In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Basket | Giovanili

Next Gen Cup: clamorosa rimonta della Grissin Bon, con Cantù finisce in parità

Di Davide Draghi 14/02/2020


Next Gen Cup: clamorosa rimonta della Grissin Bon, con Cantù finisce in parità

Seguici su Facebook : BASKET EMILIAROMAGNA

 

Next Gen Cup: clamorosa rimonta della Grissin Bon, con Cantù finisce
in parità

S.BERNARDO-CINELANDIA CANTU - GRISSIN BON REGGIO EMILIA 76-76
(26-20; 43-33; 69-54)
Cantù: Caglio 8, Lanzi 2, Arienti 2, Ziviani 13, Sacripanti ne, Quarta
12, Bresolin 5, Procida 15, Di Giuliomaria 15, Mirkovski, Marazzi 4,
Boev. Allenatore: Costacurta.
Grissin Bon: Morini, Carta, Porfilio 22, Soviero 14, Riccò 4, Maddaloni,
Soliani 4, Besozzi 2, Codeluppi ne, Lusvarghi 4, Cham 6, Diouf 20, Press
ne. Allenatore: Menozzi. Assistenti: Rossetti, Di Paolo.

PESARO - La Grissin Bon Under 18, spalle al muro e sotto di anche 16
lunghezze, trova nell’ultimo quarto la forza per una strepitosa rimonta
e riesce, proprio a pochi secondi dalla sirena finale, ad impattare a
quota 76 il match contro la S.Bernardo-Cinelandia Cantù.
Gara1 dei Quarti di Finale della Next Gen Cup termina così con un
pareggio che azzera completamente la differenza canestri in vista della
decisiva Gara2 di domani pomeriggio alle 15.30.
Un match che ha visto la squadra di coach Menozzi costretta ad inseguire
fin dalla palla a due: 11-3 infatti il break con cui i brianzoli, con le
triple del figlio d’arte Di Giuliomaria, hanno aperto la gara.
Per tutti i primi 30’ il copione è stato lo stesso: la
S.Bernardo-Cinenaldia che, con maggiore energia e presenza sul parquet,
riusciva a allungare pian piano il margine su una Grissin Bon troppo
contratta e macchinosa, aggrappata ai canestri del solo Porfilio.
Poi, negli ultimi 10’ di gara, la svolta: Diouf e Soviero salivano in
cattedra offensivamente, ma soprattutto la difesa collettiva biancorossa
riusciva a mettere sabbia negli ingranaggi fino a quel momento pressoché
perfetti di Cantù, che calando le sue percentuali di tiro dalla lunga
distanza perdeva così fiducia.
Un 3/3 dalla lunetta di Porfilio a 7 secondi dalla fine fissava così il
punteggio sul 76-76 finale, con la bomba di Procida che si spegneva sul
ferro.
A livello individuale: 20 punti e 15 rimbalzi per Diouf, 22 punti per
Porfilio, 14 per Soviero.
Domani alle 15.30 si riparte così dallo zero a zero: chi vince vola in
semifinale.

Davide Draghi
Responsabile Comunicazione
Pallacanestro Reggiana Srl



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'