In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Calcio | Dilettanti

Il Crer si oppone alle norme sul vincolo e il lavoro sportivo

Di Damiano Montanari 26/11/2020


Il Crer si oppone alle norme sul vincolo e il lavoro sportivo

 
Completamente in linea con quanto espresso dal Presidente della LND, Cosimo Sibilia, il Comitato Regionale dell'Emilia Romagna manifesta apertamente la propria opposizione alla modifica per decreto legislativo del vincolo e all'introduzione di nuove norme in materia di lavoro sportivo.
In un momento complesso come quello attuale, tali variazioni alla situazione vigente metterebbero a serio rischio la sopravvivenza delle nostre Società e di tutto il movimento del calcio dilettantistico.
Come sottolinea il Presidente Sibilia, "non esistono, in senso assoluto, forme d'indennizzo che possano surrogare il vincolo di tesseramento" e, allo stesso modo, è impensabile considerare gli atleti dilettanti al pari di lavoratori iscritti alla Gestione Separata INPS, con il conseguente aggravio per i Club in termini di costi, versamenti e quant'altro.
Il Comitato Regionale si oppone inoltre alla norma, contenuta nella legge di bilancio in corso di approvazione in Parlamento, che prevede l'abolizione dell'art.4 del DPRE n.633/72 sull'esonero dall'IVA delle attività rese dalle associazioni sportive nei confronti dei soci, tesserati e partecipanti.
Con la presente, il CRER si impegna a difendere e a tutelare, in tutti i modi possibili, gli interessi delle sue Società.
 
Damiano Montanari
Ufficio Stampa e Comunicazione CRER FIGC LND


Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'