In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Futsal

L'OR Reggio Emilia fa un passo indietro

L'OR Reggio Emilia ripartirà dalla serie B

29/06/2020


L'OR Reggio Emilia fa un passo indietro

 

 

 

L'OR Reggio Emilia prenderà parte al prossimo campionato di serie B. Dopo la retrocessione arrivata a tavolino, la società cittadina ha deciso di non concorrere ad un eventuale ripescaggio in A2, accettando – seppur non condividendolo – il verdetto della Divisione Calcio a 5. Il presidente Giuseppe Sagaria ha voluto spiegare nel dettaglio le motivazioni di questa scelta. “Partiamo dal presupposto che, a 6 giornate dalla fine del campionato, eravamo ultimi in classifica e con poche speranze di salvezza, ma comunque non retrocessi matematicamente. Sinceramente avrei preferito scendere di categoria sul campo, dal momento che questa società aveva fatto un grande sforzo per disputare la serie A2 e per onorarla fino alla fine, risultando in crescendo nel finale di stagione”.

 

Seguici su Facebook: FUTSAL EMILIAROMAGNA

 

Sono amareggiato per le decisioni prese, non mi aspettavo che attuassero le retrocessioni. In tutti gli altri sport hanno sospeso o annullato i campionati, da noi è andata in scena questa “barzelletta”. Accettiamo, pur non condividendolo, il verdetto e parteciperemo alla serie B. Sia chiaro, non si tratta di polemica verso qualcosa o qualcuno, ma di una scelta ponderata, frutto di una precisa scelta societaria che non contempla la non accettazione di un verdetto sportivo: se la Divisione Calcio a 5 ci avesse tutelato e ci avesse fatto rimanere in A2, non avremmo avuto dubbi. Ma per i vertici federali siamo retrocessi, seppur a tavolino, quindi ripartiremo dalla categoria che ci compete.

 

Tutti i meriti e le vittorie le abbiamo sempre ottenute sul campo, dalla D alla serie A2. Parteciperemo quindi alla B con tanta voglia di essere protagonisti, con una squadra come sempre composta da giovani e da innesti mirati, sapendo dove abbiamo sbagliato lo scorso anno”.

 

Sagaria sottolinea un rimpianto: “Il rammarico è aver lasciato una bella categoria come la A2, per il livello di gioco che si incontra ogni sabato, avendo capito gli errori che abbiamo commesso ad inizio stagione, più che altro per inesperienza. Ma siamo vivi e vogliamo tornare a sognare. La B non è un declassamento, ma fa parte di un percorso di crescita, per la squadra e per la dirigenza. Questa retrocessione è una “prima volta” che non ci abbatte, ci rende più forti e determinati di prima. Si tratta di una decisione definitiva, anche perché non vogliamo essere tenuti in ballo tutta estate con un ripescaggio”.

 

Per il numero 1 granata e tutto il club, non sono mancati bei momenti nella prima storica avventura in A2. “Lasciato questa categoria con negli occhi la vittoria contro Sestu, arrivata proprio prima dello stop, con l'esordio tra i pali del nostro 2002 Montanari, la tripletta di Aieta arrivata dopo un torneo straordinario e la crescita dei vari Akram, Bonini e Ferrari. E poi il grandissimo campionato di Edinho, uno che la categoria la legge benissimo.

 

Salutiamo con affetto i ragazzi che non saranno più con noi, da Daitoku a Guandeline e Marzano, che dal punto di vista umano non si sono mai tirati indietro. E ora guardiamo avanti”.

 

 



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'