In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Atletica | Podismo

Andrea Domeniconi in attesa dei prossimi traguardi

15/01/2020


Andrea Domeniconi in attesa dei prossimi traguardi

 

Seguici su Facebook: ATLETICA EMILIAROMAGNA

 

Andrea Domeniconi, 36 anni, è un taxista di Cesena che dal 2017 ha conosciuto il mondo della corsa ma solo nel 2019 è entrato a far parte di una squadra podistica, la NUOVA VIRTUS CESENA. In questo anno ha partecipato a 3 maratone e 7 ultra maratone, a partire dal Trail di Casola Valsenio di  48 km (dislivello positivo 3500 m) dove si è aggiudicato il secondo posto assoluto;  la Strasimeno di 58 km, corsa assieme alla futura moglie, in cui al km 34 è avvenuta la romanticissima proposta di matrimonio; il TRITTICO DI ROMAGNA composto dalla Maratona di Russi conclusa con un tempo di 2 ore e 47 minuti ( vedi foto ), la 50 km di Romagna in 3 ore e 41 minuti e la famosissima 100 km del Passatore ( da Firenze a Faenza) conclusa in 9 ore e 13 minuti, il connubio delle 3 gare hanno permesso di raggiungere un favolo sesto posto in classifica.

 

Ma ancora la 50 km della Pistoia – Abetone, il Monte Rosa Walser Trail di 114 km ( dislivello positivo 8000 m) e  per concludere l’anno la maratona Alzheimer e il Trail dell’Ulivo di  52 km (dislivello positivo 3000 m ).

 

E’ facile notare come si sia creata una grande passione per le lunghe distanze, dette anche ultra maratone, infatti per il 2020 Andrea ha grandi progetti anche di livello internazionale: MARATHON DE SABLES ( aprile), NOVE COLLI RUNNING ( 23 maggio ) e TDS ( 25 agosto ), ma cerchiamo di capire meglio di cosa si tratta.

 

Dal 02 al 13 aprile sarà impegnato in Marocco per la Marathon de Sables, una gara a tappe di 6 giorni dove correrà varie distanze, a partire da una 30 km, per proseguire con 33 km, 37 km, 80 km e concluderà con una 42 km. Gara di notevole importanza non tanto per il notevole sforzo fisico in cui dovrà gestire al meglio le proprie energie, ma prevalentemente per la giusta organizzazione dal punto di vista nutrizionale. La gara è gestita in semi autosufficienza, l’organizzazione metterà a disposizione solo acqua e tende in cui ripararsi durante la notte, sarà perciò cura di ogni partecipante provvedere all’alimentazione e tutta l’attrezzatura per cucinare e dormire. Ed è proprio questa la parte più affascinante per Andrea che si sta già allenando alle lunghe e costanti corse sia su sabbia che su sterrati con uno zaino sulle spalle per andare a riproporre le più simili condizione che a ndranno a presentarsi il giorno della gara.

 

Ma non è finita qui, perché una volta di ritorno dal Marocco, il 23 maggio, farà il suo esordio alla Nove Colli Running ( 202 km ) che si correrà sullo stesso percorso della famosissima corsa ciclistica. Gara completamente diversa perché in un’unica giornata dovrà affrontare la lunga distanza.

 

Per spiegarvi al meglio l’ultima competizione dobbiamo tornare indietro, siamo nell’estate del 2019, Andrea ad agosto è salito, assieme all’aiuto di una guida alpina e accompagnato dalla moglie, sulla cima dell’affascinante e imponente MONTE BIANCO ( ricordiamo i suoi 4810 m di altezza, la più alta d’Europa ), grazie a questa faticosissima e splendida esperienza è venuto a conoscenza dell’UTMB, Ultra Trail del Monte Bianco, e se ne è innamorato: “il prossimo anno vorrei partecipare anche io”. Il sogno si è avverato, il 25 agosto 2020 parteciperà alla TDS competizione di 145 km facente parte del campionato mondiale di ultra trail, con partenza da Courmayeur e arrivo in Francia a Chamonix. Non tutti possono partecipare a queste competizioni, sono necessari punteggi particolari, e lui grazie al Trail di Casola Valsenio ( 48 km ), a quello del Monte Rosa (114 km ) ed hai risultati ottenuti è stato sorteggiato tra i tantissimi pre-iscritti.

 

Ma come farà a preparare al meglio queste competizioni?

 

Andrea non si fa seguire da nessun preparatore atletico, il suo segreto è la lettura. Predilige libri sulla corsa, i suoi preferiti sono senza dubbio BORN TO RUN di Christopher McDougalle EAT & RUN di Scott Jurek. Attraverso la lettura e la sperimentazione in prima persona ha trovato come tipologia di allenamento le corse quotidiane a ritmo lento; due allenamenti al giorno da un’ora, uno alla mattina alle sei e l’altro nel pomeriggio, quando vuole aumentare le distanze si allena una sola volta al giorno ma corre per 4 o 5 ore; mantiene un giorno fisso di riposo e in base alle necessità anche due giorni di riposo a settimana; ad ogni modo il chilometraggio settimanale si aggira attorno ai 110-150 km.

 

E come ripete a se stesso: “ STANDARD ELEVATI, ASPETTATIVE ELEVATE, RICOMPENSA ELEVATA”.

 

In bocca al lupo Andrea!

 



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'