In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Calcio | Giovanili | Giovanissimi

We Love Football 2019 - Quante sorprese al debutto!

Di We Love Football 17/04/2019


We Love Football 2019 - Quante sorprese al debutto!

L'Under 15 della Spal


 

 

WE LOVE FOOTBALL, QUANTE SORPRESE AL DEBUTTO

La quarta edizione del torneo internazionale under 15 targato Despar si apre con una giornata ricca di gol ed emozioni. Tra i risultati spicca la prima vittoria assoluta per i giapponesi dello Shonan Bellmare, vittoriosi sul Milan per 1-0. Domani in campo anche le ragazze sul campo di Zola Predosa: otto squadre si sfidano dalle 15 alle 20

 

La quarta edizione di We Love Football Trofeo Despar non poteva cominciare in maniera migliore. Il sole, il grande pubblico e una pioggia di gol hanno fatto da cornice alla giornata inaugurale di questo torneo internazionale under 15 che porta squadre da tutto il mondo a Bologna e dintorni. Tre i campi di gara: Castenaso, Corticella e Monte San Pietro. Il meglio del calcio giovanile nella settimana di Pasqua. La dotta sarà capitale e ombelico del mondo fino a lunedì, giorno di Pasquetta, quando si giocheranno le finali allo stadio Dall’Ara. Nel tempio del calcio felsineo le due finaliste si contenderanno il trofeo di questa quarta edizione di We Love Football, la kermesse ideata e organizzata dall’ex calciatore Marco Antonio De Marchi.

Nella giornata inaugurale, prima di ogni incontro, è stato osservato un minuto di silenzio per ricordare i calciatori del Flamengo morti a causa di un incendio qualche mese fa. A Castenaso, inoltre, è stato ricordato Donato Svezia, poliziotto tifoso dell’Inter: prima della sfida con la Spal, infatti, i giocatori interisti hanno esposto uno striscione: “Donato Svezia sarai sempre nei cuori nerazzurri”.

Venendo al campo, sono state tante le sorprese in questa prima giornata. Nel girone A il Parma ha battuto 2-0 il Palmeiras grazie a una doppietta di Saponara, mentre l'Inter ha ceduto di misura alla Spal in virtù della rete di Zuberek. Con lo stesso risultato il Sassuolo ha beffato all’ultimo minuto la Roma (1-0), inserite nel girone C insieme a Lokomotiva Zagabria e Montreal Impact, che hanno dato vita all'unico 0-0 di giornata. Nel girone B parte male l'avventura delle due italiane: la B Italia lascia i tre punti all’Atletico Mineiro, vittorioso per 2-0 con un gol per tempo, mentre l'Atalanta si fa sorprendere dagli americani del Weston che si impongono 3-2. Infine, nel girone D, si registra la prima vittoria assoluta a We Love Football da parte dei giapponesi dello Shonan Bellmare, capaci di piegare il Milan per 1-0. Nell'altra sfida il Bologna si arrende all'Ajax per 2-1: decisiva la doppietta di Dongen.

 

 

TABELLINI 1ª GIORNATA

GIRONE A

Campo “Negrini” di Castenaso

PALMEIRAS-PARMA 0-2

PALMEIRAS: Palomares, Dias, Serafim, Guimaraesm Coloni, Freitas, Craveiro, Elias, Almeida. All.: Lucas Pereira De Andrade. A disp.: Santos, De Silveira, Belluco, De Lima, Da Silva, Polito, De Arruda, Dos Santos, Silva Lima

PARMA: Piga, Vona, Gandelli, Ubaldi, Perez, Saponara, Foresta, Leoni, Bo Adu, Traore. All:: Michele Saltor. A disp.: Niang, Brunani, Onesto, Bertolotti, Di Marcello, Brignoli, Gozzo, Beduschi, Cavalca.

Reti: 20’pt Saponara, 23’pt Saponara

È la giornata del Parma. I ducali allenati da Saltor hanno preso subito in mano le redini del match, per la squadra carioca non c’è stato praticamente scampo. Le due reti di Saponara segnate nel primo tempo hanno fatto la differenza. Saponara, autore della doppietta, è uno di quei calciatori emergenti da tenere d’occhio.

 

INTER-SPAL 0-1

INTER: Formosa, Marocco, Liberti, Nava, Moratti, Menegatti, Sarr, Bailo, Gatti, Pelamatti, Clerici. All.: Paolo Annoni. A disp.: Bonucci, Perin, Peretti, Motti, Gambato, Bonavita, Gabor,

SPAL: Pezzolato, Abdalla, Puletto, Santini, Catanzaro, Zuberek, Cavaliere, Saiani, Gobbo, Contiliano, Dell’Aquila. All.: Claudio Rivalta. A disp.: Saccenti, Bruno, Racu, Cavallini, D’Andrea, Mascellani, Zanni, Ardizzoni, Chinappi.

Reti: 15’pt Zuberek,

Bel momento prima dell’incontro con i calciatori nerazzurri che sono scesi in campo con uno striscione: “Donato Svezia sarai sempre nei cuori nerazzurri” in ricordo del poliziotto tifoso dell’Inter scomparso qualche mese fa. Bell’incontro, sbloccato da Zuberek a metà della prima frazione. Nella ripresa la Spal ha retto ed è riuscita a portare a casa uno scalpo importante.

 

La classifica:
Parma 3
Spal 3
Inter 0
Palmeiras 0

 

 

GIRONE B

Centro sportivo di Monte San Pietro

B ITALIA-ATLETICO MINEIRO 0-2

B ITALIA: Boleletta, Ragazzetti, Ferrante, Sabatino, Mainardi, Elia, Scalmana, Mor, Dentale, Straccio, Ganci. All.: Massimo Piscedda. A disp.: Gallo, Pregnolato, Musso, Salvador, Marsiglia, Thioune, Parolisi.

ATLETICO MINEIRO: Vilela,Rodrigues, Henrique, Junior, Ribas, Antonio, Luca, Tomich, Lemos, Oliveira, Magnusson. All.: Alves Sergio. A disp.: Vitor, Silva, Kallyel, Magnusson, Vilaca, Eduardo, Nogueira, Oliveira, Fernandes, Rocha.

Reti: 10’pt Lucas, 17’st Oliveira

Con un gol per tempo i brasiliani dell’Atletico Mineiro hanno centrato la prima vittoria di questo torneo, vittima della squadra carioca l’Italia B allenata da Massimo Piscedda. Ha aperto le marcature Lucas, le ha chiuse nella ripresa Oliveira. E’ stato un incontro dai contenuti tattici interessanti.

 

ATALANTA-WESTON 2-3

ATALANTA: Pasqualini, Pedrini, Regonesi, De Palma, Monterosso, Tieri, Guerini, Stabile, Ndour, Biral, Lo Giudice. All.: Andrea Di Cintio. A disp.: Maglieri, Colombo, Vitucci, Cellerino, Muhameti, Agliardi, Ardenghi, Truosolo, Favero.

WESTON: Del Toro, Allen, Batiste, Cuartas, Davidson, Fernandes, Han, Loukas, Quellette, Teruel, Freeman. All.: Mirco Gubellini. A disp.: L. Natoli, M. Natoli, Rodriguez, Ziegler, Rivera, Morillo.

Reti: 5’pt Cuartas, 24’pt Lo Giudice, 10’st Davidson, 15’st Cuartas, 20’st Muhameti

Un bel primo tempo, alla marcatura iniziale di Cuartas ha risposto Giudice. Le due squadre non hanno risparmiato energie, la disposizione tattica ha fatto il resto. Ma non è mica finita. Nella ripresa il Weston è andato in fuga con Davidson e ancora Cuartas, prima che Muhameti siglasse il 2-3. La squadra di Gubellini ha vinto meritatamente.

 

La classifica:
Atl. Mineiro 3
Weston 3
Atalanta 0
B Italia 0

 

 

GIRONE C

Campo “Biavati” di Corticella

SASSUOLO-ROMA 1-0

SASSUOLO: Pizzolato, Ughetti, Baldini, Semeraro, Cannavaro, Martini, Zafferrri, Baldari, Sighinolfi, Fabiani, Loporcaro. All.: Papalato. Milano, Lombardo, Incerti, Bellentani, Dangelo, Cinquegrano, Boakye, Quarta, Kumi.
ROMA: Baldi, Catena, F. D’Alessio, Falasca, Koffi, Lili, Muratori, Padula, Pagano, Pandimiglio, Simone. All:: Tanrivermis. A disp.: Cherubini, L. D’Alessio, Liburdi, Mastrantonio, Mirimich, Missori, Pellegrini, Pisilli, Tomaselli.

Reti: 31’st Boakye

È una bella partita tirata, ma nel primo tempo non ci sono gol con le due squadre che vanno al riposo sullo 0-0. Nella ripresa il tema tattico della sfida non è cambiato, i ragazzi di Christian Papalato si sono fatti valere al fotofinish quando nel primo minuto di recupero Boakye ha infilato la porta di Baldi regalando ai neroverdi tre punti meritati.

 

LOKOMOTIVA ZAGABRIA-MONTREAL IMPACT 0-0

LOKOMOTIVA ZAGABRIA:Vincelj, Cabrajic, Gubijan, Radujkovic, Hrs, Batur, Simi, Capan, Zlatunic, Kupsjak, Matijevic. All.: Zeliko Dacer. A disp.: Seltkovic, Stranic, Matic, Kukavica, Rell, Vrdoliak.

MONTREAL IMPACT: Hèbert, Beland, Caron, Cloutier, Henry, Saliba, Alexandre, Therrien, Antinoro, Assi, Keita. All:: Dominque Morin. A disp.: Muresan, Anastasopoulos, Dominique, Daouda, Volcy.

Una partita stregata per gli attaccanti. Le occasioni ci sono state, ma il risultato è rimasto lo stesso del calcio d’inizio. Un pareggio che accontenta entrambe le squadre, cominciare un torneo con un risultato positivo è sempre un buon inizio. Sia Zagabria che Montreal hanno buoni mezzi tecnici e agonistici.

 

La classifica:
Sassuolo 3
Lok. Zagabria 1
Montreal Impact 1
Roma 0

 

Campo “Biavati” di Corticella

MILAN- SHONAN BELLMARE 0-1

MILAN: Bartoccioni, Camara, Bozzolan, Incorvaia, Luscetti, Foglio, Cellamare, Anut, Montalbano, Galli, Gala. All.: Gianluca Polistina. A disp.: Nava, Dipalma, Marrone, Sette, Rossi, Alesi, Perego,

SHONAN BELLMARE: Tatusho, Yuki, Koyo,  Soru, Riki, Ryosuke, Motoyasu, Kio, Taiga, Shunsuke, Yuito. All:: Takayuki. A disp.: Daichi, Rin, Issei, Daiki, Shion, Takuma, Ikechukwu, Ikki, Sho, Tsubasa, Yuta.

Reti: 29’st Ikechukwu

Una bella battaglia sportiva fra i rossoneri e i giapponesi. Ad un primo tempo molto equilibrato, chiuso senza marcature, ha fatto seguito una ripresa ancora più intensa. Quando il match sembrava incanalato sullo 0-0, è arrivato il colpo del ko di Ikechukwu che ha inflitto il semaforo ai lombardi. I nipponici sono stati bravi a crederci fino alla fine, ai rossoneri è mancato il guizzo finale sotto porta.

 

AJAX-BOLOGNA 2-1

AJAX: De Graaf, Camara, Gooijer, Milovanovic, Aning, Brandes, Banel, Rijkhoff, Chourak, Dongen, Jansen. All: Cedric Van Der Gun. A disp.: Setford, Bobson, Viereck, Brussee, Oughcha, Debois, Chahid, Klaassen.

BOLOGNA: Albieri, Montalbani, Ofoasi, Stivanello, Motolese, Anatriello, Mazia, Armaroli, Maltoni, Zaffi, Corazza. All.: Francesco Morara. A disp.: Talon, Borsato, Casadei, Malva, Renta, Talon, Cricca, Busato, Brigliadori Raimondo.

Reti: 7’pt Dongen, 27’pt Dongen, 20’st Malva

Una bella squadra l’Ajax, capace di fare un calcio totale ed avvolgente. Nel primo tempo la doppietta di Dongen ha steso il Bologna. Nella ripresa la formazione felsinea ha accorciato le distanze con Malva. Gli olandesi sono uno dei team più importanti di questa quarta edizione di We Love Football Trofeo Despar.

 

La classifica:
Ajax 3
Shonan Bellmare 3
Milan 0
Bologna 0

 

 

 

TUTTI DA FICO PER LA FESTA DI WE LOVE FOOTBALL

 

Domani, alle ore 10.30, il parco agroalimentare più grande al mondo ospita la presentazione ufficiale del torneo internazionale under 15 ideato da Marco Antonio De Marchi. In mattinata, a Calderara, è andato in scena il convegno “Un calcio alla violenza, un assist alla legalità” davanti a quasi 100 ragazzi delle scuole medie

 Un maestro della panchina (Alberto Zaccheroni), un grande ex calciatore (Marco Antonio De Marchi), un politico che da sempre dimostra grande attenzione verso lo sport (Stefano Bonaccini) e una conduttrice d'eccezione (Sabrina Orlandi). Sono questi gli ingredienti che renderanno unica la presentazione ufficiale della quarta edizione di We Love Football in programma domani, giovedì 18 aprile, da Fico Eataly World. L'anfiteatro al centro del parco agroalimentare più grande del mondo, infatti, anche quest'anno ospiterà la festa del torneo internazionale di calcio giovanile under 15 che oggi ha aperto i battenti con le prima giornata della fase eliminatoria.

L'evento - visibile in diretta live Facebook sulla pagina di We Love Football e su quella di FICO Eataly World - coinvolgerà tutte le squadre che partecipano al torneo (24 complessive, 16 maschili e 8 femminili) portando sugli “spalti” di Fico centinaia di ragazzi e ragazze. Tra un video e l'altro, in pieno stile Oblivion Production, società che da sempre cura l'organizzazione di We Love Football a 360 gradi, la nota inviata di Sky Sabrina Orlandi  condurrà le danze dando vita a un divertentissimo talk show con gli ospiti presenti sul palco prima di dare voce ai “millennials” assiepati nell'anfiteatro, veri protagonisti della manifestazione sportiva ideata dall'ex bandiera rossoblù Marco Antonio De Marchi. Il botta e risposta con i “campioni del futuro” sarà seguito dal commovente ricordo di qualcuno che, purtroppo, avrebbe potuto diventarlo e oggi non c'è più: Christian Esmerio Candido, estremo difensore del Flamengo che prese parte a WLF 2018 tragicamente scomparso lo scorso febbraio in un terribile incendio, al quale sarà intitolato il premio di miglior portiere del torneo.

La chiusura dell'evento spetterà invece a MaLaVoglia, che si esibirà dal vivo presentando il brano "Non siamo tutti calciatori", inno della NAIA (Nazionale Artisti Indipendenti Associati), la squadra che oggi pomeriggio ha sfidato il Team di We Love Football allenato da De Marchi e composto da tanti ex calciatori del Bologna: Pierluigi Di Già, Andrea Bergamo, Renato Villa, Fabio Poli, Giuseppe Anaclerio, Marco Negri, Marco  Di Vaio, Dario Morello e Marco Roccati.

 

APPLAUSI PER IL CONVEGNO SULLA LEGALITÀ

Un centinaio di bambini e bambine sorridenti e interessati delle scuole medie di Calderara ha preso parte al convegno “Un calcio alla violenza, un assist alla legalità”, primo evento collaterale di We Love Football, torneo internazionale di calcio under 15 che da oggi al 22 aprile si terrà a Bologna. Andato in scena nella splendida Casa della Cultura Italo Calvino, l'iniziativa organizzata dal Comune di Calderara di Reno in collaborazione con il Forum Italiano per la Sicurezza Urbana e l’Associazione nazionale dei funzionari della Polizia di Stato intendeva promuovere la cultura della legalità nello sport nel tentativo di prevenire ogni forma di inciviltà, discriminazione e violenza nelle manifestazioni sportive e nella società.

Moderatore dell'incontro Nicola Gallo (Delegato Nazionale ANFP), che ha toccato tanti temi interessanti sottolineando l'importanza di perseguire in sinergia un obiettivo comune: cambiare la cultura italiana “Bisogna rispettare le regole, bisogna che questo sport torni a essere un momento di crescita e divertimento. Per educare bisogna che il mondo della scuola ci aiuti, perché l'educazione parte da qui. La polizia, da sola, non può cambiare le cose. Fermare le risse è complicato, allo stadio come in qualsiasi altro posto. Le parole spesso non servono mentre le armi sono sempre pericolose, anche se usate come monito. Per fortuna, grazie alla tecnologia e una serie di norme, oggi abbiamo fatto passi avanti per controllare gli ingressi allo stadio, dove un tempo noi funzionari della Polizia di Stato formavamo vere e proprie ‘catene umane’ per fermare i facinorosi. Ma questo non basta ancora. Bisogna lavorare tutti insieme affinché le persone vadano a vedere le partite con un altro spirito – ha spiegato Gallo - Come Associazione teniamo a far presente che la cultura della legalità è un impegno di tutti, enti e persone che sono coinvolte nei processi educativi. Tra l'altro dalla prima indagine scientifica è emerso che i giovani che assistono a scene di violenza tendono a non parlarne con nessuno se non a scuola, poiché trovano nella figura dell'insegnante un interlocutore privilegiato. Si conferma, dunque, ancora una volta, il ruolo strategico della scuola nella correzione di comportamenti e abitudini trasgressivi per la prevenzione della violenza e per l'educazione alla legalità”.

“Questo convegno è un'opportunità di incontro tra due associazioni nazionali e un progetto sportivo a 360 gradi come We Love Football - ha spiegato Gian Guido Nobili (Forum Italiano Sicurezza Urbana) - per presentare una nuova ricerca sulla visione che hanno i ragazzi sul  tema della legalità nel mondo dello sport e sul tema del fair play. Questa ricerca condotta con l'università Sapienza di Roma ci permette, a distanza di 10 anni, di tornare a indagare su un aspetto molto delicato e We Love Football sarà determinante perché ci permetterà di attuarla attraverso un questionario che coinvolgerà tutti i giocatori del torneo. I ragazzi delle medie di Calderara presenti oggi al convegno li abbiamo scelti in quanto coetanei dei giocatori di WLF e saranno invitati allo stadio Dall'Ara per assistere alle finali. Un momento di aggregazione unico anche per loro”.

A seguire è intervenuto Marco Antonio De Marchi, ideatore di We Love Football: “Il nostro progetto, anno dopo anno, sta inserendo nuovi eventi come questo convegno in un percorso di crescita continua. L'idea alla base di questo torneo è mettere a confronto le varie culture e far sì che si rispettino tra loro. Per quanto concerne il torneo ho deciso di partire da una categoria come l'under 15 perché a questa età si ha la forza e la capacità di ascoltare e crescere, proprio come questi ragazzi che sono qui oggi. WLF significa passione, entusiasmo e rispetto delle regole del calcio, che è lo sport più praticato del mondo, e della vita”.

Tra i relatori anche Maurizio Labanti (dirigente sportivo dell'Airone Calcio Calderara) e Giuseppe Bonfiglioli (presidente dell'U.P. Calderara). Ai partecipanti è stata consegnata una sintesi della ricerca contenuta nel volume “La sicurezza negli stadi. Profili giuridici e risvolti sociali” a cura di Roberto Massucci e Nicola Gallo, edito dalla Franco Angeli nella collana “Sicurezza civile” dell’Associazione Nazionale Funzionari Polizia.

 




Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'