In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Calcio

Intervista a Max Amaducci, presidente del Diegaro

31/03/2020


Intervista a Max Amaducci, presidente del Diegaro

 

 

Seguici su Facebook: DILETTANTI FORLI CESENA

 

 

Buongiorno Presidente. Il calcio per l’emergenza Coronavirus si è fermato. Qual è il suo stato d’animo, della società e dei giocatori ?

La prima settimana è stata critica, però ci siamo resi conto dell'emergenza e abbiamo accettato la situazione.

 

 

Com’è la situazione a Diegaro ? Come passa le sue giornate di quarantena ?

Ogni tanto taglio l'erba al campo sportivo, rispettando sempre le norme previste. Mi occupo della manutenzione dell'azienda agricola e della vigna che gestisco.

 

 

Il suo Diegaro prima dello stop al campionato si stava comportando bene : terzo a un solo punto dal Corticella e a sette lunghezze dalla Marignanese prima in classifica. Soddisfatto del lavoro svolto dai suoi ragazzi sinora ? I risultati ottenuti sono in linea con gli obiettivi stagionali chiesti ad allenatore e giocatori ?

A inizio campionato se ci avessero detto che avremmo raggiunto questa posizione in classifica a 10 giornate dalla fine, non ci avremmo creduto. Siamo soddisfatti del lavoro dei giocatori nonostante gli infortuni imprevisti che ci hanno penalizzato. 

 

 

Qual è il ricordo più felice e quello più amaro da quando è Presidente ? 

Il ricordo felice sono tutte le promozioni che abbiamo raggiunto. Il ricordo amaro per quest'anno è la partita persa a tavolino contro il Masi Torello Voghiera per un errore arbitrale.

 

 

Ora che è tutto fermo, allenamenti compresi, sarà difficile riprendere il ritmo campionato. Soprattutto per squadre come la sua, impegnate nella lotta al vertice..

Tutto dipende se riinizierà il campionato o verrà tutto sospeso.

 

 

Se la situazione generale non dovesse migliorare e questa sospensione dovesse prolungarsi, cosa succederebbe ? Cosa succederà nella prossima stagione ? Cosa dovrebbe fare la F.I.G.C. per aiutare le società a ripartire ?

La FIGC dovrebbe far riscrivere le società a costo zero per venire in contro alle società. 

 

 

Tra gli scenari possibili ( A : nessun verdetto, le prime classificate avranno priorità di ripescaggio. B : le prime classificate saranno promosse nella categoria superiore, nessuna retrocessione. C : promozioni e retrocessioni saranno ufficializzate solo nel caso in cui il distacco sia netto. D : verranno confermate promozioni e retrocessioni dirette, nessun play off e nessun play out ) cosa auspica che deciderà la Lega Nazionale Dilettanti ?

Non sceglierei nessuna delle opzioni. Farei un anno sabbatico e ricomincerei il campionato con le squadre attuali.

 

 

Come vivono i giocatori questa situazione di emergenza ora che gli allenamenti sono sospesi fino a nuove direttive? Come si risolve questa inattività forzata ? Non si rischia così di vanificare mesi di allenamento fisico e tattico e una volta risolta la situazione occorrerà ripartire pressochè da zero ?

Coi giocatori ci sentiamo quotidianamente. Il preparatore atletico Placuzzi ha dato un programma da svolgere a casa a ogni giocatore per non vanificare quello fatto fino ad ora. 

 

 

E’ stato giusto secondo lei posticipare gli Europei di calcio e le Olimpiadi in Giappone all’anno prossimo ? E la nostra massima serie ? Sperando che questa emergenza termini il prima possibile, il campionato di serie A terminerà in piena estate.. E’ giusto secondo lei che in serie A si decurtino gli stipendi dei giocatori vista l’emergenza che stiamo attraversando?

Sì, ritengo che tutte le decisioni prese siano le migliori.

 

 

In questo momento particolare i tifosi non possono andare al campo sportivo per sostenere la propria squadra. Le persone a cui regalare il massimo sostegno sono i medici, gli infermieri, i ricercatori, le forze dell’ordine che stanno lottando contro il Coronavirus per giungere ad una rapida soluzione. Vorrei sentire il suo pensiero al riguardo.

Siamo tutti a sostegno del personale sanitario. Ritengo che ognuno nel suo piccolo debba fare tutto ciò che può per impedire l'espansione del virus e non vanificare il lavoro svolto.

 

 

 

Cristiano DellaPasqua

 



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'