In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Futsal

Primato Felsner

12/06/2019


Primato Felsner

 

FINALI NAZIONALI OPES LEAGUE                                                           CALCIO A 5 FEMMINILE

 

                                                                             PRIMATO FELSNER

 

Sull’impianto di Portoverde a Misano Adriatico (RN)  si consumano le battute finali anche per il calcio a 5 femminile.  Due sono le gare de residuo del ritorno, ma la gara che deciderà tutto sarà certamente la prima.

 

Si accingono infatti al confronto Femminile Riccione e Felsner, entrambe con un bottino di 6 punti, conquistati però dalla Felsner in sole due gare, allorquando la Femminile Riccione di partite ne ha già disputate 3. Per le ragazze della Perla Verde, a ben vedere, che sono uscite sconfitte nel confronto diretto, all’andata, dal campo di San Lorenzo a Riccione, per 1-4, può essere utile solo un risultato : la vittoria, con almeno 4 reti di scarto, allorquando la Felsner, con un semplice pareggio, festeggerebbe in anticipo il primo gradino del podio, dovendosi considerare del tutto ininfluente una eventuale sconfitta nell’ultima gara della manifestazione, contro una rassegnata Passion Sport a zero punti.

 

Entrambe le contendenti hanno recuperato la completezza degli organici ed ostentano ferrea determinazione, tanto che il folto pubblico presente sugli spalti, recepisce fin da subito il confronto come la vera finale.

 

Per la Femminile Riccione l’imperativo è “far goal” ed effettivamente trova la via della rete, ma di fronte allo strapotere di Jenny, che al termine della manifestazione avrà collezionato un bottino di 6 reti, c’è ben poco da fare, specialmente se, in ogni dove, si possa trovare la strada sbarrata dall’esperienza di “Schillaci”.

 

In tutti i reparti la Fesner si erge “dalla cintola in su” : miglior portiere (una invalicabile saracinesca), Nico e “Sindaco” a spingere ed a governare la cerniera di centro-rilancio, Alicina, smaltita l’abulia della prima gara, a pungere laddove non arrivi Jenny ed un parco di “cambi”, all’occorrenza, comunque all’altezza delle sostituite. La contesa, laddove come si conviene non contempla scontro fisico, tutta orchestrata sulla tecnica (sopraffina) affascina la platea e concilia gli astanti col bel gioco. Se la aggiudica, con pieno merito la Felsner per 5-1 che raggiungendo quota 9 risulta irraggiungibile e pertanto già certa della vittoria finale, ma alla Femminile Riccione, partita ad handicap, va riconosciuto il merito di essersi leccata rapidamente le ferite e di non aver mollato mai.

 

Soltanto per onor di firma, pertanto, scendono in campo, alle 11,50, con un caldo cocente che indurrebbe le protagoniste a cimentarsi piuttosto con la pallanuoto, per dare vita all’ultima gara delle Finali, la Passion Sport e la Felsner già Campione d’Italia. Non c’è pathos, secondo ogni previsione : troppo diversi motivazione e morale e non trascurabile, a vantaggio dei Campioni, il divario di esperienze tra le contendenti, pur dovendosi prendere atto che la Passion Sport nel perfetto rispetto delle proprie tradizioni e blasone, onora la gara, senza smagliature. Il risultato finale sorride alla Felsner per 6-1 con il trionfo di Jenny che fa iscrivere per ben tre volte il proprio nome sul taccuino dell’arbitro (le altre reti : 1 per ciascuna, di Nico, “Schillaci” e Alicina).

 

Al secondo tentativo, sempre con la formula delle Final Three ad andata e ritorno, la Felsner centra il primato  succedendo nell’Albo d’Oro a Gubbio che l’aveva beffata nella scorsa edizione.

 

Questo l’Albo d’Oro delle Finali Nazionali : Anno 2007 Scudetto alla Lazio; 2008-2009-2010-2011 alla Packsavena (che si aggiudica, nel 2011, anche la Coppa); 2012 ad Arco di Augusto Rimini; 2013 al Lugano (con Arco di Augusto Rimini che si aggiudica la Coppa); 2014 alle Top Five Torino; 2015 alla Packcenter Imola Calcio Femminile; 2016 alle Top Five Torino; 2017 ad Argello Perugia: 2018 al Gubbio; 2019 alla Felsner.    

 

 



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'