In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Basket | Professionisti

Maccabi Rishon LeZion – Virtus Segafredo Bologna 79 - 85

7° giornata 7DAYS EuroCup

Di Jacopo Cavalli 13/11/2019


Maccabi Rishon LeZion – Virtus Segafredo Bologna 79 - 85

Rishon, 13 novembre –

Maccabi Rishon Lezion – Virtus Segafredo Bologna:

(Q1 22 – 25 / Q2 47 – 45 / Q3 69 – 60 )

Maccabi Rishon Lezion: Mashan NE; Swing 11; Bourdillon 15; Ariel 3; Blayzer 9; Kozahinof NE; Williams 19; Tishman; Dovrat 3; Hamilton 19; Shedletsky NE; Monroe NE.
Coach Goodes

Virtus Segafredo Bologna: Gaines 13; Pajola; Baldi Rossi NE; Markovic 6; Ricci 4; Delia ; Cournooh 6; Hunter 9; Weems 10; Nikolic; Teodosic 18; Gamble 19.
Coach Djordjevic

 

Il primo tempo. Markovic, Gaines, Weems, Ricci e Gamble, questo il quintetto scelto da Coach Djordjevic per la trasferta  israeliana.
Partita frizzante, le due squadre partono forte e dopo 3 minuti dalla palla a 2 il risultato è in perfetta parità, 8 a 8. Gamble sotto canestro è implacabile e Ricci trova i primi due punti con un tiro dentro l’area. Rishon trova in Bourdillon punti e giocate. La squadra di Goodes si porta avanti sul +3, ma Gaines dai liberi non sbaglia e porta i suoi compagni sul 11 – 10. Markovic, gioca spalla e a canestro, si gira e in transizione trova il canestro del primo vantaggio bianconero, 11 a 12 per la Segafredo dopo 5 minuti. Virtus che torna di nuovo in svantaggio, entra Teodosic e il numero 44 trova subito la tripla del pareggio, 15 a 15.  Rishon prende nuovamente il vantaggio con Williams e portandosi momentaneamente sul +6 a 2 minuti dalla fine del primo quarto. Weems trova il canestro del 21 a 17, dopo una sequenza di passaggi veloci al limite dell’arco, Hunter trova altri due punti dimezzando così lo svantaggio e portando la Segafredo sul -3.  Gaines ed Hunter, dalla lunetta, completano la rimonta virtussina, 22 a 23. Sempre Hunter chiude il primo quarto trovando il canestro finale proprio sulla sirena. Vu nere in vantaggio 22 a 25.
Secondo quarto che inizia con il tentativo di rimonta di Rishon. Parziale di 8 – 5 per il club israeliano e squadre di nuovo in parità alla Rishon Arena, 30 a 30. Weems commette fallo su Hamilton lanciato a canestro, il numero 42 dalla lunetta non sbaglia e porta i suoi compagni in vantaggio, completando così la rimonta del Maccabi. Coach Djordjevic chiama il time out, Gamble torna in campo e risponde con la schiacciata che vale il pareggio, 34 a 34. Primi 16’minuti di gara combattuti, gli le squadre non riescono a prendere il sopravvento una sull’altra, la partita è piacevole e i tifosi israeliani sugli spalti si fanno sentire anche con l’ausilio dei tamburi. Le squadre combattono punto a punto, è sempre Gamble a 3’dall’intervallo a lungo a tenere il passo della squadra israeliana. Ariel trova la bomba del 42 a 38, ma Teodosic, su assist di Markovic riporta le Vu nere a -1. Maccabi corre, lotta su ogni possesso e mette in difficoltà la Segafredo. Sirena e secondo quarto che si chiude con la squadra israeliana avanti con il parziale di 47 a 45. 17 punti per Gamble, Top scorer, fino a questo momento, del match.

Secondo tempo. La seconda frazione di gioco si apre con Gaines e Gamble concreti sotto canestro, trovano i punti necessari alla rimonta virtussina. Vantaggio Segafredo che dura pochi istanti, perchè prima Williams, Blayzer e ancora Williams creano il break dello 6-0, 55 a 50, Rishon avanti di 5 punti. Rishon spinge e sempre con Blayzer trova il gioco da 3 punti, canestro e tiro dalla lunetta; la Segafredo fatica, Bourdillon, ancora Blayzer trovano triple e punti fino ad ora insperati. Rishon che va sul +14 (66 a 52) al 27’. Vantaggio che si allunga ulteriormente perchè Williams dalla lunetta fa 1/2. Hamilton è piuù preciso, dai liberi fa bottino pieno. Milos e Weems provano a risalire la china e a rimontare lo svantaggio, Cournooh dalla lunetta fa 2/2, mentre l’asse Teodosic – Hunter funziona e il numero 32 americano schiaccia a rete. Finisce anche il terzo quarto, 69 a 60 per Rishon. Vu Nere che ora sono chiamate a reagire. Ultimo atto di partita che si apre con la tripla di Teodosic dopo un grandissimo intercetto di Markovic, Hunter stoppa il pallone in difesa, lancio per Weems che tutto solo appoggia al tabellone. Break di 5 a 1 per i bianconeri, che adesso vedono la rimonta possibile. Teodosic entra in area, finta il tiro, da la palla a Cournooh, che la ripassa a Teodosic per la bomba dall’arco. Milos trova il fallo e dalla lunetta non sbaglia, 69 a 69. Il canestro della rimonta porta la firma di Cournooh, che con precisione e freddezza trova la tripla del vantaggio bianconero. 70 a 72 Segafredo al 34’di gioco. Weems trova il canestro del +4 virtussino. Ancora Weems di prepotenza entra in area e schiaccia la palla del 70 a 76 a 3’minuti dalla fine. Williams prova ad impensierire i bianconeri, ma Gamble smorza sul nascere i tentativi di rimonta del Rishon. Gaines e Teodosic mettono gli ultimi punti della sicurezza, ci si complica la vita un po’ troppo, e Rishon arriva a -3. Teodosic prende un colpo al volto, e mette i liberi della definitiva vittoria: finisce 79-85. Virtus nella Top 16 di EuroCup.

Le parole di Coach Djordjevic al termine della gara: “E’ stata una vittoria molto dura quanto importante. Ogni vittoria fuori casa è utile per creare e il carattere del gruppo. Per vincere, nell’ultimo quarto abbiamo dovuto mettere la miglior difesa. Per quasi tutta la partita, troppi errori e palle perse, bisogna giocare in maniera più ragionata fuori casa. Il terzo quarto è stato terribile, abbiamo caricato i tifosi, un ambiente bello e molto caldo, si è sentita la passione in Israele per il basket.
Abbiamo iniziato a difendere troppo tardi, ma quando l’abbiamo fatto, l’abbiamo fatto bene. Per il gruppo è davvero una vittoria importante. Ora pensiamo alla prossima partita.
Abbiamo davanti una sfida importante, quella di riportare in alto la Virtus; ho grande rispetto per il passato, e ho deciso di sfidarlo. Vogliamo creare qualcosa di grande, è’ un processo che va avanti ogni giorno e cresce di giorno in giorno. Bisognerà capire di cosa c’è bisogno per crescere e per tornare ad alti livelli.

 

Le parole di Frank Gaines al termine della gara: “E’ stata un vittoria importante, sia per il gruppo che per il cammino nella competizione. Non è stato facile, soprattutto nel terzo quarto, ma ci siamo guardati negli occhi, ci siamo parlati, e insieme abbiamo vinto; questo è un grande gruppo. Nel ultimo quarto abbiamo giocato bene, abbiamo giocato in maniera più semplice. Dobbiamo continuare a concentrarci e a focalizzarci nel gioco, non dobbiamo pensare a nient’altro”.
Gli chiedono anche quanto sia importante la figura del Coach per questa squadra: “Il Coach è fondamentale, per me rappresenta il Basket, ha tanta esperienza e sa gestire ogni tipo di situazione, sa tirare fuori il meglio da ognuno di noi.”

Ufficio Stampa e Comunicazione

Virtus Segafredo Bologna

Jacopo Cavalli

 

 



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'