopolidis: Vergos – poco oltre la lunetta – colpisce col mancino per il gol del 3-0. Inizia qui un periodo di otto minuti in cui gli ospiti saranno in grado di segnare tre reti: di Androutsos – con la complicità di un complessivamente ottimo D’Addario – il punto del poker, a firma di Katranis – con un bolide mancino di contro balzo – il punto del 5-0 all’81’.

 

Si tratta anche del risultato finale, che punisce oltremodo una Nazionale – l’Under 21 di San Marino – capace di stare pienamente in partita per oltre mezz’ora, riuscendo a reagire anche al repentino doppio svantaggio maturato in chiusura di primo tempo. La sensazione – che non viene certo mistificata in mixed zone – è che motivi per recriminare ce ne siano stati eccome.

 


SAN MARINO [4-5-1]

Zavoli; D’Addario, Cevoli, Casadei, Conti; Tomassini, Lunadei (dall’88’ Venerucci), Censoni, Tamagnini (dal 64’ Della Valle), Mularoni; Gatti (dal 46’ Valentini)

A disposizione: Marconi, Matteoni, Quaranta, Giardi

Allenatore: Fabrizio Costantini

 

GRECIA [4-2-3-1]

Kotsaris; Deligiannidis, Evangelou, Nikolaou (dal 46’ Mavropanos), Tsimikas (dal 46’ Katranis); Karachalios, Orfanidis; Manthatis, Androutsos, Lamprou (dal 57’ Vergos); Koulouris

A disposizione: Eleftherios, Saliakas, Malikiotis, Galanopoulos

Allenatore: Antonios Nikopolidis

 

Arbitro: Alexandr Aliyev (KAZ)

Assistenti: Serik Zhappasbayev ed Anatoli Hodin (KAZ)

Quarto ufficiali: Artyom Kuchin (KAZ)

 

Marcatori: 35’ Karachalios, 43’ Koulouris, 73’ Vergos, 79’ Androutsos, 81’ Katranis

Ammoniti: Mularoni, Gatti, Zavoli

Espulsi: Cevoli

Note: 227 spettatori

 

 

 

 

 

 

Costantini: “Rammarico per l’espulsione, resta una grande prova”

 

Parte dall’episodio che più d’ogni altro ha fatto parlare – durante e dopo la partita – Fabrizio Costantini, Commissario Tecnico della Nazionale Under 21 di San Marino: “Giocare in inferiorità numerica per un tempo intero è molto complicato, specie a questi livelli. Dispiace perché Koulouris (nell’occasione dell’espulsione di Cevoli, ndr) è stato soccorso per un problema alla gamba, non certo per una gomitata – come rilevato dall’arbitro. Resta la prestazione, che questi ragazzi hanno garantito anche questa volta e senza quell’episodio del cartellino rosso non so quanto sarebbe finita”.

 

Una ripresa di necessario, ulteriore e disumano sacrificio nel quale Tomassini si è ritrovato a svolgere il compito di unica punta, nel quale tenere qualche pallone lontano dall’area sammarinese e tentare di allungare la squadra: “Mi auguro di aver trovato da questa sera un Fabio Tomassini protagonista – che peraltro già conoscevo piuttosto bene –, che ha bisogno di sentirsi importante e giocare, sentirsi leader; se riusciamo in un contesto del genere penso possa dare soddisfazioni a noi e a tutto il calcio sammarinese”.

 

Sul gol del 4-0 non se la sente di colpevolizzare Alessandro D’Addario: “Fino a quel momento ha giocato una partita strepitosa e lo metto certamente tra i migliori; il suo è stato uno di quegli errori che nel calcio succedono, va poi considerato che contro avversari del genere ogni errore lo paghi caro ed eravamo anche piuttosto stanchi visto che la partita stava volgendo al termine”.

 

L’Under 21 tornerà in campo a novembre per la doppia trasferta in Croazia e Repubblica Ceca, che chiuderà gli impegni internazionali delle selezioni biancoazzurre: tra queste – pronte alle relativa esperienze continentali – l’Under 17 è pronta alla partenza per Cipro; lunedì prossimo il trasferimento sull’isola, per affrontare le qualificazioni agli Europei di categoria. Dovrà invece attendere novembre la Nazionale Under 19 di San Marino, allenata da Pietro Rossi, per giocarsi le proprie carte in ambito europeo.

 

FSGC | Ufficio Stampa

 



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'