In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Calcio | Giovanili | Allievi

ALFONSINE – CLASSE 1 – 2 prima sconfitta (immeritata) che non deve quindi togliere certezze

12/11/2018


ALFONSINE – CLASSE  1 – 2 prima sconfitta (immeritata) che non deve quindi togliere certezze

Alfonsine in campo con il 4-4-2 di partenza solito composto oggi da: Babini in porta, Calì, Bucchi, Di tommaso e Rossi in difesa. Monti, Selva, Pasi e Manara a centrocampo, Guerra e Sibilio di punta.
Partita come scritto molto equilibrata tanto che per i primi 5 minuti nessuna delle due squadre riesce ad arrivare in area avversaria. Poi l’Alfonsine comincia a premere lasciando agli avversari solo il gioco di rimessa con il lancio lungo (costato poi il gol). Al 17 ° la prima colossale occasione su cross di Bucchi da sinistra dove Sibilio colpisce di ginocchio mandando alto dall’interno dell’area piccola.
Al 22° di nuovo Sibilio ha una buona occasione all’interno dell’area ma spara alto dal limite
Al 28° di nuovo Sibilio si presenta dentro l’area ma a tu per tu con il portiere spedisce a lato.
E come sempre capita nel calcio, quando si sprecano troppe occasioni si paga dazio. Al 36° infatti su un lancio dalla loro area l’ultimo difensore salta male mancando l’impatto con la palla e l’attaccante del Classe è libero di aggirare Babini in uscita alla disperata e insaccare l’1-0.
Bravi i ragazzi a reagire subito e pareggiare quasi immediatamente e prima della chiusura con una ripartenza che trova Manara che dalla trequarti di destra fa partire un cross lungo trovando Sibilio pronto con una pregevole spaccata volante ad anticipare difensore e portiere insaccando il meritatissimo pareggio. Ha concretizzato l’occasione più difficile da insaccare…
Secondo tempo che parte senza cambi e l’Alfonsine che continua a provarci con maggior convinzione. Al 5° percussione di Monti dalla sinistra che penetrando in area si presenta ai 7 metri colpendo con un esterno destro ma tirando addosso al portiere).
Al 12° altra occasione colossale su calcio angolo, svetta Manara che mette quasi in porta scavalcando il portiere, Guerra, in condizioni di equilibrio precario anticipa involontariamente Bucchi alle sue spalle (meglio piazzato), sparando alto sopra la traversa.
E di nuovo la dura legge del gol colpisce l’Alfonsine 5 minuti dopo quando su calcio d’angolo svetta un giocatore del Classe che di testa insacca il 2-1 (in quest’occasione si è sentita molto l’assenza “fisica” dell’infortunato capitano).
L’Alfonsine ci prova subito alla ripresa del gioco, lancio di Pasi lungo, Sibilio entra in area presso il vertice destro ma il suo tiro finisce alto di poco. L’ennesima occasione sprecata sembra spegnere l’Alfonsine, probabilmente anche stanco.
Al 20° giallo per Bucchi che con una trattenuta provvidenziale ferma l’attaccante del Classe che da centrocampo si stava involando verso la porta con il solo Calì rimasto a contrastarlo. Al 24° entra CUmali per Monti, al 33° Fabbri Luca per Guerra e al 36° Prezioso per Manara.
Ultimo sussulto al 38° con una caparbia azione insistita di Pasi sulla destra il cui tiro-cross viene salvato in angolo dal portiere.
Ultimi minuti che vede il Classe amministrare la palla sempre vicino alla linea laterale e di fondo per perdere tempo e da un angolo ne scaturisce l’unica altra vera loro occasione della partita ma colpiscono il palo.
Come prevedibile, scontro al vertice molto equilibrato tra le due imbattute del campionato decisa solo dagli episodi e dalla mira non proprio lucida sottoporta dell’Alfonsine. Paradossalmente si è sofferto molto di più contro il San Pietro in Vincoli (soprattutto nel primo tempo) che nella partita di oggi in cui fino al 2 – 1 ospite il dominio della squadra di casa (almeno nelle occasioni, non nel gioco molto equilibrato) è stato evidente. Speriamo che questa prima sconfitta non lasci scorie emotive, perché giocando in questo modo non ci saranno problemi a superare i prossimi ostacoli sul cammino per raggiungere l’obiettivo dei primi tre posti in classifica.
Classe che ha avuto il merito di concretizzare due delel poche occasioni avute.
Per quanto riguarda il campionato niente di invariato essendoci stati tutti testa e coda. L le teoriche 6 squadre che ancora si giocano i 3 posti disponibili. Sabato partita fondamentale per noi a Savio dove con una vittoria metteremmo quasi in cassaforte la qualificazione. La classifica dice che il Savio potrebbe battendoci teoricamente rientrare in corsa ma in realtà, viste le partite rimaste e la classifica avulta, potrebbe solo danneggiare noi perché loro sono “virtualmente” fuori anche vincendole tutte.
ABITRO bravo, uno dei migliori visti fin qui. Da segnalare la scena quasi comica all’inizio della partita quando dal pubblico qualcuno gli ha urlato “allora?” (per un presunto fallo non fischiato) e lui si è girato e ha fatto il tipico gesto indicante “che vuoi? Sono io che arbitro” provocando una risata generale. In fondo le proteste fanno parte del gioco finché ci si limita a queste cose (non è successo questo in altre partite con un pubblico decisamente più aggressivo e fuori luogo).
Buona fortuna ragazzi.
Andrea Selva
N.b. Ricordo che il presente articolo è un opinione puramente personale, non pretende di essere una verità assoluta perché nessuna opinione lo è, tanto che se la chiedete a 10 persone che hanno guardato la stessa partita, avrete dieci opinioni diverse, molte volte anche antitetiche.




Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'