In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Calcio | Professionisti | Lega Pro

Ravenna senza paura contro il Renate, secondo in classifica

25/11/2017


Ravenna senza paura contro il Renate, secondo in classifica

Mauro Antonioli


Senza paura, con grande rispetto per una formazione che, spostata all’ultimo minuto dal girone A, sta stupendo tutti per la sua continuità al vertice, ma anche con la piena consapevolezza di potersela giocare alla pari, come ha dimostrato di saper fare in occasione di altri confronti con squadre di alta classifica. E’ questo l’atteggiamento che il Ravenna dovrà mettere in campo domani pomeriggio al Benelli (si comincia alle ore 14.30: dirige la gara Cristian Cudini di Fermo, alla sua seconda stagione in Can C, assistito da Badoer e Tribelli di Castelfranco Veneto) contro il Renate, in quella che è l’ultima partita domenicale dei giallorossi che nei prossimi tre mesi giocheranno di sabato come l’intero girone B. Ed è un tasto, questo, su cui batte alla vigilia l’allenatore dei giallorossi Mauro Antonioli. “Faremo la nostra partita come sempre, mettendo in campo le armi che abbiamo a disposizione, con piena fiducia di essere all’altezza e pensando positivo: non ci sentiamo affatto una vittima predestinata”.

A complicare i panni del tecnico bizantino ci sono gli infortuni capitati in settimana a Samb Fallou (botta al ginocchio) e a Elia Ballardini, che ha riportato nella rifinitura di oggi una distorsione alla caviglia destra: i due si aggiungono a Barzaghi, Lucarini e Tabacchi, indisponibili da tempo. E poi c’è il dubbio sull’impiego di Papa, che sta riprendendosi dalla botta al ginocchio sinistro rimediata domenica a Reggio Emilia. “Siamo in grande emergenza – sottolinea Antonioli – e adesso siamo veramente molto corti, ma non ci abbattiamo e cercheremo comunque di conquistare un risultato positivo, senza nasconderci le difficoltà della gara”.

Il Renate, che si cimenta per la prima volta nella sua storia al Benelli, si presenta con la miglior difesa del girone (appena 7 gol subiti) e come unica squadra imbattuta in trasferta, dove non perde dal 14 maggio (2-1 a Livorno nel primo turno playoff). “E’ una squadra che si chiude bene e sa ripartire con grande facilità in contropiede, non a caso si esprime meglio fuori casa. Dovremo essere bravi a non concedere loro alcuno spazio ed essere anche bravi e cinici nello sfruttare quelle due o tre occasioni che ci concederanno”.

Sfida inedita in campo ma anche in panchina, con Antonioli e Cevoli ad affrontarsi per la prima volta in questa sorta di derby romagnolo. “Conosco bene Roberto – dice Antonioli – e lo apprezzo. Sta facendo molto bene al Renate e mi complimento con lui, ma domani spero di dargli un dispiacere, battendolo, augurandogli poi di riprendere a fare punti e risultati dal turno successivo”.

 

L’elenco dei convocati

 

Portieri: Gallinetta, Venturi.

Difensori: Capitanio, Ierardi, Lelj, Magrini, Ronchi, Venturini.

Centrocampisti: A. Ballardini, Cenci, Papa, Piccoli, Sabba, Selleri.

Attaccanti: Broso, De Sena, Maistrello, Portoghese, Severini.

 

Ufficio stampa Ravenna FC 1913

Massimo Montanari




Ravenna vs Renate 1-0

26/11/2017


Ravenna vs Renate 1-0

 

 

Una rete in apertura di De Sena, al suo 50° gol in carriera in campionato, spiana la strada ad un successo importante e di grande valore dei giallorossi contro il Renate, secondo in classifica

 

Col cuore, con l’orgoglio, con la rabbia, col coltello tra i denti. Ma anche con lucidità, grande attenzione e buona qualità di gioco. Il Ravenna getta in campo tutto questo, oltre ad una voglia matta di dimostrarsi più forte della sfortuna e delle avversità e firma una vittoria di incalcolabile valore. Ferma l’emorragia di quattro sconfitte casalinghe consecutive in campionato, spezza la serie positiva del Renate dopo 11 gare (ma anche la sua imbattibilità in trasferta) e centra la prima vittoria contro una squadra dei quartieri alti. Decide il guizzo di De Sena, al suo primo gol al Benelli e al suo 50° in carriera in campionato.

 

La cronaca della partita Il Ravenna perde in settimana Samb Fallou e nella rifinitura Elia Ballardini (per lui frattura del perone) ma non la voglia di dimostrare, una volta di più, di meritare una classifica diversa. Così al fischio dell’arbitro i giallorossi prendono subito il comando delle operazioni e al 12’ sbloccano la gara: perfetta parabola su punizione di Selleri, De Sena anticipa tutti e insacca. Il Ravenna non molla la presa e al 21’ con Papa (botta da fuori) e al 35’ con De Sena spaventa la formazione brianzola. Che si fa vedere un minuto dopo con un insidioso tiro di Palma dal limite che Venturi addomestica in due tempi. Al 38’ servizio smarcante di Selleri per Broso che conclude troppo sul portiere.

Non cambia il copione nella ripresa: è sempre il Ravenna a farsi apprezzare nella costruzione e in fase di tiro. Broso al 4’ si esibisce in una spettacolare rovesciata: il gesto tecnico avrebbe meritato il premio del gol. Il pallone esce, invece, di pochi centimetri. Le linee compatte del Ravenna tengono lontano il Renate dai sedici metri giallorossi. Al 22’ Gomez, a palla lontana, rifila una gomitata a Capitanio: per lui espulsione e doccia anticipata. L’inferiorità numerica scuote il Renate: il Ravenna è costretto ad arretrare di qualche metro, Palma, Ungaro e ancora Palma, tutti su punizione dal limite, dispensano brividi e quando gli ospiti trovano la porta c’è Venturi pronto e attento a rintuzzare i tentativi di Ungaro e Palma. Poi, i giallorossi possono liberare l’urlo liberatorio di gioia, per una fondamentale e pesantissima vittoria.

 

Il parere del mister “Vittoria meritatissima – sottolinea l’allenatore del Ravenna, Mauro Antonioli - complimenti ai miei ragazzi che hanno fatto tutto quello che avevamo preparato in settimana; ci davano tutti per spacciati prima della partita e gli ulteriori infortuni non ci hanno aiutato, ma i ragazzi hanno tirato fuori una prova di orgoglio e di qualità, contro una grande squadra, la classifica lo testimonia. Abbiamo avuto altre occasioni per fare gol, la squadra ha disputato una partita quasi perfetta. Questa è una vittoria che vale doppio”.

 

 

Il tabellino della partita

 

Ravenna-Renate 1-0

 

RAVENNA (5-3-2): Venturi; Magrini, Ronchi, Lelj, Capitanio, Venturini; Cenci (29’ st Piccoli), Papa, Selleri; Broso, De Sena (44’ st Maistrello). A disp.: Gallinetta, Portoghese, Severini, A. Ballardini, Ierardi, Sabba. All.: Antonioli.

RENATE (4-3-3): Di Gregorio; Anghileri, Di Gennaro, Savi, Vannucci; Simonetti (30’ st Fietta), Pavan, Palma; Ungaro, Musto (1’ st Gomez), Finocchio. A disp.: Cincilla, Malgrati, Makinen, Piscopo, Mattioli, De Micheli, Sofia. All.: Cevoli.

ARBITRO: Cudini di Fermo.

RETE: 12’ pt De Sena.

NOTE: Espulso al 22’ st Gomez per gomitata ad un avversario. Ammoniti: Cenci, Venturi, Maistrello. Spettatori 968 per un incasso di 5.000 euro. Angoli: 1-5. Recupero: 0’ e 4’.

 

 

Ufficio stampa Ravenna FC 1913

Massimo Montanari



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'