In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Calcio

Il Castellarano piazza un inatteso blitz di mercato

il Castellarano ha piazzato un colpo di mercato preferragostano,

13/08/2019


Il Castellarano piazza un inatteso blitz di mercato

l Castellarano ha piazzato un colpo di mercato preferragostano, tanto prestigioso quanto inaspettato: nella prossima stagione agonistica, il reparto difensivo della Prima squadra azulgrana potrà contare nientemeno che su Nazzareno Belfasti. Per il talentoso classe '93 si tratta di un ritorno a casa, in tutti i sensi: il giocatore vive infatti a Castellarano, ed è proprio qui che ha mosso i primi passi calcistici a livello giovanile. A seguire, la carriera di Belfasti si è orientata spesso e volentieri sulla strada del professionismo: nel corso degli anni lui ha vestito le casacche di Juventus Under 19, Modena, Gubbio, Pro Vercelli, Feralpisalò, Carrarese e Pro Piacenza. Nella scorsa stagione, lo abbiamo invece visto all'opera in serie D con la maglia della Reggio Audace: peraltro il suo anno in granata si è rivelato parecchio positivo, e dunque Belfasti si ripresenta qui a Castellarano con credenziali ancora più rilevanti.

"Durante la prossima stagione, giocherò in un contesto sportivo che rientra a pieno titolo nel dna di famiglia - esordisce il diretto interessato - Non a caso, anche mio padre Tiziano Belfasti giocava qui: a cavallo tra gli anni '70 e '80 lui è stato un'autentica bandiera di questa realtà calcistica, ed è senza dubbio tra i giocatori con il maggior numero di presenze nelle file del Castellarano. Ora io mi candido a seguire le sue orme, ben sapendo che non sarà facile: anche se provengo da campionati superiori, per me la Promozione è un'esperienza da affrontare tenendo ben alla larga ogni possibile atteggiamento snob. In più, il Castellarano ha un blasone di primo piano e un presente di grande credibilità: si tratta quindi di un club che merita impegno e lavoro da parte mia, senza supponenze".

 

Più nello specifico, Belfasti, quali sono i motivi che ti hanno condotto in azulgrana? Un giocatore del tuo rango avrà sicuramente avuto offerte dal mondo professionistico...

"In effetti sì, ma nessuna che mi soddisfacesse appieno. Inoltre, adesso ho maturato la volontà di vivere il calcio in maniera differente rispetto agli anni scorsi: sempre con serietà e senso di responsabilità, ma senza le ansie e i patemi che spesso l'universo dei professionisti porta con sè. Il Castellarano è una realtà in costante espansione, e con la dirigenza ho sùbito trovato una notevole sintonia d'intenti: di conseguenza ho scelto questa soluzione senza troppo esitare, preferendola addirittura a un pacchetto di proposte che mi erano giunte dall'Eccellenza".

 

Come stai dal punto di vista fisico?

"Nell'ultimo mese della scorsa stagione, quando ero ancora alla Reggio Audace, ho dovuto fare i conti con una fastidiosa pubalgia. D'altro canto, si tratta di un problema che ora è ampiamente in via di risoluzione: per superarlo, sto seguendo con attenzione le indicazioni di un noto fisioterapista reggiano. Di certo sarò presente al raduno di venerdì prossimo 16 agosto: a seguire sarò regolarmente schierabile nel giro di breve tempo, al massimo per la prima di campionato contro la Scandianese/Casalgrandese. Per il resto, non ci sono altri inghippi: nel 2018/2019 ho totalizzato 28 presenze in D, e continuo ad avere un pieno ritmo-partita. Tra i miei punti di forza, c'è senz'altro l'abilità in fase di corsa".

 

Conosci già alcuni giocatori del nuovo Castellarano? E più in generale, quali sono gli obiettivi a cui l'organico potrà ambire nella stagione che va a iniziare?

"A essere sincero, al momento conosco ancora pochi elementi: per esempio Ahmed Guilouzi ma anche Giuseppe Greco, che è stato mio compagno di squadra a Modena e Vercelli. Per quanto riguarda gli obiettivi, di certo partiamo con ottime prospettive di alta classifica: ad ogni modo, con i soli proclami si va davvero poco lontano. Ogni percorso agonistico è per sua natura composto da difficoltà, momenti opachi e imprevisti di vario genere: il Castellarano avrà quindi il non facile compito di superare con maestria ciascuno di questi ostacoli. Di certo partiamo con ottimi auspici, che tuttavia andranno confermati di volta in volta sul campo: nessuno ci farà sconti, e dunque adesso non è affatto il momento di crogiolarsi sugli allori".

 

Hai già parlato con mister Lanzafame? 

"Non ancora: peraltro con lui non ho mai lavorato, e quindi non sono certo in grado di esprimere impressioni in merito alla sua conduzione tecnica. Comunque sia lui è certamente una persona di elevato valore umano, e ciò rappresenta una dote di primaria importanza per guidare al meglio una squadra".

 

Il raduno della Prima squadra è dunque confermato per venerdì prossimo allo stadio Ferrarini, dalle ore 18: sùbito dopo il gruppo si trasferirà sul sintetico "don Bosco" di via Chiaviche, per svolgere il primo allenamento della nuova stagione che avrà inizio alle 18,30. Intanto, Asd Castellarano rivolge a tutti i migliori auguri di Buon Ferragosto!



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'