In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Calcio | Dilettanti | 3a Cat. BO

Venturina ART, progetto, sogni, obbiettivi...

11/09/2019


Venturina ART, progetto, sogni, obbiettivi...

 

E'nata una nuova società in Terza Categoria, si chiama Venturina Art, la compagine gialloblu ha già disputato la prima partita ufficiale con il Castiglione pareggiando in rimonta.

La Presidente è Debora Giambalvo, uno dei pochi volti femminili in un calcio dilettantistico, tendenzialmente gestito e rappresentato da uomini.

 

Debora, com'è nata l'idea di costituire questa società?

"In una sera d'estate davanti al bancone di un bar – racconta Debora Giambalvo - abbiamo avuto l'idea di ricostituire questa società che nasce sulle ceneri della storica Venturina. Io, insieme a Marco Muzzarelli e Peter Incoronato siamo alla guida di questa nuova compagine. La squadra è allenata da Paolo Cini ed è pronta a dire la sua partendo dalla Terza Categoria. "

 

Com'è stata costruita la squadra?

"La nostra squadra è abbastanza giovane, ci sono 4 ragazzi esperti che faranno da chioccia ai meno esperti, ma la maggior parte della rosa è composta da giocatori con pochissima esperienza. Bisogna dare tempo ai ragazzi di conoscersi e crescere. Siamo comunque molto soddisfatti, ci sono elementi di Categorie superiori che ci daranno una grande mano nel corso della stagione."

 

La prima sfida è andata in archivio...

"Nel primo match eravamo sotto di due reti e siamo riusciti ad agguantare il pareggio con il Castiglione, questo mi fa piacere perchè abbiamo dimostrato di essere gruppo, di non mollare e di avere la giusta determinazione per rimontare anche un gap negativo."

 

Quanto è difficile fare calcio?

 

"Riuscire a fare calcio, dalle nostre parti, è difficilissimo, c'è un bacino d'utenza molto più piccolo rispetto a Bologna, le trasferte non sono spesso comodissime e gli sponsor ormai sono un miraggio, essendo noi appena nati, ancora di più. Ci dobbiamo rimboccare le maniche e augurarci che tutti ci diano una mano, ma siamo convinti di questo progetto e proseguiremo per la nostra strada."

 

Un progetto non solo di crescita a livello di risultati...

 

"Abbiamo deciso di costituire questa società, in primo luogo, per dare ai ragazzi un'opportunità di giocare in un periodo dove le società chiudono. Noi stiamo aiutando tantissime persone a fare sport in un paese dove, fino a questo momento, non c'era nulla. E' chiaro che vogliamo crescere, sperando di costruire un gruppo con fondamenta solide per continuare questo percorso anche in categorie superiori."

 

 

 

Alessandro Marzocchi



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'