In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Ciclismo

Combattutissima terza tappa del giro scalando l’Etna

06/10/2020


Combattutissima terza tappa del giro scalando l’Etna

 

 

Seguici su Facebook: CICLISMO EMILIAROMAGNA

 

 

Terza tappa del Giro d’Italia :Enna - Etna di 150 Km.

Una tappa riproposta spesso nella speranza di delineare una prima classifica generale, ma la scalata dell’Etna finisce quasi sempre in un nulla di fatto.

Così le ultime due volte che si è affrontata la scalata dell’Etna non è accaduto assolutamente nulla.

Questa volta si è affrontata la scalata da un versante inedito, mai affrontato prima, quindi la speranza che potesse succedere qualche cosa era consistente, anche perchè non c’era solo la scalata all’Etna, quasi 19 Km al 6,6%di pendenza media, ma tutto il percorso non concedeva un attimo di respiro ed inoltre c’era da tener presente l’incognita del vento.

Lo spazio per fare la corsa c’era e a quel punto sarebbe toccato ai corridori.

Subito dopo il via riuscivano ad evadere dal gruppo cinque uomini sui quali riuscivano a riportarsi altri tre corridori.

Questa la composizione del gruppetto di testa: Francesco Romano, Altedo, Victor Campenaerts,Michael Vierge, Giovanni Visconti che raggiungevano un vantaggio di 5’25”.

All’inizio della salita il gruppetto di testa aumentava il ritmo come dietro di loro faceva il gruppo e quindi dal gruppo iniziavano a staccarsi numerosi corridori fra i quali Gabiria ed Elia Viviani.

In testa al gruppo Vincenzo Nibali con tutti i suoi compagni di squadra cercava di allungare per allungare e sgretolare il gruppo.

Anche dal gruppo di testa perdevano contatto alcuni uomini,intanto nelle retrovie Gerard Tomas era in difficoltà per una caduta e la maglia rosa Filippo Ganna cercava di riportare il proprio capitano in gruppo.

Quando mancavano 8 Km al traguardo rimanevano in testa Visconti e Jonathan Caicedo con 2’15” di vantaggio sul gruppo in testa al quale Matteo Fabbro continuava nel suo ritmo forsennato, che portava il gruppo a ridurre il distacco dai primi due di 1’30”.

A 5 Km dal traguardo Visconti scattava cercando di staccare il suo compagno di fuga, ma Caicedo si alzava sui pedali e scattava a sua volta staccando Visconti.

L’Equadoreno Caicedo rimaneva solo in testa alla corsa con 20” di vantaggio su Visconti, poi seguivano Pozzovivo,Nibali, Maika, Pulzag.

Caicedo lancaitissimo verso il traguardo dove andava nettamente a vincere.

Al secondo posto,staccato di 21” si classificava Giovanni Visconti, al terzo posto staccato di 30” si classificava Harn CIl portoghese Joao Almeda conquistava la maglia rosa con l’Equadoreno Caicedo staccato di soli 28 centesimi.

Al termine di questa bellissima e combattutissima tappa bisogna ricordare l’ottima prova di Vincenzo Nibali autore di una bellissima prova.

                  Ordine d’Arrivo

1°Jonathan Caicedo(EF Pro Cycling) 150 Km in 4h02’33”, media 37,106 Kmh

2°Giovanni Visconti(Vini Zabu - Brado - KTM) a 21”

3° Harm Vanhoucke(Lotto Soudal) a 30”

 

                   CLASSIFICA GENERALE

 

1° Joao Almeida(Deceuninck - Quick - Step)

2° Jonathan Caicedo(EF Pro Cycling) s.t.

3° Pello Bilbao(Bahrain - Mc Laren) a 37”

4° Wilco Kelderman(Team Sunweb) a 42”

5° Harn Vanhoucke(Lotto Soudal) a 53”

6° Vincenzo Nibali(Trek - Segafredo) a 55”

7° Domenico Pozzovivo(NTT Pro Cycling) a 59”

8° Brandon Mc Nulty(UAE Team Emirates) a 1’11”

9° Jakob Fuglsang(Astra Pro Team) a 1’13”

10°Steven Kruyswijk(Jumbo - Visma) a 1’15”

 

                                          Marco Sandali



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati





PUBBLICITA'

PUBBLICITA'