In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Calcio | Dilettanti | Serie D

Nasce il Cattolica San Giovanni

Di Mirco Mariotti 05/08/2020


Nasce il Cattolica San Giovanni

 

 

Ieri sera, al Palazzo del Turismo di Cattolica, alla presenza dei sindaci, è stata sancita la nascita del Cattolica San Giovanni, unione sportiva tra i comuni di Cattolica e San Giovanni in Marignano. Matrimonio nato in primis per l'esigenza della Marignanese, neopromossa in Serie D, di utilizzare un impianto di gioco omologato per la categoria, e per ridare ai cattolichini il calcio smarrito pochi giorni fa con la non iscrizione del San Marino.

Il presidente sarà sempre Oscar Cervellieri che specifica le ragioni di questa decisione: "Nelle scorse settimane abbiamo voluto raccogliere l'appello all'unità di queste due realtà separate solo da una manciata di chilometri. Il nostro è un progetto serio basato su di un piano quinquennale di consolidamento e di crescita". Cervellieri ha confermato lo staff della stagione appena conclusa: Simone Lilli in panchina assieme al vice Maurizio Galli, Giovanni Alcerati come Direttore Sportivo, Manuel Mazzoli sarà il preparatore atletico mentre Lorenzo Ricciati farà da match analyst. Il 10 agosto inizieranno i test atletici al "Calbi", poi il 16 la squadra partirà per un breve ritiro a Cagli.

Entra in società anche l'imprenditore Massimo Nicastro, spesso accostato come possibile acquirente del Rimini Calcio, che avrà il 60% delle quote diventando il maggiore azionista.

Sempre Cervellieri, nella mattinata di oggi, ha voluto chiarire ulteriormente questa scelta sulla pagina Facebook della Marignanese (la società a livello federale per questa stagione si chiamerà ancora così, visto che il termine per i cambi di denominazione è già scaduto da diversi giorni, nda): "Vi posso assicurare che la scelta che ho fatto, condivisa all’unanimità dai miei dirigenti, era l’unica possibile per dare continuità ad un percorso iniziato per me 10 anni fa. Questa crisi economica causata dal Covid-19 ha profondamente minato e messo in dubbio la sopravvivenza di tutto il movimento del calcio dilettantistico compreso il nostro. Unire le forze per il primo STORICO campionato di serie D e l’under 19 nazionale era L’UNICO MODO per poter sopravvivere ve lo assicuro, mantenendo la nostra identità a Marignano per tutto il nostro settore giovanile che avrà come obiettivo formare nuovi ragazzi da fare esordire prima in under 19 e poi in prima squadra in serie D!! Dal 4 AGOSTO 2020 si apre un nuovo capitolo della nostra Storia e invito ognuno di tutti voi a scriverla insieme a me!!! Forza 💛❤️💙!!!!"

 



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati





PUBBLICITA'

PUBBLICITA'