In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Arti marziali

Fabio Pradella: il tatami è una crescita continua

26/11/2020


Fabio Pradella: il tatami è una crescita continua

 

"Sono pignolo e preciso perchè ritengo che il Ju Jitsu sia - prima di tutto - una scuola di vita fatta di sacrificio e abnegazione."

 

Seguici su Facebook: ARTI MARZIALI EMILIAROMAGNA E MARCHE

 

Fabio Pradella, classe 1971, è un praticante con passione di questa arte marziale dal 1999. "Nel 2002 ho conseguito la cintura nera e il 1°DAN con il Maestro Claudio Corazza (di cui sono poi divenuto Assistente durante le sue lezioni) e sotto la supervisione del Maestro Silvano Piero Rovigatti", le sue parole. "Nel 2018 ho conseguito il 5°DAN con qualifica di Maestro ed ho iniziato ad insegnare ai ragazzi dai 12 anni in poi a Mirandola; a loro cerco di trasmetere tutta la mia passione e dedizione. Sempre nello stesso anno - il 2018 - l'ennesima tappa prestigiosa nella carriera sportiva di Fabio Pradella. "Sono diventato anche Arbitro Regionale ed i ringraziamenti vanno a Lorenzo Mazzoni e ad Alessio Bonanno. Posso affermare che, stando al centro del tatami, la prospettiva è diversa." Significativa una riflessione. "Il Ju Jitsu è uno sport di contatto, purtroppo il Covid-19 ci ha impedito di proseguire con le lezioni e le gare.... ma la volontà e lo spirito sono saldi e desiderosi di riprendere quanto prima. In questo periodo così difficile per tutti, voglio lanciare quello che è anche il mio motto: non dobbiamo mollare mai." La conclusione è un pensiero davvero molto speciale. "Ci tengo a ringraziare, inoltre, i Maestri Silvano Piero Rovigatti e Claudio Corazza."

 

Enrico Ferranti.

 



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'