Web Analytics Made Easy -
    StatCounter
  • Emilia Romagna Sport
  • Marche Sport

Calcio | Dilettanti | Serie D

Il punto del D...irettore

Di Mirco Mariotti 22/09/2021

Il punto del D...irettore

Fonte Notiziario del Calcio


Finalmente domenica è ripartito il campionato di Serie D. Per quanto riguarda le nostre compagini, sorprese poche, tranne una, visto che praticamente tutte hanno confermato i pronostici o quasi. Sicuramente i risultati che cadono più all'occhio sono il successo esterno del Sasso Marconi e la sconfitta interna dell'Athletic Carpi, ma è soltanto la prima giornata ed il campionato sarà lunghissimo. Ma andiamo ad analizzare, partita per partita, quello che successo sui campi che hanno visto protagoniste le formazioni emilianoromagnole.

Partiamo dal girone C e dalla sconfitta esterna del Cattolica per 2-0 sul terreno del Cartigliano. I padroni di casa partono forte e, al minuto 25, ottengono un penalty per un fallo commesso in area da Morri ai danni di Gjoni, dal dischetto si presenta Di Gennaro, ma la sua conclusione scheggia la traversa, terminando direttamente sul fondo. Al 35' sono i giallorossi a sfiorare il vantaggio con una conclusione di Docente che sibila il palo alla destra di Zecchin. Al 47' i locali però sbloccano il risultato: cross di Barzon dalla destra per Stevanin che, sotto misura, batte Scotti nonostante il suo tentativo di respinta a mani aperte. Al minuto 82 arriva il gol del raddoppio, stavolta sugli sviluppi di un calcio piazzato battuto nei pressi del vertice sinistro dell'area da Miniati, sul quale ancora Stevanin, di testa, batte nuovamente Scotti. A tempo scaduto Preknicaj va vicinissimo al tris colpendo una clamorosa traversa.
Ecco gli altri risultati della 1a giornata del girone C di Serie D: Caldiero Terme-Luparense 1-1, Cjarlins Muzane-Mestre 2-2, Dolomiti Bellunesi-Levico Terme 4-1, Union Clodiense-Adriese 1-1 (queste quattro partite sono state giocate sabato in anticipo, in virtù degli impegni di Coppa), Ambrosiana-Arzignano Valchiampo 0-3, Campodarsego-Este 4-1, Delta Porto Tolle-Spinea 3-1, Montebelluna-San Martino Speme 1-3.

Passiamo ora il girone D e partiamo dal netto successo per 0-3 del Ravenna di mister Dossena sul terreno del Real Forte Querceta. E' Saporetti, al minuto 27, a sbloccare il risultato con un preciso rasoterra dal limite dell'area che si infila sul primo palo. Al 36' Ambrosini si libera in area e scarica in porta, l'estremo difensore non ci può arrivare, ma ci pensa Cintoi sulla linea di porta a spazzare via la sfera. Al 40' si complica la partita dei toscani, bomber Di Paola entra male su Polvani, il direttore di gara gli sventola il secondo giallo e lascia la sua squadra in dieci uomini. La parità numerica verrà ristabilita al 74': Polvani stoppa fallosamente un avversario intento a ripartire verso la porta giallorossa, seconda ammonizione anche per lui. Il Ravenna, dopo qualche minuto di sofferenza, riprende a macinare gioco e, al minuto 82, sigla il raddoppio sugli sviluppi di un corner battuto dalla destra, con Calì che, dopo aver ricevuto una spizzata da un compagno di squadra, in spaccata da due passi spinge la palla in rete. Il suggello alla partita giunge al 92' con Spinosa che, appena entrato in area, calcia di prima intenzione, la palla carambola su un difensore, deviazione che coglie di sorpresa Adornato che, nonostante un disperato e repentino tentativo, non può evitare la terza marcatura ospite.
Parte fortissimo il Rimini di Gaburro con un sonante e meritato 3-0 contro il Prato. I biancorossi al 22' ottengono un penalty dopo un contrasto falloso in area tra Ferrara e Lugnan, sul dischetto si presenta Tomassini (nella foto l'esultanza) che spiazza Reggiani con un potente e preciso rasoterra che si infila alla sua sinistra. Al minuto 68 arriva il gol del raddoppio grazie ad una fuga sulla sinistra del neoentrato Haveri che, quasi dalla linea di fondo campo, crossa teso per Tomassini che ha solo il compito di appoggiare la palla in fondo alla rete. Sei minuti più tardi, sugli sviluppi di un corner battuto da sinistra, è Tanasa di testa, dal limite dell'area piccola, a chiudere definitivamente i giochi piazzando la sfera nell'angolino alla destra del portiere ospite.
Esordio deludente al "Cabassi", con diverse attenuanti, per il nuovo Athletic Carpi, che si fa sorprendere dalla Bagnolese con un secco 0-2. Dopo una buona partenza ospite, sono i padroni di casa ad avere la grande occasione per passare in vantaggio quando, al minuto 18, Raffini entra in area e viene contrastato da Bertozzini e Dembacaj, guadagnandosi così un calcio di rigore. Dagli undici metri si presenta lo stesso attaccante del Carpi, ma la sua conclusione è altissima. Al 36' è la Bagnolese a sbloccare il risultato: fuga di Mhadbhi sulla sinistra, palla al centro per Micheal che, con una splendida girata, infila Ferretti. Al 56' si complica ancor di più la partita per i biancorossi con il secondo giallo comminato a Montebugnoli, reo di aver atterrato Buffagni a centrocampo. Nonostante l'inferiorità numerica, la squadra di mister Bagatti spinge alla ricerca del pari, ma non crea mai occasioni pericolose e, ad approfittarne, è la formazione di mister Bonini che, al minuto 82', trova il gol del definitivo raddoppio con Guerra che, dopo un cross dalla sinistra di Mhadhbi non controllato perfettamente da Ferretti, deve solo appoggiare di testa in fondo alla rete.
La Sammaurese soccombe alla "Dossenina" contro il Fanfulla per 3-1 e bagna con una sconfitta l'esordio in campionato. Dopo un discreto avvio ospite, sono i padroni di casa a sbloccare il risultato al 22' grazie a Cominetti che, servito in profondità da Laribi, entra in area dalla destra e, nonostante venga disturbato da Sedioli, anticipa in uscita Adorni con la palla che, dopo essere passata in mezzo alle gambe del portiere, termina in fondo al sacco. Lo stesso Cominetti è protagonista della seconda marcatura con una fuga sulla fascia sinistra, palla tesa sul palo opposto per il giovane De Carli che deve solo appoggiare in rete. A quattro minuti dalla fine, impennata d'orgoglio degli uomini di Protti che accorciano le distanze, sugli sviluppi di un calcio d'angolo battuto da destra, è Lombardi in mischia, da pochi passi, a spedire la palla sotto l'incrocio dei pali alla destra di Cizza. Ma è il Fanfulla, al 94', a siglare il definitivo 3-1 dopo una bella azione sulla destra di De Carli che crossa a centro area per Garcia che, solitario, fredda Adorni con un preciso diagonale.
Incredibile vittoria del Sasso Marconi, che fa, a momenti disfa, e poi la chiude per 3-5 in quel di Bagni di Lucca contro un mai domo Ghivizzano. Al 5' il Sasso passa in vantaggio con Torelli che, dopo aver raccolto un cross dalla sinistra di Monti, calcia al volo e trafigge imparabilmente Radano. Tre minuti più tardi, Pedrelli lancia in profondità Fiorentini che infila il gol del raddoppio anticipando l'uscita dell'estremo difensore toscano. Minuto 12, corner di Testoni dalla sinistra, colpo di testa di Fiorentini che pizzica il palo alla sinistra di Radano per poi infilarsi ancora in rete. Al 17' Jassey serve lo scatenato Fiorentini che, dopo essersi accentrato in area, infila ancora Radano con un preciso rasoterra e firma una clamorosa tripletta nel giro di nove minuti. Al 21' sussulto d'orgoglio dei padroni di casa che realizza la sua prima rete con Marquez, bravo a ribadire in porta una respinta di Auregli sul forte diagonale di Aloia. Un minuto dopo gran botta di Marquez che colpisce in pieno la traversa, sulla ribattuta Aloia appoggia in rete, ma il direttore di gara annulla per offside. Al 24' Marquez viene steso in area da Auregli, l'arbitro decreta il calcio di rigore, dagli undici metri si presenta Aloia, Auregli è bravo a tuffarsi sulla sua destra ed a respingere il tiro rasoterra, la sfera però arriva sui piedi di Marquez che porta il risultato sul 2-4. Al 54' i padroni di casa rimangono in dieci per l'espulsione di Grea per doppia ammonizione e, otto minuti più tardi, addirittura in nove uomini per il rosso diretto per l'ex Corticella, ed ex primavera del Bologna, Nicola Ghini. Nonostante tutto, il Ghivizzano ci prova ed al 65' Lauria colpisce il palo. Al minuto 81 la partita si riapre clamorosamente con un siluro dalla distanza ancora di Marquez, tripletta anche per lui, ed a due minuti dalla fine sfiorano il clamoroso pari, ma Nottoli, da pochi passi, spara addosso ad Auregli. Ma al 92' è Negri a finalizzare una ripartenza della formazione allenata da Della Rocca, chiudendo così un match incredibile, ma con tre punti che peseranno, e non poco, per la formazione gialloblù.



Esordio vittorioso per il Forlì che vince in casa dell'Alcione per 0-1 e porta a casa i primi tre punti stagionali. Dopo un ottimo esordio della neopromossa milanese (sugli scudi l'ex Sammaurese Manuzzi) sono i Galletti a realizzare il gol che varrà il successo alla formazione di mister Cornacchini. La rete arriva al 21' grazie a Verde che, dopo aver raccolto un cross di Borrelli, di testa trafigge Vinci. Ma la partita sarà di grande sofferenza per i romagnoli, perchè l'Alcione crea parecchie palle gol per poter agguantare il pareggio, ma la retroguardia forlivese, seppur con enorme fatica, riesce a portare a casa il risultato, agevolata anche dall'inferiorità numerica per i milanesi, al minuto 94, per il doppio giallo comminato a Schirone.
Vittoria in terra toscana per 1-2 per il Lentigione targato Serpini contro il Seravezza. Al 9' il match parte in salita per i rivieraschi, seppur fossero già andati vicinissimi al gol con Tarantino e Bouhali, perchè un cross dalla sinistra di Podestà per Benedetti che, di testa da pochissimi passi, schiaccia in rete e porta in vantaggio il Seravezza. Il Lentigione non sta a guardare e si lancia senza paura alla ricerca del pareggio, che troverebbero anche in chiusura di tempo con Zagnoni, che ribadisce in rete una respinta di Lagomarsini, ma tutto inutile perchè il direttore di gara annulla la segnatura. Zagnoni si rifà con gli interessi dopo appena un giro di orologio della ripresa: traversone di Lorenzano dalla tre quarti destra sul palo opposto per Tarantino che spizza, in piena area piccola, proprio verso il capitano del Lentigione che si inarca di testa mandando la palla nell'angolino alla sinistra del portiere. Al 56' Formato viene steso in area da Maccabruni, l'arbitro ravvede i termini per un calcio di rigore e lo assegna ai reggiani, dal dischetto si presenta lo specialista Caprioni che spedisce la palla nel sette alla sinistra di un Lagomarsini che non ha nemmeno avuto la forza di buttarsi per cercare di prendere un pallone pressochè imparabile. Nel finale succede di tutto: Canrossi, dal limite, colpisce l'incrocio dei pali, mentre Maccabruni si mangia il pareggio con un'inzuccata sul palo di sinistra che termina alto di pochissimo.
Termina 0-0 la sfida tra Mezzolara e Borgo San Donnino. Partita in realtà non noiosa come potrebbe suggerire il risultato, anzi. L'occasione più importante arriva al 60' è per i fidentini con una conclusione di Amore che incoccia l'incrocio dei pali. Ma il risultato, nel complesso, è più che giusto tra due squadre che lotteranno, salvo imprevisti, per la salvezza.
Finisce 1-1 al "Borelli" tra la "nuova" Correggese ed il Progresso. Partita equilibrata che si sblocca al 31', a favore dei padroni di casa, sugli sviluppi di un corner, susseguente ad un tiro di Lucatti respinto alla grande da Celeste, calciato da Landini per Simoncelli, appoggio verso Cavallari che di sinistro scarica in porta alle spalle dell'estremo difensore dei bolognesi. Al 50' Mazzotti stende D'Amuri in area ed il direttore di gara assegna il penalty alla formazione di mister Moscariello, da dischetto Gulinatti non fallisce e riportà il risultato in parità. Lo stesso D'Amuri, al 67', va vicinissimo al gol del sorpasso, copo un'azione manovrata, ma è Rota a salvare sulla linea di porta a portiere battuto. Pareggio che, tutto sommato, soddifa entrambe le squadre, soprattutto i padroni di casa di mister Graziani, assemblati nel giro di quattordici giorni e già autori di buone trame di gioco.
Completa la 1a giornata del girone D il successo dell'Aglianese sulla Tritium per 4-0.

Oggi è in programma il Primo Turno di Coppa Italia, che potrete seguire a questo LINK



Mirco Mariotti


Commenti

PUBBLICITA'