In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Futsal | Professionisti | Serie B

Bagnolo C5 vs Atlante Grosseto 2-3

Di Bagnolo C5 12/01/2021


Bagnolo C5 vs Atlante Grosseto 2-3


BAGNOLO C5          2
ATLANTE GROSSETO 3

BAGNOLO C5. Bianchini, Maretti, Zanni, Leoni, Yanai, Cristian Corso, Di Bartolomeo, Samuel Corso, Seid Ljesnjanin, Cirrito, Cataldo, Gori. All. D’Alsazia
ATLANTE GROSSETO. Ledda, Gianneschi, Cipollini, Baluardi, Varela, Falaschi, Tezza, Senesi, Pasquini, Spinelli, Mateo David, Tamberi. All. Izzo
Arbitri: Sommese di Lecco e Brentan di Saronno;
cronometrista Zorzi di Reggio Emilia
Reti per il Bagnolo C5: Maretti 2 Reti per Atlante Grosseto: Varela 2, Tezza Falli pt: 3/3 Falli st: 7/5 Note Espulso: 10’ st Gori Ammoniti: Di Bartolomeo, Samuel Corso per il Bagnolo C5; Falaschi, Senesi per l’Atlante Grosseto


Il Bagnolo C5 esce sconfitto dalla sfida casalinga contro l’Atlante Grosseto dopo aver giocato una bella partita ed esibito una delle più belle prestazioni della stagione. Ciò non toglie che la partita sia stata però falsata da alcune decisioni arbitrali che ne hanno variato il corso. Non si parla di piccoli errori che tutti possono commettere e sui quali ci si arrabbia ma non recano danno a nessuno ma di errori importanti come possono essere un rigore o l’errata espulsione di un giocatore. A dirlo non sono i giornalisti ma le immagini che riportano fedelmente quanto accaduto. Andando per gradi il primo tempo è stato equilibrato con le due squadre che si sono affrontate a viso aperto e dove Bianchini ha parato diverse volte sulle conclusioni toscane, dove gli ospiti sono andati in vantaggio con una diagonale non irresistibile dalla sinistra di Varela che termina alle spalle del numero 16 locale. Il vantaggio ci sta i toscani qualcosa in più lo hanno fatto. Come ci sta però sul finale il pareggio con capitan Maretti che sfrutta un errore difensivo per riportare il segno x sul risultato. Quello che non ci sta è quello che accade nella ripresa. Dopo un inizio combattuto con azioni da ambo le parti con Maretti che al 4’ colpisce l’incrocio dei pali è il primo direttore di gara a metterci lo zampino e a concedere un rigore all’Atlante Grosseto per un fallo di mano di Samuel Corso in area. Peccato che però il giocatore protegga sfera con l'addome anziché con le mani. Freddo e bravo Tezza dal dischetto a battere Bianchini in spaccata. I toscani prendono fiducia e al 9’ è Senesi a colpire il palo. Ma non è finita perché quello che accade al 10’ ha dell’incredibile. Sulla fascia sinistra, a pochi passi dal secondo direttore di gara, Cataldo (maglia numero 21) tira la maglia di Gianneschi. Gianneschi incespica, cade Gori (maglia numero 22) per non calpestarlo inciampa e l’arbitro estrae il cartellino. Fin qua sarebbe tutto normale, il cartellino ci starebbe tutto, peccato però che venga indirizzato ai danni di Gori anziché di Cataldo. Nonostante le proteste, nonostante le spiegazioni da parte dei due giocatori gli arbitri non arretrano di un passo e non ammettono l’errore. Gori salterà dunque la prossima partita contro l’Olimpia Regium. La partita è compromessa ma i tigrotti gialloneri hanno grinta e non mollano, vanno sotto di un’altra rete ad opera di Varela ma non si danno per vinti. A pochi secondi dalla fine Maretti tenta l’accorcio ma il tempo è tiranno e il cronometro non lascia scampo. Peccato perché il Bagnolo C5 avrebbe meritato un punticino da questa sfida.
«E’ una sconfitta immeritata – commenta un rammaricato Orlando D’Alsazia – perché i ragazzi sono stati grandi. Nonostante sia stata una partita condizionata dagli episodi non hanno mollato fino alla fine uscendo da questa partita a testa alta. Sono sicuro che giocando in questo modo possiamo dire la nostra in questo campionato e fare quei punti che ci servono per gridare alla salvezza»

 


Mara Bianchini



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'