In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Volley

La Consar affronta Padova in una sfida con vista sulla Coppa Italia

07/12/2019


La Consar affronta Padova in una sfida con vista sulla Coppa Italia

 

 

 

Domani al Pala De Andrè (ore 18) si annuncia un match dagli elevati contenuti visto che si incontrano due delle squadre che hanno fatto più punti nelle ultime cinque giornate

 

Il campionato di SuperLega Credem Banca corre velocissimo verso la fine del girone d’andata: domani è in programma l’11ª giornata e per la Consar Ravenna si profila all’orizzonte la Kioene Padova per un match che curiosamente rappresenta il penultimo ostacolo di Saitta e compagni  prima del giro di boa, proprio come fu nello scorso campionato. E quello che si svilupperà domani al Pala de Andrè (inizio alle ore 18, dirigono Sobrero di Carcare e Cerra di Bologna) promette di essere un match dagli elevati contenuti tecnici e agonistici visto che si affrontano due delle squadre che nelle ultime cinque giornate hanno saputo fare più punti: 9 la Consar, uno in meno la Kioene.

Ne è convinto anche Marco Bonitta, il coach della Consar. “Sì, credo che sarà così; se noi e loro offriamo le prestazioni che abbiamo visto da una parte e dall’altra nelle ultime partite, ci sarà da divertirsi. Padova ha certamente qualcosa di più, come dice la classifica, per cui credo parta favorita però noi siamo consapevoli di poter dire la nostra in qualsiasi momento. Si affrontano due squadre che sanno murare, che hanno punti di forza che possono far valere durante la gara. Un po’ come succede in tante partite credo che la battuta sarà importante”.

Grazie proprio alla vistosa crescita e all’accelerazione di queste ultime partite, la Consar si è messa in una posizione di classifica che la tiene lontana dalla zona retrocessione e le permette di mettere nel mirino un posto nelle prime otto al termine dell’andata, che sancirebbe l’accesso ai quarti di Coppa Italia a gennaio. “Come ho già detto in altre occasioni, guardare la classifica adesso è molto relativo - osserva Bonitta - anche perché dobbiamo ancora fare il turno di riposo, quindi aspettiamo la fine del girone d’andata per capire quale direzione può prendere il nostro campionato. Per noi fare i punti in questo momento vuol dire soprattutto consolidare la salvezza, non avvicinarsi ad un altro obiettivo che non abbiamo fissato”.

Se in casa Kioene c’è un ex Ravenna, il centrale Alberto Polo, in maglia giallorossa nella stagione 2015/16, in casa Consar c’è un ex… mancato. Matteo Bortolozzo, infatti, è nato in provincia di Padova ma con la Pallavolo Padova non ha mai giocato. “Sono andato subito a giocare a Treviso e quindi Padova l’ho sempre trovata aldilà della rete – racconta il centrale - sia nelle giovanili o nelle varie Junior League sia quando giocavo in A2, però so che è una bellissima realtà, con un settore giovanile organizzato e competitivo. La Kioene gioca bene, è una squadra piena di buonissime individualità, è in un gran momento come noi e sicuramente va affrontata mostrandole grande rispetto ma senza avere alcun timore. Partita da playoff? Io penso che il nostro obiettivo primario deve continuare a essere quello di salvarci e di volare abbastanza bassi, anche se devo dire che la fiducia che ho in questa squadra aumenta ogni giorno di più non solo per i risultati che stiamo ottenendo ma anche per il salto di mentalità che abbiamo avuto e per la qualità molto alta degli allenamenti che facciamo in settimana”.

 

Le iniziative a corredo In coincidenza con l’ultima partita in casa del 2019 (le prossime, infatti, saranno a Piacenza sabato 14 nell’anticipo televisivo e a Trento il giorno di Natale), la società ha pensato di allestire alcune iniziative collaterali. Alla presenza dei ragazzi del settore giovanile, si terrà prima del match la consegna alla società del Marchio Oro di certificazione di qualità del settore giovanile per il periodo 2020/2021 valido per questa e per la prossima stagione. E’ il quinto Marchio Oro di qualità consecutivo che viene attribuito al Porto Robur Costa, una delle otto società in regione ad avere ottenuto tale certificazione.

Poi verranno presentate due nuove collaborazioni: quella con lo Zodiaco, società di ginnastica ritmica di Ravenna che con due sue atlete fresche di conquista della medaglia d’argento ai campionati di specialità Gold, proporrà alcune brevi esibizioni negli intervalli tra un set e l’altro; e quella con Ravenna Teatro che in occasione di questa partita, premierà il vincitore di tappa del contest Giveaway, l’iniziativa attiva su instagram per ogni partita casalinga che premia chi rilancia una condivisione di un contenuto, un tag ad un amico, un like, con due biglietti omaggio per lo spettacolo teatrale di Federico Buffa “Il rigore che non c’era”, al Rasi sabato 14 e lunedì 16 dicembre alle 21 e domenica 15 alle 15.30.

 

Le partite dell’11ª giornata: Civitanova-Perugia 3-1 (gioc. 10/11), Modena-Verona, Milano-Piacenza, Monza-Sora (oggi, 20.30), Ravenna-Padova, Cisterna-Vibo Valentia. Riposa: Trentino.

 

La classifica: Cucine Lube Civitanova 29; Sir Safety Conad Perugia* 25; Leo Shoes Modena* 24; Itas Trentino 21; Allianz Milano* 16; Kioene Padova* 14; Calzedonia Verona e Consar Ravenna 12; Gas Sales Piacenza* e Vero Volley Monza* 9; Top Volley Cisterna* 6; Tonno Callipo Vibo Valentia* 5; Globo Banca Popolare del Frusinate Sora 4.

 

° 1 partita in più

* 1 partita in meno

 

 

 

Ufficio stampa Porto RoburCosta

Massimo Montanari

 




Ravenna-Padova 3-0

09/12/2019


Ravenna-Padova 3-0

 

 

 Seguici su VOLLEY  EMILIAROMAGNA

 

Con una prestazione di assoluto valore in tutti i fondamentali, la squadra di Bonitta liquida Padova e si porta al sesto posto della classifica, mantenendosi in piena corsa per l’accesso alla Coppa Italia

 

Non poteva apparecchiarsi miglior congedo dal proprio pubblico per il 2019 la Consar. Nel match che metteva di fronte due delle squadre più in forma del momento, Saitta e compagni hanno sfornato una prestazione di grandissimo livello, liquidando in poco più di un’ora una Kioene che si presentava a Ravenna forte dei punti strappati a Trento e Milano.

E’ stato un monologo, con una Consar tirata a lucido in tutti fondamentali (64% in attacco, 61% in ricezione, 10 muri e 5 ace), e un Ter Horst immarcabile, che ha chiuso con 16 punti, 4 ace, e un mostruoso 86% in attacco. Con questa vittoria, la Consar conferma tutta la sua crescita, aggiorna il suo dato positivo a 12 punti nelle ultime sei partite, scavalca Padova e si issa al sesto posto, continuando ad alimentare il sogno di disputare la Coppa Italia.

La cronaca del match Si parte con i sestetti confermati e poi si procede punto a punto nel primo set fino al 14 pari, quando la Consar, determinata e aggressiva, con Vernon-Evans e Lavia (muro su Ishikawa) piazza l’allungo (un break di 4 punti) che sorprende Padova. Finisce 25-18 per una Consar in grande spolvero, che forza molto in battuta, si fa sentire in attacco (63% di squadra e un vertiginoso 83% di Ter Horst) e a muro (3 vincenti).

La Kioene prende un minimo vantaggio all’inizio del secondo set, subito annullato da Ravenna che con un break di tre punti si porta in vantaggio (4-3). Nuovo allungo dal 4 pari per la Consar che si porta a +3 (8-5). Padova, con due errori di Ravenna, raggiunge la nuova parità a quota 10, col turno in battuta di Ishikawa, che piazza qui uno dei due ace di tutto l’incontro per i suoi. Punto a punto in questa fase del set, spezzato da due ace di Vernon-Evans e da un attacco di Ter Host che mandano la Consar in fuga. Finale in crescendo, con una Kioene incapace di arginare la pressione della Consar, e set in ghiaccio ancora col punteggio di 25-18.

Terzo set senza storia: dopo l’effimero vantaggio della Kioene per 2-1, la Consar piazza un micidiale parziale di 10-0 che fa accendere anzitempo la scritta game over, con Ter Horst a sublimare la sua serata da Mvp e la Kioene a cercare di rendere meno pesante il passivo nel set nel finale, mettendo a segno 4 punti di fila.

 

Il commento di coach Bonitta: “Abbiamo fatto una partita abbastanza vicina alla perfezione, giocando molto bene, mettendo sempre sotto pressione Padova: li abbiamo toccati, abbiamo eroso la loro fiducia murandoli, prendendo solo due ace. Questa squadra continua a crescere ed è la cosa più bella. Vedere una squadra giocare tre set in questa maniera contro un Padova che finora ha giocato molto bene prendendo punti anche molto pesanti, mi fa veramente piacere. La classifica? Continuo a dire che la guarderemo solamente quando sarà finito il girone d’andata".

 

Il tabellino

 

Ravenna-Padova 3-0

(25-18, 25-18, 25-19)

 

CONSAR RAVENNA: Saitta 1, Vernon-Evans 10, Grozdanov 8, Cortesia 8, Ter Horst 16, Lavia 13, Kovacic (lib), Recine, Batak. Ne: Stefani, Bortolozzo, Marchini (lib.), Alonso, Cavuto. All.: Bonitta.

KIOENE PADOVA: Travica 2, Hernandez Ramos 8, Polo 8, Volpato 2, Randazzo 3, Ishikawa 9, Danani La Fuente (lib.), Casaro 2, Barnes 3. Ne: Bassanello (lib.), Merlo, Fusaro, Cottarelli, Canella. All.: Baldovin.

ARBITRI: Sobrero di Carcare e Cerra di Bologna.

NOTE: Durata set: 23’, 22’, 26’ tot. 71’. Ravenna (5 bv, 14 bs, 10 muri, 4 errori, 64% attacco, 61% ricezione, di cui 37% perfette), Padova (2 bv, 11 bs, 3 muri, 8 errori, 43% attacco, 51% ricezione, di cui 36% perfette). Spettatori: 2258 per un incasso di 11985 euro. MVP:.Ter Horst.

 

Ufficio stampa Porto RoburCosta

Massimo Montanari

 



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'