In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Calcio | Giovanili | Allievi

Alfonsine – Low ponte 8 – 0 prova d’appello superata

ora si aspetta la cassazione di nome Azzurra...

13/11/2017


Alfonsine – Low ponte 8 – 0 prova d’appello superata

Se la prima sentenza contro il Mezzano aveva confermato il ritorno a buoni livelli dei nostri ragazzi, la prova d’appello ha ribadito che la squadra sembra tornata sulla “retta via”. Ora aspettiamo la cassazione sotto forma della “bestia nera” Azzura che ci ha praticamente messo sempre sotto negli anni passati per avere la conferma definitiva di poter essere protagonisti di questo campionato fino alla fine.
Giornata fredda, umida e campo non in perfette condizioni viste le abbondanti piogge dei giorni passati. Alfonsine in campo conil solito 4 4 2 con alcune varianti per la giornata di riposo data a Strocchi e Calì evidentemente parsi un po’ stanchi al mister. In campo scendono Casali in porta, Bucchi terzino di sinistra, Mariani e Boattini centrali e la novità Rossi terzino destro. A centrocampo Sibilio a sinistra, Selva e Pasi al centro e l’altra novità di giornata, Melchionda sulla fascia destra. Verità e Guerra di punta.
Mantenendo i pronostici l’Alfonsine parte subito bene anche se mette in evidenza le solite difficoltà a concretizzare occasioni facili sotto rete e per tutto il primo tempo si gioca in una sola metà campo.
Al 3° minuto Guerra lanciato in profondità si presenta solo davanti al portiere in uscita disperata e dal limite dell’are sembra battere a colpo sicuro ma mette fuori di poco.
Al 5° un colpo di tacco illuminante di SIbilio mette di nuovo Guerra davanti al portiere ma gli spara addosso.
All’8° i ruoli si invertono ed è Sibilio che entrando in area in completa solitudine compie un tocco di troppo allungandosi la palla e permettendo al portiere di intervenire.
Al 9° una punzione del solito Pasi finisce un metro fuori alla destra del portiere.
Al 15° Guerra tira dal limite e colpisce la traversa.
Al 18° finalmente la partita si sblocca: corner dalla sinistra di Verità, sbuca Guerra che anticipa di testa il compagno Mariani e insacca sul palo più lontano.
Al 19° tocca a Mariani colpire di testa su una punizione dalla destra ma mette fuori di poco.
Al 20° splendido uno-due Verità- Guerra con quest’ultimo si presenta solo dal limite e con il portiere in uscita mette fuori di poco.
Al 23° il raddoppio con una splendida verticalizzazione sull’asse Melchionda-Verità-Sibilio con quest’ultimo che si presenta solo davanti al portiere in uscita e lo trafigge.
Al 35° Colpo di testa di Sibilio che mette in evidenza gli ottimi riflessi del portiere che si esibisce una bella parata.
Al 37° E’ di nuovo Guerra lanciato in area che si allunga troppo la palla e a pochi passi dalla porta colpisce male mettendo fuori.
Al 38° su calcio di punizione è di nuovo Mariani a colpire di testa centrando però il portiere.
Al 40°, dopo tanti tentativi l’Alfonsine chiude virtualmente la partita (mai aperta in verità), Sibilio si presenta al limite con il portiere in uscita e stavolta lo scavalca con uno splendido pallonetto d’altri tempi.
Primo tempo chiuso “solo 3-0” e tutti a prendere qualcosa di caldo (se disponibile…) 
Il secondo tempo riparte, come successo altre volte, con l’Alfonsine deconcentrato e permette al Low ponte di presentarsi nella sua metà campo e al 2° un bel tiro da fuori finisce a lato di poco. Al termine di questo tentativo (uno dei rarissimi effettuati dal low ponte) mister Mercuriali effettua i primi due cambi: dentro Di Tomaso e Prezioso per Boattini e Rossi.
Al 3° Contropiede Bucchi che dalla linea di fondo mette in mezzo scalvando il portiere in uscita e Sibilio a porta spalancata tira addosso a un difensore.
Al 5° è Guerra che si presenta di nuovo davanti al portiere in uscita sparandogli addosso, Sibilio riceve la respinta e con la porta spalancata calcia di nuovo addosso al portiere ancora a terra.
Al 6° bella volata sulla destra di Prezioso, che si accentra al limite dell’area portandosi la palla sull’amato sinistro e facendo un partire un bel tiro rimpallato, palla raccolta da Selva al limite dell’area che al volo insacca sotto l’incrocio il 4 – 0. Prima della rimessa al centro altri due cambi: Celli e Monti entrano al posto di Verità e Guerra.
Al 9° bella percussione di Monti sulla destra con tiro di Sibilio parato dal portiere e il rinvio alla disperata di un difensore che finisce di nuovo addosso al portiere e poi in calcio d’angolo. Prima della battuta gli ultimi due cambi: entrano Matteo Fabbri e Marco Manara per Sibilio e Melchionda.
Al 15° punizione dalla destra, Mariani sulla linea di fondo raccoglie e mette in mezzo per Fabbri che non sbaglia e insacca.
Al 21° ammonizione per Fabbri per una timidissima protesta (molto fiscale)
Al 23° ammonizione per Monti per altre proteste (giusta perché eccessiva)
Al 24° contropiede con Fabbri che si presenta davanti al portiere e insacca il 6-0.
Al 30° Altro bell’inserimento di Monti il cui tiro viene ottimamente respinto dal portiere ma Raccoglie di nuovo Fabbri che mette a segno il 7 – 0 per la sua tripletta personale.
Al 33° è di nuovo Monti a cercare con insistenza la segnatura ma questa volta è il palo a dirgli di no.
Al 34° finalmente Monti, lanciato in contropiede insacca l’8 – 0
Al 38° è sempre lo scatenato Monti alla conclusione che finisce alta di pochi centimetri.
Al 40° Punizione di Bucchi e il colpo di testa di Mariani finisce nuovamente fuori di poco. La partita si conclude dopo 4 minuti di recupero.
POSITIVO: Rispettati i valori dettati dalla classifica, cosa non sempre scontata visto il sorprendente pareggio odierno dell’ex fanalino di coda Miramare con il Pianta 4°. Quindi partita positiva, anche perché partite chiuse già nel primo tempo permettono al mister di far giocare di più i ragazzi che di solito trovano meno spazio. Sotto questo punto di vista giornata da ricordare per Matteo Fabbri che si prende lo sfizio non solo di segnare la sua prima rete con l’Alfonsine ma di segnarne addirittura 3.
NEGATIVO: Di negativo, anche se sembra quasi assurdo dirlo visto il risultato, c’è la solita fatica a concretizzare occasioni facili e questo avviene soprattutto all’inizio della partita quando un gol realizzato le renderebbe sicuramente più semplici da gestire. Ovviamente in partite come questa dove l’avversario è troppo debole per poterne approfittare, è un fatto non crea problemi. I problemi vengono fuori quando incontri avversari del tuo livello dove a un tuo errore può corrispondere una rete dell’avversario, cambiando così anche l’inerzia mentale della partita (come avvenuto a San Marino e con il Pianta).
ARBITRO: arbitraggio semplice, molto fiscale sui cartellini (in altre partite ci sarebbero state diverse espulsioni… ma sarebbe stato un bene) e sui falli laterali dove, finalmente, si sono viste tantissime ripetizioni perché fatti male o non in posizione (dovrebbero farlo tutti gli arbitri).
EXTRA: Solita annotazione su un comportamento che sarebbe da evitare da parte degli allenatori, protestare veemente per un presunto fuorigioco sul 7 – 0 sembra fuori luogo. Soprattutto se fai giocare la tua squadra sempre con la linea al limite per mettere sistematicamente gli avversari in fuorigioco: se in una partita costringi l’arbitro (che non ha guardalinee) a fischiare almeno 20 volte il fuorigioco, è inevitabile che faccia qualche errore, così come ne ha fischiati alcuni che non c’erano fermando giocatori soli davanti al portiere.
CAMPIONATO: Il già detto sorprendente pareggio del Miramare con il Pianta, scava il primo piccolo solco tra le 3 squadre al momento in fuga (San Marino, Pietracuta, Alfonsine) e la prima inseguitrice Pianta con le possibili outsider Accademia Rimini (avendo una partita in meno può raggiungere il Pianta) e l’Azzurra che però sembra veramente in crisi rispetto agli anni passati visto anche il pareggio odierno con il Bagnacavallo (battuto agevolmente tante volte). In coda resta solo il Cotignola grazie al punto strappato dal Miramare.
LA PROSSIMA: Domenica prossima trasferta in casa della temibile (visti i trascorsi) Azzurra dove verificheremo se l’Alfonsine avrà veramente fatto il salto di qualità che ci si aspetta.
Buona fortuna ragazzi.
A.J.F.



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'