Web
    Analytics
  • Emilia Romagna Sport
  • Marche Sport

Calcio | Giovanili | Allievi

Seconda convincente vittoria dell'Alfonsine

24/09/2017

Seconda convincente vittoria dell'Alfonsine
Seconda partita e seconda vittoria degli allievi 2002 dell'Alfonsine. Si potrebbe quasi definire una vittoria tranquilla, se non fosse che in queste partite giovanili non c'è mai niente di tranquillo a meno che le partite non siano chiuse in largo anticiipo con risultati ampi, cosa che in questo momento l'Alfonsine sembra non voler mai fare se non nel finale nonostante dimostri sempre, nei primi 20 minuti, una superiorità quasi schiacciante. Sicuramente bisognerà aspettare avversari più forti per capire veramente a che punto di crescita è questa squadra agli ordini del nuovo mister Mercuriali.
La partita:
Partenza come al solito (almeno in questo inizio di campionato) dominante da parte dell'Alfonsine che schiaccia anche il Miramare (come in precedenza l'accademia Rimini) nella propria metà campo. La superiorità è abastanza netta e si concretizza ben presto, già all'ottavo minuto, nel vantaggio ad opera di Guerra ben imbeccato da Strocchi che lo mette davanti al portiere con il solo obbligo di depositare la palla in rete. Al contrario della partita precedente l'Alfonsine continua a premere e dopo appena 4 minuti raddoppia con Pasi che mette in rete in mischia un cross su una punizione dalla fascia sinistra d'attacco. Partita quasi in ghiaccio, basterebbe poco per chiuderla definitivamente ma l'Alfonsine cala il ritmo e, anche se nella prima mezzo'ora il portiere Casali non tocca praticamente mai palla, può sempre succedere qualcosa che regolramente succede. Al trentesimo su un calcio lungo effettuato da una punizione a metà campo, la difesa s'addormenta e permette ad un attaccante del Miramare di presentarsi da solo davanti a Casali ma, fortunatamente, spara altissimo. Resta l'unico episodio degno di nota del Miramare nel primo tempo che termina 2-0.
Nel secondo tempo il canovaccio cambia, l'Alfonsine sembra accontentarsi del risultato e insiste in un palleggio prolungato nella propria metà campo permettendo al Miramare di prendere metri e fiducia. A parte qualche ipotesi di pericolo per la porta del Miramare non succede molto e cominciano i primi cambi a livellare le squadre in campo, poi al minuto 18 a partita può cambiare quando l'esterno offensivo di sinistra del Miramare, sfruttando un errore difensivo, ruba palla e mette al centro per il centravanti che, pressato, colpisce il pale esterno. Come dice la dura legge del calcio "gol mangiato, gol subito" e difatti dopo appena 4 minuti è Monti appena dentro l'area a mettere dentro di sinistro il 3-0 che di fatto chiude la partita.
Girandola di cambi (l'Alfonsine opera tutti i cambi consentiti) che rende come sempre un po' confusa la partita e con il Miramare alla ricerca del gol della bandiera (che fallisce soprattutto in un occasione) e l'Alfonsine più di un occasione in contropiede.
Finisce dopo ben 7 (inutili) minuti di recupero 3-0. Aspettiamo conferme dalle prossime partite, anche se dopo appena 2 giornate i risultati delle altre partite sembrano già definire le forze in campo.

Nota finale per la società Alfonsine che, probabilmente, non si merita delle squadre giovanili così competitive vista la confusione che sembra regnare sin dall'avvio estivo. Cominiciare la prima partita con un colpevole ritardo di 15 minuti perchè le righe non erano state fatte ( e chi le ha fatte in quest'occasione dovrebbe comunque cambiare mestiere vista la lentezza e la qualità del lavoro svolto giustificabile solo se è stato fatto gratuitamente)e perchè non erano disponibili 2 bandierine per i guardalinee che si è dovuti improvvisare con due paletti e due casacche. Una sola parola: Vergogna! speriamo solo che la situazione non peggiori ulteriormente...

Commenti



I commenti dei nostri lettori:


Raffaele: 24 settembre 2017 alle 18:26

Caro amico, sul discorso righe non si entra nel merito in quanto se l'arbitro non le riteneva sufficientemente visibili vanno ripassate. Ci dispiace che chi ha ripassato le righe non fosse ritenuto sufficientemente svelto e professionale, e ci dispiace che il nostro dirigente accompagnatore e il nuovo allenatore non abbiamo visto dove erano riposte le bandierine e abbiano improvvisato una soluzione. Sicuramente poco elegante seppure efficace. Detto questo però, una sola parola vergogna direi che è decisamente fuori luogo. Primo perché le cose per cui vergognarsi gravi sono altre, secondo perché si può accettare una sconfitta e una superiorità di una squadra rispetto all'altra con più serenità. A causa di una defezione importante in società l'Alfonsine si sta riorganizzando e faremo tesoro dei nostri errori per essere migliori la prossima volta, per il resto le squadre competitive si costruiscono e si ottengono con il buon lavoro, cosa che direi è innegabile. Visto i tanti suggerimenti a migliorare mi sento di dartene uno anche io, si impara di più dalle sconfitte che dalle vittorie, e le sconfitte vanno accettate in maniera sportiva, senza sfogare la propria frustrazione su altre cose. Buon calcio

Fai login o registrati per rispondere al commento


PUBBLICITA'

PUBBLICITA'