In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Calcio

Padre

30/04/2019


Padre

 

CAMPIONATO PROVINCIALE C.S.I. PROMOZIONE                                                    CALCIO A 11

 

                                                                     PADRE

 

FELSNER A.S.D. :  Dansoko; Saliou, Bakary; Jallow, Sacko , Sauraboro ; Conde , Gyan Martin , Kane, Mbalo, , Colley 13),Fassou , 14) Abdoulie, 15), Kone, 16) Coulibaly, 17) Darboe Ousainou, 18) Darboe Bamba,  19) Nouhoun. Guardalinee : Taiwou; Dirigente Accompagnatore : Cristofori Roberto; Dirigente addetto all’arbitro : Maccari Maria Luisa; Allenatore : Patelli Bruno; Allenatore in seconda : Pelliconi; Wilmer; Allenatore Portieri : Matteucci Christian; Preparatore Atletico : Patelli Barbara.

 

Padre Nostro che sei nei cieli, dacci oggi la duecentomillesima manifestazione dei gilet gialli. Ma perché  si è giunti, in Francia, a cotale numero di manifestazioni ? Probabilmente perché i manifestanti non si ricordano più le motivazioni (?!?!) della prima (nata contro l'aumento delle tasse sul carburante) ? O forse perché ambiscono contendere all’Italia la supremazia, nei Guinnes dei primati, dei cassonetti bruciati ? Oppure perché temono che sia scemato l’interesse straniero per visitare la Tour Eiffel od il Museo del Louvre e si propongono come una nuova attrazione turistica ? O forse perché, emuli di Pietro d’Arezzo (detto l’Aretino), paventano che “nell’ozio regni tentazione” ? Ma la risposta più plausibile pare stagliarsi nella storica ansia competitiva di primato tra Francia ed Italia : vuoi vedere che, in termini di rottura dei cogl…….., i francesi ambiscano superare anche Elena Giraudi e Poltrone e Sofà ? What else, vero George ?

 

E dopo l’imprescindibile, liberatorio “MA VAIA VAIA VAIA !!!!” potrò finalmente, in compagnia dei soliti noti (maestranze di TFC (Alfonsine), Autocarrozzeria Standard e Imola Assicurazioni) [ma non starò diventando a mia volta monotono ?!] avventurarmi, sul campo del Pilastro, dove la Felsner proverà ad allungare la striscia verde dei successi per lanciarsi sui play off in condizione di miglior favore. L’antagonista di turno è ostico alquanto e fisico e non mostra alcun timore reverenziale. Mister Pelliconi (che cerca di far risparmiare voce al coach Patelli) capisce che occorre inculcare tranquillità e far mantenere la calma : la Felsner ha nelle proprie corde il grimaldello per far aprire la via della rete e Sirajo e Sako dimostrano di poterlo usare da un momento all’altro. Ed è proprio dal piede del ritrovato bomber che sortisce l’affondo della prima rete. Potrebbe allungare e mettere al sicuro il risultato, la compagine di Cristofori e Matteucci, sulla più ghiotta delle opportunità : un penalty immediatamente concesso dall’arbitro, ma il piede dell’esecutore ha qualche callo di troppo e l’opportunità sfuma. Analoga opportunità occorre di poi al Due Torri e dal dischetto l’atleta bolognese, emulo di Paganini, non ripete l’errore della Felsner (1-1). Ci vuole un Sako bello (come direbbe Verdone) per riportare in vantaggio gli atleti di Maria Luisa Maccari e la calma olimpica del Vice Pelliconi per mantenere  il controllo funzionale a portare in porto un risultato che da nuovo slancio ad una squadra dagli alterni risultati nel girone di ritorno.  

 

Non ci sarebbe voluta la pioggia, invece, al Mugello, a frenare la corsa del driver Andrea Longo della Andrea Longo Racing che gareggia per i colori della MG. Fra bagnato e rapida asciugatura della pista è tutto un terno al lotto (e poi non dimentichiamo il “mestiere” e la classe dei battistrada) ma un piazzamento fra il 12° ed il 15° posto è comunque suscettibile di portare ossigeno alla classifica.

 

 



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'