Web Analytics Made Easy -
    StatCounter
  • Emilia Romagna Sport
  • Marche Sport

Basket | Giovanili

Basket Under 13 , l'affollamento invece dell'ordine

Di Ettore Zuccheri

Pagina 1 di 1

05/08/2022

Basket Under 13 , l'affollamento invece dell'ordine

Seguici su Facebook : BASKET EMILIAROMAGNA   

 

Basket Under 13 , l'affollamento invece dell'ordine

Il basket degli Under.13, giocato 5c5, a prescindere dal tipo di metodo utilizzato per il suo insegnamento, è sempre caos.

Se i giocatori a questo livello si esprimono nel gioco in modo ordinato, vuol dire che siamo fuori strada, è successo qualcosa di dannoso per il ragazzo.

“Una volta c’era il caos”. Così è stato scritto, anche quando è nata la vita sulla terra e questo ha un significato, considerata l’attuale bellezza della Natura. Anche nelle attività umane, che appartengono alla Natura, e nel gioco in particolare, si apprende meglio nell’affollamento perché per natura, si dà sempre il meglio nella difficoltà.

Quindi? Il caos è meglio dell’ordine per l’apprendimento. E dentro il caos per apprendere il gioco, pian piano, tutto diventa ordine perché l’abitudine a risolvere i problemi motori, fa migliorare. Si diventa più forti nel caos. Scontato?

Ricordate Roy Rubin? Correvano gli anni ’70 e solo i più vecchi lo ricorderanno. Nel pieno boom della didattica che prevedeva il metodo analitico e la sua amata “progressione didattica”, fu uno scandalo. Molti colleghi l’avrebbero bruciato, come eretico.

A mio avviso, è stato uno degli allenatori più interessanti venuti in Italia. Negli anni ’70, fu un relatore di un clinic tenuto a Roma, dove fu travolto dalle critiche. Il motivo? Il suo metodo di allenamento.

L’affollamento invece dell’ordine, metodo “globale”, per insegnare il gioco, invece dell’analitico. Il gioco 5c5, subito, invece della progressione didattica ritenuta ormai la “via maestra” per insegnare e correggere gli errori durante il gioco.

Scrivo queste cose, frutto della esperienza sul campo, fuori da ogni discorso didattico moderno, per invitare a cercare altre strade meno battute, ma spesso formidabili per l’educazione del ragazzo.

Sono andato nella scuola primaria per questo motivo, una sfida con me stesso, l’ho scritto tante volte ed ho fatto l’esperienza. Si può giocare subito 5c5, anche a quel livello. Basta trovare le modalità accessibili alle loro abitudini motorie, mettendo al primo posto l’educazione e non il pregiudizio tecnico.

 

Ettore Zuccheri

Commenti

PUBBLICITA'