Web
    Analytics
  • Emilia Romagna Sport
  • Marche Sport

Calcio | Giovanili | Allievi

Airone-Boca 2-4

09/11/2016

Airone-Boca 2-4

Airone 83 – Boca 2-4
Quello che, inizialmente sembrava un incubo e all’improvviso aveva i contorni di un sogno da agguantare, si
è trasformato nella realtà, un tonfo secco al suolo e la sveglia, che ci ha fatto alzare da letto. Gli Allievi 2001
dell’Airone non sono riusciti ad allungare sul Boca in classifica, che li seguiva a distanza ravvicinata e, dopo
80 minuti giocati non al meglio dei padroni di casa, si sono dovuti arrendere, lasciando i 3 punti ai rivali. Un
primo tempo giocato male dall’Airone, spesso distratto e poco “cattivo” sui contrasti, con la costante paura
di potersi fare male che aveva la meglio sulla volontà di agguantare quella maledetta sfera per far ripartire
l’azione. Mister Versace, senza gli infortunati Urru e Guizzardi,ha dovuto di fatto ridisegnare la squadra per
cercare di resistere agli attacchi degli ospiti. I primi 20 minuti sono caratterizzati da un dominio su larga
scala del Boca, con Guazzo chiamato a più riprese a compiere parate spettacolari per mantenere la porta
inviolata. Così non succede nei pressi del 25’ quando, dopo una serie di rimpalli fortuiti, gli ospiti vanno a
segno con Bianco, bravo a sfruttare il pallone che si è trovato tra i piedi. Il raddoppio lo trova Silva dopo una
bella azione iniziata e conclusa dal numero 10 del Boca. Proprio mentre il giovanissimo arbitro sta per
fischiare la conclusione del primo tempo, arriva anche una clamorosa traversa ospite che avrebbe, di fatto,
steso ancora di più i padroni di casa, assolutamente assenti nei pressi dell’area avversaria grazie soprattutto
al pressing e alla corsa del Boca. La seconda frazione di gioco si apre, sostanzialmente, come si era chiusa la
prima: ospiti protesi in avanti e padroni di casa in difficoltà nel momento di impostare l’azione, con tanti,
troppi errori nella zona nevralgica del campo:come se non bastasse arriva, dopo una bella parata di Guazzo,
il terzo gol della gara, firmato sempre da Bianco, vero e proprio mattatore di giornata, autore di una
doppietta. Ora, chiunque penserebbe che potrebbe sembrare un’utopia rialzarsi e continuare a combattere,
già consapevoli del proprio destino; questo non è però il pensiero degli 11 in maglia gialla che, pochi minuti
dopo, trovano il gol con Capozzi, imbeccato alla perfezione da Versace, segno che qualcosa ancora batte
sotto quelle magliette; la conferma definitiva arriva dopo una decina di minuti quando Orguibeh si desta e
trafigge il portiere avversario, riducendo ad una sola rete la distanza tra le due compagini. E poi,
improvvisamente, la speranza: Lambertini, entrato nella ripresa per Chirico, serve perfettamente Versace
che si trova a tu per tu con il portiere, fa partire il tiro ma l’estremo difensore ospite, animato da sacro
spirito, si avventa sull’attaccante e sventa il pericolo con una splendida parata bassa che, difatti, spegne quel
furore che si era improvvisamente acceso. Il ben servito lo da Oulai, attaccante ospite che chiude i giochi a
pochi minuti dal termine con un’accelerazione sulla sinistra contro la quale i difensori di casa non hanno
saputo opporre resistenza. Termina quindi quattro a due una partita che i padroni di casa non hanno saputo
affrontare, per il primo tempo, nel modo migliore, faticando nell’opporre resistenza ad una squadra che
comunque, va detto, può contare su elementi davvero interessanti e dall’elevato tasso tecnico. Non resta
che aspettare domenica prossima, rimboccarsi le maniche e tornare a fare punti, cancellando una
prestazione non all’altezza delle precedenti. Nonostante tutto Forza Ragazzi, Forza Airone!
Di Giacomo Guizzardi

Airone vs Boca 3

08/11/2016

Airone vs Boca 3

Quello che, inizialmente sembrava un incubo e all’improvviso aveva i contorni di un sogno da agguantare, si è trasformato nella realtà, un tonfo secco al suolo e la sveglia, che ci ha fatto alzare da letto. Gli Allievi 2001 dell’Airone non sono riusciti ad allungare sul Boca in classifica, che li seguiva a distanza ravvicinata e, dopo 80 minuti giocati non al meglio dei padroni di casa, si sono dovuti arrendere, lasciando i 3 punti ai rivali. Un primo tempo giocato male dall’Airone, spesso distratto e poco “cattivo” sui contrasti, con la costante paura di potersi fare male che aveva la meglio sulla volontà di agguantare quella maledetta sfera per far ripartire l’azione. Mister Versace, senza gli infortunati Urru e Guizzardi,ha dovuto di fatto ridisegnare la squadra per cercare di resistere agli attacchi degli ospiti. I primi 20 minuti sono caratterizzati da un dominio su larga scala del Boca, con Guazzo chiamato a più riprese a compiere parate spettacolari per mantenere la porta inviolata. Così non succede nei pressi del 25’ quando, dopo una serie di rimpalli fortuiti, gli ospiti vanno a segno con Bianco, bravo a sfruttare il pallone che si è trovato tra i piedi. Il raddoppio lo trova Silva dopo una bella azione iniziata e conclusa dal numero 10 del Boca. Proprio mentre il giovanissimo arbitro sta per fischiare la conclusione del primo tempo, arriva anche una clamorosa traversa ospite che avrebbe, di fatto, steso ancora di più i padroni di casa, assolutamente assenti nei pressi dell’area avversaria grazie soprattutto al pressing e alla corsa del Boca. La seconda frazione di gioco si apre, sostanzialmente, come si era chiusa la prima: ospiti protesi in avanti e padroni di casa in difficoltà nel momento di impostare l’azione, con tanti, troppi errori nella zona nevralgica del campo:come se non bastasse arriva, dopo una bella parata di Guazzo, il terzo gol della gara, firmato sempre da Bianco, vero e proprio mattatore di giornata, autore di una doppietta. Ora, chiunque penserebbe che potrebbe sembrare un’utopia rialzarsi e continuare a combattere, già consapevoli del proprio destino; questo non è però il pensiero degli 11 in maglia gialla che, pochi minuti dopo, trovano il gol con Capozzi, imbeccato alla perfezione da Versace, segno che qualcosa ancora batte sotto quelle magliette; la conferma definitiva arriva dopo una decina di minuti quando Orguibeh si desta e trafigge il portiere avversario, riducendo ad una sola rete la distanza tra le due compagini. E poi, improvvisamente, la speranza: Lambertini, entrato nella ripresa per Chirico, serve perfettamente Versace che si trova a tu per tu con il portiere, fa partire il tiro ma l’estremo difensore ospite, animato da sacro spirito, si avventa sull’attaccante e sventa il pericolo con una splendida parata bassa che, difatti, spegne quel furore che si era improvvisamente acceso. Il ben servito lo da Oulai, attaccante ospite che chiude i giochi a pochi minuti dal termine con un’accelerazione sulla sinistra contro la quale i difensori di casa non hanno saputo opporre resistenza. Termina quindi quattro a due una partita che i padroni di casa non hanno saputo affrontare, per il primo tempo, nel modo migliore, faticando nell’opporre resistenza ad una squadra che comunque, va detto, può contare su elementi davvero interessanti e dall’elevato tasso tecnico. Non resta che aspettare domenica prossima, rimboccarsi le maniche e tornare a fare punti, cancellando una prestazione non all’altezza delle precedenti. Nonostante tutto Forza Ragazzi, Forza Airone!
Di Giacomo Guizzardi

Commenti



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'