In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Calcio | Giovanili | Allievi

Stella s.g. - Alfonsine 0 - 1: Ritorno alla vittoria per i ragazzi di mister Mercuriali...

ma quanta fatica :)

30/10/2017


Stella s.g. - Alfonsine 0 - 1: Ritorno alla vittoria per i ragazzi di mister Mercuriali...

Torna finalmente alla vittoria l’Alfonsine 2002 su un campo ostico in tutti i sensi. Ripeto quanto già scritto e condiviso dal molti: i campi sintetici sono belli da vedere esternamente, ma fortemente svantaggiosi per chi non è abituato a giocarci e andrebbero quindi utilizzati solo per gli allenamenti, non per le partite. Il pallone scorre e rimbalza in modo completamente diverso da un qualsiasi campo tradizionale (lo si è potuto notare bene anche dalla tribuna) e i giocatori al termine di ogni gara presentano escoriazioni sulle gambe e forti e anomali dolori alle gambe. Oltretutto ogni tipo di sintetico si comporta in modo diverso, meno male che ce ne sono pochi e per quest’anno non ne avremo più.
L’Alfonsine si presenta a ranghi ridotti a causa degli infortuni e di squalifiche, soli 16 elementi a disposizione di mister Mercuriali. L’assenza più pesante è quella di capitan Mariani che costringe il mister a un cambio di ruolo al centro della difesa. Formazione di base con il solito 4-4-2: Corrado in porta. Centrali Boattini e Calì, Rossi esterno basso di destra al posto dell’accentrato Calì e Bucchi a sinistra. Centrocampo solito con Monti e Strocchi sugli esterni mentre il rientrante Pasi e Selva si occupano del centro. Verità e Guerra di punta.
Buon inizio dell’Alfonsine con un immediata ottima occasione già al 2° minuto quando Bucchi, sugli sviluppi di un corner, “strozza” il tiro a due passi dalla porta con lo Stella che riparte con un pericoloso contropiede senza però concretizzare. Tutto il primo tempo trascorrerà in questo modo, Alfonsine che giocherà stabilmente nella metà campo dello Stella che si limita ad agire solo di rimessa. Nonostante diverse buone occasioni non concretizzate, alcune fallite sotto misura, ribattute da sporadici contropiedi pericolosi, il risultato non si sblocca fino al minuto 37 quando si ha la prima vera occasionissima per lo Stella (ottenuta con il solito contropiede in velocità su palla rubata a metà campo) con un giocatore che batte a porta vuota dai 9 metri trovando trovando però un difensore Alfonsinese a ribattere. Immediato ribaltamento di fronte e Guerra, con un tiro angolato da fuori area, batte finalmente l’estremo difensore avversario. Vantaggio meritato quanto risicato vista la mole di occasioni avute in precedenza.
Nella ripresa la partita cambia ed è lo Stella ad aggredire alto l’Alfonsine sfruttando soprattutto la fisicità dei suoi attaccanti, anche se grossi pericoli dalle parti di Corrado non si vedono fino alla metà del tempo. L’assenza di Sibilio non permette al mister di effettuare la solita staffetta Strocchi-Sibilio dove la freschezza e la velocità del neo entrato, ha permesso tante volte di mettere in difficoltà gli avversari ormai stanchi. I cambi tra il 10° e il 30° sono: Fabbri Luca al posto di Monti, Prezioso al posto di Di tommaso, Rossi per Guerra, Fabbri Matteo per strocchi e Melchionda per Boattini.
Da metà del secondo tempo l’Alfonsine comincia ad abbassare il proprio baricentro fino alla propria area di rigore creando parecchie situazioni potenzialmente pericolose risolte con affannosi rinvii. Al 24° la prima vera nitida palla per il pareggio dello Stella si stampa sul palo interno della porta difesa da Corrado e dopo aver attraversato la porta si spegne fortunatamente sul fondo.
L’assedio finale porta ad altre tre occasionissime per lo stella non sfruttate a dovere per sfortuna (traversa superiore su punizione dai 25 metri), bravura di Corrado che respinge in tuffo un bel tiro dalla distanza e imprecisione (colpo di testa alto all’altezza dell’area piccola).
La partita si conclude dopo 4 interminabili minuti di recupero e l’Alfonsine torna così alla vittoria nonostante tutto. Stendiamo un velo pietoso sull’allenatore avversario che al triplice fischio si è avventato sul direttore di gara (probabilmente un coetaneo dei giocatori) protestando perché a suo dire avrebbe dovuto recuperare un minuto in più per le troppe perdite di tempo. Cattivo esempio soprattutto per i suoi ragazzi visto che la sconfitta (immeritata vista le occasioni equamente divise nei due tempi) è dipesa unicamente dal fatto di non aver sfruttato le occasioni avute, non certo per presunti torti arbitrali.
Appuntamento al 1° Novembre per l’infrasettimanale dove potremo capire se l’Alfonsine sta riprendendo a correre come un paio di settimane fa o se è ancora in convalescenza… per il momento ha ricominciato a camminare muovendo la classifica ed è già questa una buona notizia dopo due stop consecutivi.


Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'