Web Analytics Made Easy -
    StatCounter
  • Emilia Romagna Sport
  • Marche Sport

Basket | Professionisti

Nazionale A maschile - FIBA World Cup 2023 Qualifiers Italia-Paesi Bassi 75-73 (Akele 18 punti)

Di Ufficio Stampa FIP

Pagina 1 di 1

30/11/2021

Nazionale A maschile - FIBA World Cup 2023 Qualifiers Italia-Paesi Bassi 75-73 (Akele 18 punti)

Seguici su Facebook : BASKET EMILIAROMAGNA  

 

Nazionale A maschile - FIBA World Cup 2023 Qualifiers Italia-Paesi Bassi 75-73 (Akele 18 punti). Sacchetti: "Vittoria importante. Guardiamo avanti”  

Milano. Sofferta. Infinita. Vinta. L’Italia batte l’Olanda 75-73 e guadagna così la prima vittoria nel Girone H di FIBA World Cup 2023 Qualifiers. Una gara durissima, che gli Azzurri che hanno dovuto vincere almeno tre volte, perché gli Oranje non ne hanno voluto mai sapere di alzare bandiera bianca. Addirittura in vantaggio a 3 minuti dall’ultima sirena la squadra di coach Buscaglia stava per giocare un pessimo scherzo all’Italia. Ma nel momento peggiore, gli Azzurri hanno ripreso la gara in pugno, e con spirito di squadra, un Akele da 18 punti (Career High Azzurro) e Capitan Michele Vitali essenziale in attacco e difesa, hanno messo due punti di scarto fra loro e gli avversari.

Queste le parole del CT Meo Sacchetti: “La sconfitta in Russia avrebbe potuto lasciare scorie ma siamo riusciti a portare a casa una partita durissima. Preferisco aver vinto in questo modo, andando sotto e riprendendo la gara, piuttosto che magari ottenere una vittoria di 20 punti. Non siamo riusciti a chiuderla quando eravamo sopra di 10 punti e sono stati bravi loro a fare canestri difficili per rientrare. Ho visto buone cose ma dobbiamo ancora lavorare molto. Partire con due sconfitte sarebbe stato devastante: ci teniamo stretti questa vittoria e guardiamo avanti”.

Il pensiero di Nicola Akele, MVP della gara: “Una partita tostissima. Abbiamo avuto un paio di black out lungo il match ma la cosa importante è stata saper rimanere uniti e tornare di squadra. Questa l’ha vinta il gruppo. Non ci sono partite facili in queste qualificazioni e dovremo lottare fino alla fine”.

Così Amedeo Tessitori: “Oggi abbiamo fatto un passo in avanti, non era una partita facile. Abbiamo lottato, siamo stati insieme negli ultimi minuti. È stata una buona prestazione di squadra, ci sono delle cose su cui possiamo migliorare, abbiamo avuto degli alti e bassi: ma siamo sulla strada giusta”.

È ottimo l’inizio gara degli Azzurri. I primi cinque minuti sono un monologo dell’Italbasket, serrata in difesa e con una veloce circolazione di palla in attacco. La tripla di Akele vale il primo break (9-3) e costa a coach Buscaglia, aria di derby per lui questa sera, il primo time-out della partita. Tardiva, ma prevedibile, la reazione dei Paesi Bassi che, dopo il massimo vantaggio Azzurro (16-5), risalgono con Hammink (tripla sulla sirena del primo periodo), fino al -2 di inizio secondo quarto (22-20).

La squadra di Sacchetti non vuole rischiare oltre, e con la tripla di Udom (esordio e canestro al primo tentativo) e uno scatenato Akele (career high superato con un primo tempo da 12 punti) rimpingua nuovamente il gap fra le due squadre fino al massimo di +13 (42-29). Anche dopo questo allungo, i Paesi Bassi ritornano in vita, sorretti dal tandem Kloff-De Jong (17 in due nella prima metà gara). Tocca a capitan Michele Vitali, a secco fino a quel momento, alzare la voce, con la tripla che riporta in doppia cifra il vantaggio Azzurro prima del 47-39 che chiude il primo tempo.

Non è certo un quarto spumeggiante quello fra Italia e Paesi Bassi dal rientro dagli spogliatoi. La retina si muove pochissimo (appena 7 punti in 6 minuti), e per un verso questo è un bene per l’Italia che mantiene la testa della corsa. Il finale di periodo trova però emozioni, con le triple di Tonut e Tessitori che fanno urlare il pubblico del Mediolanum Forum (60-50).

Gli ospiti non mollano e sfruttano le soluzioni perimetrali con Hammink che infila un tre-su-tre-da-tre per il 62-60. E’ il momento che cambia la partita. I nostri avversari prendono una fiducia enorme, l’Italia è contratta e perde il filo del discorso. A 4 minuti dalla fine è di nuovo parità (67-67), e addirittura van der Vuurst, fra i migliori dei Paesi Bassi nel secondo tempo, regala in penetrazione il primo vantaggio Oranje (67-69). Nella fase peggiore della partita sono ancora una volta Akele (miglior realizzatore con 18 punti) e Vitali a raddrizzare la rotta. Prima con i canestri del sorpasso, poi, nel caso del Capitano, con un recupero palla di pura grinta che toglie il possibile tiro del pareggio ai nostri avversari. Con l’ultima palla da gestire con il cronometro, arriva il 75-73 che regala la prima vittoria dell’Italia nella strada verso il Mondiale 2023.

Nell’altra sfida del Girone H la Russia ha battuto l’Islanda 89-65, prendendosi così la leadership in solitaria del raggruppamento.

La Nazionale dà l’arrivederci a febbraio 2022, quando nella seconda finestra di qualificazione al Mondiale 2023 sarà impegnata nella doppia sfida all’Islanda.

Il tabellino

Italia-Paesi Bassi 75-73 (22-18, 25-21, 13-11, 15-23)

Italia: Candi, Tonut* 13 (2/7, 2/5), Flaccadori 6 (3/5, 0/2), Mascolo ne, Tessitori* 13 (4/6, 1/1), Gaspardo 2 (1/1, 0/2), Udom 5 (0/1, 1/1), Vitali M.* 7 (0/2, 2/6), Diouf 4 (1/1), Alviti (0/1), Akele* 18 (5/8, 2/4), Pajola* 7 (3/7, 0/2). All: Sacchetti

Paesi Bassi: Franke 6 (0/4, 2/7), Van Der Vuurst de Vries 4 (2/5, 0/2), Van Zegeren 2 (1/2), Van Vliet ne, Williams* 3 (1/1 da tre), De Jong* 14 (3/4, 1/4), Kherrazi* 2 (1/2), Hammink 19 (2/3, 5/6), Schaftenaar R. 9 (4/5), Schaftenaar O. 3 (1/3 da tre), Kok* (0/2), Kloof 11* (3/4, 1/2). All: Buscaglia

Tiri da 2 Ita 19/39, Ned 16/31; Tiri da 3 Ita 8/23, Ned 11/25; Tiri liberi Ita 13/15, Ned 8/10. Rimbalzi Ita 33, Ned 29. Assist Ita 19, Ned 16.

Usciti 5 falli: nessuno

Arbitri: Tomas Jasevicius (Lituania), Martin Vulic (Croazia), Erez Gurion (Israele)

Il calendario del girone H

 

26 novembre 2021

Paesi Bassi-Islanda 77-79

Russia-Italia 92-78

 

29 novembre 2021

Russia-Islanda 89-65

Italia-Paesi Bassi 75-73

 

24 febbraio 2022

Islanda-Italia

Russia-Paesi Bassi

 

27 febbraio 2022

Italia-Islanda

Paesi Bassi-Russia

 

1° luglio 2022

Islanda-Paesi Bassi

Italia-Russia

 

4 luglio 2022

Paesi Bassi-Italia

Russia-Islanda

 

La classifica

Russia 4 (2/0)

Italia 3 (1/1)

Islanda 3 (1/1)

Paesi Bassi 2 (0/2)

La formula

Nella prima fase, le 32 squadre partecipanti sono state divise in 8 gruppi da quattro formazioni ciascuno che si sfidano in un girone all’italiana con gare di andata e ritorno lungo tre “finestre”. Si qualificano alla seconda fase solo le prime tre squadre in classifica, che formano un ulteriore girone a sei con le prime tre squadre qualificate del gruppo abbinato portandosi dietro i punti fatti con le altre squadre che hanno passato il turno. Nel secondo girone si affrontano in gare di andata e ritorno solo le squadre che non si sono scontrate nella prima fase. Si qualificano al Mondiale solo le prime tre classificate del secondo girone. Il gruppo dell’Italia si incrocerà con il gruppo G, quello composto da Spagna, Georgia, Macedonia del Nord e Ucraina.

 

Ufficio Stampa Fip

 

  

Commenti

PUBBLICITA'