In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Basket | Dilettanti | DNB

Raggisolaris Faenza - Andrea Costa: alla ricerca del riscatto dopo l’autoretrocessione dall’A2

Di Luca Del Favero 23/10/2020


Raggisolaris Faenza - Andrea Costa: alla ricerca del riscatto dopo l’autoretrocessione dall’A2

Seguici su Facebook : BASKET EMILIAROMAGNA

 

Sarà una prima volta quella che attende la Rekico domenica al PalaRuggi. Mai infatti Raggisolaris e Andrea Costa Imola si sono affrontate in un incontro ufficiale nella loro storia, dato che la formazione imolese è scesa in serie B volontariamente dopo ben 25 stagioni trascorse tra serie A1 e A2. Questo derby sarà ancora più interessante se si pensa che in palio ci sarà la qualificazione agli ottavi di finale di Supercoppa del Centenario: Faenza e Imola è infatti un vero e proprio spareggio per il primo posto.

Dopo un’estate particolare, nella quale c’è stata la richiesta di autoretrocessione dalla serie A2, la dirigenza biancorossa ha dato vita ad un nuovo progetto affidandosi ad un allenatore ambizioso come Paolo Moretti, reduce dall’esperienza alla Viola Reggio Calabria in C Silver, e a tanti giocatori imolesi, volendo portare in giro per l’Italia una ritrovata “imolesità”.

Il capitano dell’Andrea Costa è infatti l’ala Jacopo Preti, cresciuto nel settore giovanile e reduce dall’esperienza a San Vendemiano in serie B già protagonista in Supercoppa con 14,5 punti di media, a cui si aggiunge l’altro cavallo di ritorno Giacomo Sgorbati (guardia\ala ex Jesi, serie B) secondo miglior marcatore del club in Supercoppa con 13,5 punti di media. Altri due imolesi arrivati alla corte di Moretti sono la guardia Nunzio Corcelli e l’ala Marco Morara, entrambi ex Ozzano (serie B).

Il playmaker titolare è Robert Fultz, unico confermato dalla scorsa stagione e sceso in B dopo tanti anni in A2, che si alterna in cabina di regia con Alessandro Banchi, arrivato da Lucca (serie B) dove giocava insieme a Petrucci nella prima parte del campionato 2019/20, e già adattatosi a meraviglia nella nuova realtà come dimostrano i 12,5 punti di media in Supercoppa. Il reparto esterni è completato dall’esperto under Davide Toffali (1998) guardia arrivata da Soresina (serie B) e già a Imola nel 2017/18, dalla guardia classe 2002 Alessandro Alberti, prodotto del vivaio e aggregato alla prima squadra anche nella scorsa stagione e dal playmaker Luca Fazzi (2002).

Sotto i tabelloni sono invece arrivati il centro Francesco Quaglia, visto con la maglia di Ancona (serie B) lo scorso anno e Danilo Errera, che in estate ha cambiato sponda cestistica cittadina, arrivando dalla Virtus Spes Vis Imola (C Gold). Completa il roster imolese l’ala del 2001 Matteo Zanetti, all’OraSì Ravenna in A2 nel 2019/20.

Curiosità: sono sette i figli o i nipoti d’arte che giocano nell’Andrea Costa. Fultz (il padre John è stato una stella della Virtus Bologna negli anni ’70), Banchi (il padre è l’allenatore Luca attualmente in Russia alla Lokomotiv Kuban), Fazzi (figlio di Cristiano, protagonista con l’Andrea Costa alla fine degli anni ’90 inizio 2000), Alberti, Quaglia, Zanetti e Sgorbati.

 

Foto Andrea Costa Imola

 

Area Comunicazione e Stampa

Raggisolaris Rekico Faenza

Luca Del Favero



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati





PUBBLICITA'

PUBBLICITA'