In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Motori

Andrea Raimondi dopo una lunga pausa forzata è rientrato al CIV

24/09/2019


Andrea Raimondi dopo una lunga pausa forzata è rientrato al CIV

Primo appuntamento, dopo la pausa forzata causa l’operazione alla spalla destra, per Andrea Raimondi nel fine settimana scorso dove ha partecipato a round 5 del Campionato Italiano Velocità nella classe moto3 sempre in sella alla pesarese TM. Al venerdì ha disputato al mattino le prove libere e al pomeriggio quelle ufficiali dove ha riscontrato  un notevole calo di potenza di motore, a questo punto si provvedeva alla sostituzione con quello di riserva per l’ultima sessione di prove ufficiali di sabato mattina. Alle 13,30 è partita gara1 e Raimondi dopo una buona partenza è rimasto in pista fino al settimo giro su un totale di quattordici perché causa una “sbacchettata”alla spalla destra quella operata, man mano che girava il dolore aumentava e per non rischiare una caduta ha preferito fermarsi. Decisamente meglio domenica in gara 2 dove è giunto diciottesimo mantenendo un buon ritmo gara che fa ben sperare per il prossimo appuntamento a Vallelunga il 5 e 6 ottobre.

Sapevo che il rientro al CIV - dice Andrea Raimondi - non sarebbe stato facile perché era da troppo tempo che non facevo una gara, mi mancava un po’il ritmo che si acquisisce solo stando sulla moto cosa che non potevo fare in quanto il Dottor Veronesi che mi ha operato mi aveva detto di non farlo, poi la miglior forma fisica si raggiunge a fine stagione cosa che avevano i miei avversari, in più il motore ha avuto un notevole calo, di solito sul rettilineo raggiungevo i 225 Km invece dei 200 o dei 214 del secondo motore che ho usato in gara.”

 

Dal punto di vista tecnico - afferma Ezio Pironi capo tecnico del Lucky Racing Team - non dovevano esserci problemi, in settimana andrò in TM per capire la causa della perdita della velocità, al Mugello abbiamo sempre raggiunto i 225 Km per me era un buon motore.”



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'