In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Basket | Giovanili

Basket Under 13 , il gioco a ruota libera

Di Ettore Zuccheri 27/10/2020


Basket Under 13 , il gioco a ruota libera

Seguici su Facebook : BASKET EMILIAROMAGNA

 

Basket Under 13 , il gioco a ruota libera 

 

Il “gioco a ruota libera” è una forma di attività molto gradita dai ragazzi di tutte le età. Ha diverse possibilità di utilizzazione. Oltre ad avere vantaggi per l’apprendimento del gioco, offre indicazioni per migliorare i fondamentali. L'allenatore favorisce l’auto correzione.

Può essere fatto in tanti modi, anche gestito dagli stessi giocatori. Come? Due di loro, mai gli stessi, compongono le squadre per il gioco 5c5 con auto gestione dei cambi, mentre due di loro, a turno, arbitrano. Oppure, l'allenatore forma due gruppi con caratteristiche fisiche opposte (Potenti Vs Veloci) per l'esperienza della organizzazione del gioco.

Con un tema diverso, ma ugualmente divertente è la forma a “onde” premiando sempre chi fa canestro, mantenendo il possesso di palla. Ancora meglio è il contropiede contro il rientro difensivo.

Si può giocare in spazi larghi, facilitati e vantaggiosi, col gioco basato sull’azione-reazione. Fanno risaltare le loro abilità, e si possono osservare i miglioramenti grazie al gioco in velocità.

Interessante è modalità con Handicap nel “Rientro Difensivo” che deve reagire appena finito l’attacco. Si creano situazioni di contropiede. E' un vecchio esercizio. Sempre “Potenti Vs Veloci” perché tutti devono fare tutto.

Descrizione: abbiamo due squadre da otto giocatori. Si comincia col 4c4 che giocano tutto campo. Palla-a-due a metà campo. I rispettivi compagni delle due squadra sono posizionati oltre la propria linea di fondo campo. Finita l’azione d’attacco la situazione si trasforma in CP (contropiede) perché i difensori, catturato il rimbalzo, passano la palla ai compagni, precedentemente fuori dal campo, che affrontano in velocità il rientro difensivo. Una pratica conosciuta da almeno 50 anni, ma sempre valida.

Quando la velocità di transizione è massima si mettono in evidenzia pregi e difetti. Praticando “tiro-rimbalzo”, chi va a canestro può disturbare il CP avversario permettendo il rientro difensivo. Siete riusciti ad immaginare?

GIOCO 2c2 CON GLI APPOGGI LATERALI.

Coppie fisse con divisa possibilmente di colori diversi (Diag.) Occorre un po' di tempo per apprendere questo modo di giocare e ci vuole pazienza. Sono Under.13 che hanno il palleggio come retaggio della attività pregressa.

Cominciamo con “2c2”, con gioco totale (impegna un gruppo con minimo 8 e massimo 16 ragazzi) ed uso degli “appoggi”. Possono essere posizionali di lato, ma anche in mezzo come “ragni”.

Scopo: si sviluppa il passaggio e il movimento senza palla. La coppia che attacca passa in difesa, quella che difende, apre il gioco ed esce. La coppia “gialla” entra in gioco. Gli appoggi in campo sono sempre quattro, sistemati ai lati e ricevono il primo passaggio.

Gli “appoggi” possono passare ai compagni marcati o passarsi la palla tra di loro, ma non tirare. Fuori dal campo ci sono quelli pronti ad entrare come appoggi. Rotazione coppie.

Va da sé che gli “appoggi” nuovi entrano in gioco effettivo quando finisce un’azione. Infatti (1) e (2) hanno attaccato sfruttando gli appoggi (5) e (6), ma dopo il tiro i difensori "rossi" passano ai "gialli" ed escono. Gli attaccanti "bianchi" difendono contro i "gialli" tutto campo.

Il gioco a “Ruota Libera” è una attività da fare almeno una volta alla settimana. In un anno si possono apprendere queste esercitazioni.

Ettore Zuccheri



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati





PUBBLICITA'

PUBBLICITA'