In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Basket | Professionisti | Serie A

Coppa Italia Final Eight 2020, Virtus Segafredo Bologna – Umana Reyer Venezia: 81 – 82

Di Jacopo Cavalli 14/02/2020


Coppa Italia Final Eight 2020, Virtus Segafredo Bologna – Umana Reyer Venezia: 81 – 82

Seguici su Facebook : BASKET EMILIAROMAGNA

Pesaro, 13 febbraio 2020

Virtus Segafredo Bologna – Umana Reyer Venezia: 81 – 82

(Q1 11 – 21 / Q2 32 – 37/ Q3 47 – 50/ Q4 68 – 68)

 

Virtus Segafredo Bologna: Deri ne, Marble 1, Pajola 2, Baldi Rossi 2, Markovic 18, Ricci 12, Cournooh, Hunter 6, Weems 15, Nikolic ne, Teodosic 15, Gamble.
Coach: Djordjevic

Umana Reyer Venezia: Casarin Ne, Stone 3, Bramos 9, Tonut 16, Daye 15, De Nicolao 11, Filloy, Vidmar 7, Chappell 14, Mazzola 3, Cerella, Watt 4.
Coach: De Raffaele

Arbitri: Paternicò, Attard, Paglialunga

 

Il primo tempo. Teodosic, Markovic, Weems, Ricci e Gamble è il quintetto di partenza schierato da Coach Djordjevic per questo quarto di finale di Coppa Italia. Chappell trova la prima tripla della gara,  De Nicolao fa 1/2 ai liberi, Tonut segna due canestri in rapida successione e Coach Djordjevic chiama il time out. Parziale di 8 a 0 in favore di Venezia. Le V nere sono costrette a rincorrere l’avversario dopo 2’ di gara. De Nicolao segna altri tre punti, Weems vince il rimbalzo e segna ma De Nicolao riporta le V nere sul -11. Gamble schiaccia a canestro, Mazzola mette la tripla, Teodosic dall’arco fa 1/2, risultato di 5 a 16 per Venezia quando mancano 4’ alla prima sirena. Entrano Marble, Pajola e Baldi Rossi. Chappell entra nel pitturato segna ma non concretizza il gioco da tre punti, sul rimbalzo Widmar recupera il pallone e porta la squadra di Coach De Raffaele sul + 14. Baldi Rossi sfrutta a dovere il bel lavoro sotto le plance di Pajola, Daye fa 1/2 ai liberi e giro in lunetta per Teodosic che fa bottino pieno (2/2). Il numero 44 porta sul -10 i suoi compagni; 11 a 21 Venezia e primo quarto che va in archivio.
Markovic entra di forza nel pitturato e segna i primi due punti del secondo quarto, Weems appoggia al ferro e poi sfrutta l’assist di Ricci per l’alley oop vincente. Tonut trova la tripla, bomba di Weems che riporta in vita la Segafredo, -5 e ora il pubblico ci crede. Altra azione bell’azione manovrata da Bologna che termina con la palla in rete, 22 a 25 e Venezia è costretta a chiamare il time out, Break di 11 a 4 Virtus. De Nicolao tenta di respingere la rimonta bianconera, ma Pajola appoggia con una mano al tabellone e segna il -4 a 5’ dall’intervallo. La V nera attacca, Weems e Teodosic trovano giocate e punti, Pajola corre in contropiede, semina gli avversari e serve Ricci per il – 3 a 2’ e 25’’ dalla seconda sirena. Chappell segna, Weems fa 2/2 ai liberi, possesso Virtus a 56’’ dalla seconda sirena, Gamble dalla lunetta fa 1/2, ma Tonut trova la bomba proprio sulla sirena, 32 a 37 Reyer.

Il secondo tempo. Gamble segna 4 punti in rapida successione, Ricci mette la tripla e risponde alla bomba di Tonut, mentre Chappel porta Venezia sul +3. Markovic segna la tripla del pareggio, 42 a 42 dopo 3’ dall’inizio del secondo tempo. Weems manda il pubblico in bianconero schiacciando la palla del primo vantaggio, +2 Virtus. Vidmar pareggia, Daye mette la bomba che riporta Venezia in vantaggio (+3). Le squadre non segnano per alcuni minuti, gli attacchi non riescono a concretizzare la mole di lavoro creata, a rompere l’equilibrio ci pensa Marble che si porta in lunetta e fa 1/2 a 1’58’’ dalla fine del terzo quarto. Daye porta Venezia sul + 4, Teodosic si porta in lunetta e fa 2/2, l’ultimo canestro è di Vidmar, che chiude il terzo quarto sul parziale di 47 a 50 Venezia. Ultimo quarto che si apre con il canestro di Gamble, Watt risponde, ma un possesso mal gestito dalla Virtus lancia Tonut completamente solo a rete, -5 Bologna e time out chiamato da Coach Djordjevic. Tripla di Teodosic, tripla di Markovic e la Segafredo torna nuovamente in vantaggio, 55 a 54 a 6’e 17’’ dalla fine. Daye riporta Venezia, Ricci trova la tripla del contro sorpasso, Stone mette la bomba ma ancora Ricci mette i due punti del pareggio, 60 a 60 a 3’33’’ dalla fine. Giampaolo è scatenato, segna e porta avanti i suoi compagni, ma il vantaggio dura poco, Chappel mette la tripla del 62 – 63 orogranata. Vidmar dalla lunetta fa 2/2 e porta sul +3 la Virtus. Altra magia di Markovic, tripla e pareggio, Bramos segna un’altra tripla, nuovamente -3 Virtus a 53’’. Venezia sbaglia tutti gli ultimi liberi a dispozione, Teodosic no, la partita è vibrante e le squadre terminano 68 – 68. Sarà necessario un tempo supplementare per decretare il vincitore di questo secondo quarto di finale. Watt si porta in lunetta e fa 2/2, Teodosic pesca Weems solo in area, parità, Bramos mette tre punti con un tiro dalla destra del canestro, Markovic risponde con un’altra tripla; altro assist di Teodosic, questa volta per Hunter, +2 Virtus. Fallo di Ricci su Daye, dalla lunetta il risultato torna in parità, 75 – 75. Bramos fa 3/3 ai liberi, Markovic 1/2 dalla lunetta, Chappell si fa spazio sotto canestro e porta Venezia sul +4 a 1’ 08’’dalla fine. Time out chiamato da Coach Djordjevic. Ancora Markovic, la tripla del -1, Daye sbaglia. Fallo di Tonut su Hunter, liberi e 2/2: 81-80 Virtus. Daye però mette un canestro incredibile a 3” dalla fine. Vince Venezia: 82-81.

Area Comunicazione e Stampa
Virtus Segafredo Bologna
Jacopo Cavalli



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati





PUBBLICITA'

PUBBLICITA'