In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Basket | Femminile | Serie B Femminile

Claudia Girelli : Il basket nel suo DNA

Di Enrico Ferranti 07/08/2020


Claudia Girelli : Il basket nel suo DNA

Seguici su Facebook : BASKET EMILIAROMAGNA 

 

Claudia Girelli : Il basket nel suo DNA . 

"Mi reputo una giocatrice altruista, molto per il gioco di squadra. In campo il mio 100% non viene

mai a mancare. Il mio pregio è il tiro da fuori, mentre devo e voglio

migliorare in difesa..... sono una persona - anche nella vita quotidiana -

molto ottimista e che non tende mai a buttarsi giù." Claudia Girelli,

classe 1999 di Rimini, è una talentuosa cestista con un amore sconfinato

per la palla a spicchi. "La mia passione per la pallacanestro è nata

all'età di 7 anni", incalza l'ala grande/centro, "quando - dopo aver

provato diversi sport - i miei genitori mi hanno indirizzata verso il

basket..... data la mia altezza e perchè mio papà e mio fratello giocavano.

Da lì non ho più abbandonato questa meravigliosa realtà e sono 14 anni che

fa parte della mia vita". Una carriera cestistica, quella di Claudia, già

prestigiosa: "Dopo il minibasket", le sue parole, "ho iniziato a giocare

nella squadra femminile della mia città - l'Happy Basket Rimini - società

con cui sono maturata e cresciuta come giocatrice, togliendomi delle belle

soddisfazioni e partecipando anche a raduni con l'Emilia Romagna. Oltre

alle giovanili, ho disputato campionati di serie B e serie C. Sarò per

sempre legata all'Happy Basket, mi ha dato davvero tanto. Dopo essermi

diplomata e dopo aver disputato un anno a Bologna, l'anno scorso sono

tornata a Rimini..... però a metà anno ho cambiato e sono andata alla Nuova

Virtus Cesena: penso non potessi fare scelta migliore. Ho trovato staff e

compagne di squadra eccezionali, alcune erano vecchie conoscenze, altre

sono state piacevoli scoperte. Purtroppo - arrivando a fine gennaio - non

ho potuto giocare molte partite, sia per motivi di lavoro e sia per

l'arrivo del Covid". La voglia di tornare in campo è notevole: "Non vedo

l'ora e quest'anno la prenderemo tutti con uno spirito diverso, dopo 6 mesi

di stop. Saremo entusiaste di poter ricominciare, sperando che tutto vada

come deve andare. Le aspettative per la prossima stagione - ovviamente -

sono quelle di rendere al meglio e di mettercela tutta personalmente, e di

arrivare più in alto possibile a livello di squadra". Al di fuori dal

parquet? "Non faccio l'Università. Ho provato un anno a Bologna ma ho

capito che non era la mia strada. Ora come ora lavoro spesso in fiere ed

eventi come hostess, anche se in questo momeno - dopo il lockdown - la

situazione è più complicata. Comunque c'è nell'aria un progetto lavorativo

per il prossimo anno con la mia famiglia, che però non approfondisco perchè

niente è ancora deciso. Il tempo libero lo dedico a Federico, il mio

ragazzo: grazie a lui ho scoperto uno sport nuovo per me, il baseball, in

quanto - a differenza della pallacanestro - disputa il proprio campionato

in estate..... e naturalmente alle mie amiche. Amo viaggiare e appena ne ho

la possibilità cerco sempre di conoscere e visitare posti nuovi". 

Enrico Ferranti.



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati





PUBBLICITA'

PUBBLICITA'