In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Calcio | Allievi

Il Pietracuta vince il campionato Allievi Provinciali - Rimini

I rossoblu di Mister Mugellesi stravincono il campionato

13/05/2019


Il Pietracuta vince il campionato Allievi Provinciali  - Rimini

Il campionato Allievi Dilettanti Provinciali Rimini - girone azzurro - è stato vinto dal Pietracuta domenica 28 aprile con due giornate d’anticipo grazie alla vittoria esterna per 2-0 sul campo dell’Igea Marina.
I ragazzi di Mister Giacomo Mugellesi si erano piazzati al secondo posto, dietro alla corazzata Santarcangelo, già nella fase autunnale che li avrebbe dovuti proiettare, nella fase primaverile, al campionato regionale, negata da una alquanto discutibile norma regolamentare.
I rossoblù non si sono fatti prendere dallo sconforto e a quel punto, da subito, si sono messi in testa di provare a vincere il campionato Provinciale; i ragazzi hanno messo in pratica gli insegnamenti del loro ottimo Mister Mugellesi, splendidamente coadiuvato dal vice Marcello Fabbri, praticando un ottimo calcio sotto tutti gli aspetti, a cominciare da quello tecnico.
L’allenatore riminese, con già alle spalle diverse esperienze in panchina soprattutto coi grandi, predilige il bel gioco, fatto di coralità e non di lanci lunghi come spesso purtroppo accade di vedere in queste categorie. Solitamente schierato con un offensivo 4-3-3 per sfruttare l’agilità e la tecnica delle sue ali, in qualche occasione ha usato il trequartista per un più ragionato 4-3-1-2 anche per dare più fisicità al centrocampo e in qualche circostanza, spesso a partita in corso, anche ad un più coperto 4-4-2, sempre e comunque con lo scopo di “giocare e comandare la partita”.
Il gruppo a sua disposizione si è rilevato nel complesso di un buon livello generale, con qualche individualità di spicco, una su tutti quel Bernardi Edoardo, classe 2003, miglior marcatore nella fase autunnale con 8 reti, che tanto ha fatto e farà parlare di se; centrocampista completo ha fatto spesso la differenza anche se nella parte primaverile è stato impiegato in maniera ridotta considerata la sua costante presenza in prima squadra; altri, chi più, chi meno, oltre a Bernardi, hanno respirato aria “dei grandi” essendo stati a turno convocati da Fregnani, ovvero Giacomini che ha pure debuttato in Promozione, Faeti (il cui debutto è avvenuto già la scorsa stagione), Bartolini e una convocazione pure per Galli.
Proprio nel momento della frequente assenza del faro Bernardi la squadra si è ancor di più aggrappata al gioco ben trasmesso da Mugellesi ai ragazzi, e nello sprint finale i ragazzi hanno accelerato i giri del motore e non hanno più perso un colpo, nonostante l’infortunio di un elemento importante come Faeti. Nel girone di ritorno, 8 vittorie e un solo pareggio, a risultato peraltro già acquisito.
Un gruppo formato da 23 elementi, considerato l’inserimento da gennaio dell’eccellente Cappella, di cui 12 classe 2002, 9 classe 2003 e addirittura un paio dell’annata 2004; oltre a Bernardi convocato da tutte le rappresentative dilettanti (Provinciale, Regionale e Nazionale) anche Piva Francesco e Fabbri Alessandro parteciperanno nel prossimo weekend alla fase finale del Torneo dedicato alle Rappresentative Provinciali.
La stagione primaverile, che ha portato il Pietracuta alla conquista del campionato, è iniziata con 6 vittorie consecutive che presagiva ad una facile vittoria del torneo; visto la competitività delle altre rose non poteva essere così, infatti alla settima giornata il brusco alquanto imprevisto stop casalingo con l’Igea e la successiva sconfitta in quel di San Marino in un sabato dove il portiere avversario ha parato l’impossibile, rigore compreso, permetteva al Viserba il sorpasso in classifica; all’ultima di andata lo 0-0 in casa, nello scontro diretto con la nuova capolista.
Alla ripresa del campionato, dopo la sosta invernale, la vittoria per 1-0 sul difficilissimo campo della Marignanese, nella domenica dove il Viserba sperava invece nell’allungo; partita che probabilmente è stata determinante per la stagione perché ha dato nuova linfa e fiducia ai ragazzi in un momento difficile del cammino.
In quel di Marignano decisiva la rete a metà ripresa di Matteo Crociani che si è sorprendentemente trasformato nel miglior goleador della squadra, ripetendosi in più di un’occasione con ben 9 gol all’attivo.
Il controsorpasso dei rossoblu sul Viserba avviene la giornata seguente, con il 3-1 al Bindi ai danni del San Lorenzo e il pareggio casalingo dei riminesi con la Stella.
Primato che i ragazzi di Mugellesi non lasceranno più inanellando altre 5 vittorie consecutive (Stella, Rivazzurra, Promosport, Asar e Igea) esprimendo un gioco sempre più convincente, con il contestuale crollo del Viserba raggiunto al secondo posto e poi superato nello scontro diretto dall’ottima Marignanese.
Il pari casalingo per 1-1 col San Marino diventa così la giusta occasione per festeggiare il campionato appena vinto la domenica precedente a Igea Marina; chiusura in bellezza con la vittoria per 2-1 all’ultima giornata proprio a Viserba, chiusura a 44 punti, ben 8 in più sulla Marignanese, seconda in classifica a 36 e addirittura + 14 sulla terza, appunto il Viserba a 30.
Grande merito di questa splendida vittoria va suddivisa fra staff tecnico e dirigenziale e l’intera società.
Un plauso particolare va, secondo chi scrive, al Mister, che ha inculcato nella testa dei suoi ragazzi la voglia di giocare sempre a calcio, senza mai buttare via il pallone. In qualunque circostanza. Sempre. Visto ciò che si vede ultimamente sui campi di calcio, un aspetto tutt’altro che scontato.
E ovviamente un ringraziamento ai ragazzi, ad ognuno di loro che cito uno ad uno a seguire:
Ai portieri: Fabbri Alessandro e Likaj Francesco, entrambi affidabilissimi;
ai difensori: Fabbri Leonardo, sempre sul pezzo, Faeti Alessandro, un leader (peccato per l’infortunio a fine stagione), Pavani Matteo, elegante e con un preciso mancino, Giovagnoli Mattia, lui un destro che spesso ha giocato a sinistra, uno dei più saggi del gruppo, Bondi Marco, probabilmente la vera sorpresa essendo un 2004, a Stavola Amedeo, per tutti “Noce”, il Cannavaro della squadra, al capitano e ormai veterano del gruppo Giacomini Manuel, autentico leader in campo, Nicolò Stefano, il secondo innesto invernale che si è subito messo a disposizione;
ai centrocampisti: Cappella Alessandro, arrivato a dicembre, che ha subito consegnato al mister un’alternativa di lusso e autore di qualche rete decisiva, al mastino Jazaj Bektash (in arte Bekj) che fa della lotta la sua forza, al talentuoso Bartolini Tommaso, il Pirlo della squadra, una sentenza su punizione, all’immenso Piva Francesco, insostituibile quanto prezioso, aggiunge quantità alla tanta qualità che possiede, fisico e inserimenti alla Marco Tardelli che gli hanno consentito di realizzare un buon bottino di reti, al mitico Cobo Marko, tecnicamente molto dotato (anche lui un 2004), una sorta di dodicesimo uomo, oltre e naturalmente a Bernardi Edoardo, il genio della squadra;
agli attaccanti: Galli Riccardo, il 10 per eccellenza che di partita in partita si è fatto leader e autore pure lui di un buon numero di gol, punta esterna, trequartista, una sorte di “tuttocampista”, a Matteo Crociani, attaccante esterno, rapido e dalla giocata fulminea, fa del dribbling sullo stretto la sua forza, finchè non ha deciso di diventare pure goleador, a Nicola Gavelli, l’ariete della rosa, pronta a fare a sportellate con tutti e a macinare chilometri in continuazione, autore anche lui di un buon numero di segnature, a Morciano Gabriele, prezioso centravanti di movimento, che si è spesso alternato nel ruolo di attaccante centrale, a Bellavista Enrico, silenzioso quanto efficace, a Ellaini Wassime, piccolo ma frizzante, punta, esterna e all’occorrenza centrale, a Saccani Matteo, pietracutese doc, che fa dei colori rossoblu, anche in onore della sua squadra del cuore, il Bologna, una “ragione di vita”.
Ora alcuni numeri della stagione:
girone autunnale:
15 punti in 7 partite (5 vittorie e 2 sconfitte) media punti 2,15 con 20 gol fatti e 5 subiti
Miglior marcatore: Bernardi Edoardo (8 reti)
Campionato primaverile:
44 punti in 18 gare (14 vittorie, 2 pareggi, 2 sconfitte) media punti 2,45 con 36 gol realizzati e 15 subiti
Miglior marcatore: Crociani Matteo (9 reti)
Totale stagione (fase autunnale + primaverile):
59 punti in 25 partite (19 vittorie, 2 pareggi e 4 sconfitte)media punti 2,36 con 56 gol fatti e 20 subiti
Miglior marcatore stagionale: Bernardi Edoardo (13 gol)
Numeri di giocatori in gol: 14 su 21 (considerati i soli ruoli di movimento, portieri esclusi).
Clean sheet (partite senza subire alcuna rete): 10 partite su 25


L.C.


Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'