In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Calcio

La Folgore Rubiera San Fao dà il benvenuto al portiere Pietro Carnevali

03/12/2019


La Folgore Rubiera San Fao dà il benvenuto al portiere Pietro Carnevali

L'estremo difensore classe 2001 proviene dalla Correggese con la formula del prestito, e sarà schierabile già a partire dalla prossima sfida: "Io sono di San Faustino, e quindi mi sento già uno di casa. Ora mi metterò a lavorare per la squadra con umiltà e senza tentennamenti, sfruttando anche il mio lusinghiero stato di forma". Sul derby con gli azulgrana: "Ci attende un'avversaria in fase di rilancio, ma è proprio ciò che ci serve per lasciare subito alle spalle la sconfitta contro il Castelvetro". Inoltre la società ringrazia e saluta Matteo Oleari, che va all'Us Rubierese

 

Riscattarsi immediatamente dal pur onorevole ko rimediato tre giorni fa a Castelvetro: è il chiaro obiettivo della Folgore Rubiera San Fao Juniores, al lavoro in vista del prestigioso e sempre atteso derby in programma per sabato prossimo. L'agenda del 7 dicembre ha in serbo lo svolgimento della tredicesima giornata: i biancorossoblù saranno di scena sul terreno dell' "Argeo Bagnoli" di Villa Bagno, per affrontare un Castellarano che sta vivendo una notevole fase di rilancio. Come sempre il confronto avrà inizio alle ore 15, e il tecnico di casa Roberto Cavalletti potrà contare su una novità: la Folgore Juniores ha infatti raggiunto l'accordo con il portiere classe 2001 Pietro Carnevali. 

"Io vivo a San Faustino, quindi mi sento tutti gli effetti uno di casa - commenta il nuovo arrivato in casa biancorossoblù - D'altro canto, stranamente fino a oggi il mio percorso calcistico si era sempre svolto fuori Rubiera: ho infatti mosso i primi passi nelle file della Virtus Correggio, per poi trasferirmi alla Sammartinese. Tutto ciò fino ad arrivare alle più recenti esperienze nell'ambito della Correggese: lo scorso anno nel campionato regionale, e fino a pochi giorni fa nei ranghi della squadra biancorossa che sta disputando la categoria nazionale. Il mio cartellino è ancora della Correggese: sono qui con la formula del prestito".

 

E adesso, Carnevali, come è maturata la tua scelta di approdare alla Folgore Rubiera San Fao?

"Di certo, qui ho la possibilità di giocare di più e di affinare meglio il mio valore: resto ovviamente grato a tutte le mie precedenti società, ma al tempo stesso credo anche che questa nuova esperienza sarà parecchio utile per proseguire con rinnovata decisione la mia traiettoria di crescita. Sono in forma sotto ogni aspetto, e pronto per iniziare a lavorare proficuamente con tutto il resto della squadra: il nostro gruppo merita parecchie gratificazioni sportive, e dunque lavorerò con umiltà e costanza per cercare di dare un buon contributo in tal senso".

 

Visto che sei di San Faustino, è facile immaginare che tu conosca già molti tra i tuoi nuovi compagni di squadra...

"Certo che sì: peraltro, tanti di loro venivano a scuola insieme a me ai tempi delle Medie. Globalmente parlando, credo che la sconfitta di Castelvetro non debba inficiare la valutazione sul momentaneo bilancio della Folgore Rubiera San Fao: ritengo che l'organico possa contare su solidi valori tecnici e caratteriali, e quindi abbiamo le carte in regola per poterci proiettare stabilmente nell'alta classifica. Di play off, per il momento non parliamo: di certo tutti noi abbiamo la forte speranza di raggiungerli, ma solo in un secondo momento capiremo se gli spareggi per il titolo saranno davvero alla portata. Intanto dobbiamo soltanto concentrarci a fondo sul lavoro quotidiano, mantenendo un ottimismo misto a un profilo molto basso sul fronte dei proclami: ora non è il momento di parlare ma di agire, già a partire dalla sfida di sabato".

 

Sabato scorso, il nuovo mister azulgrana Claudio Caiti ha debuttato con una vittoria che ha portato ossigeno puro alla sua squadra: 3-2 casalingo contro il Maranello. Dal punto di vista rubierese, il Castellarano è l'avversaria giusta per cercare di riprendersi immediatamente dallo stop di Castelvetro?

"Per me il campionato Juniores regionale 2019/2020 rappresenta una dimensione nuova, e dunque non ho ancora una piena conoscenza dei rapporti di forza tra le varie squadre. D'altronde il Castellarano ha sempre avuto delle Juniores molto forti: inoltre, so anche che quella di quest'anno si colloca in piena linea con la tradizione dei nostri prossimi avversari. Ad ogni modo, meglio così: al di là dell'attuale classifica la compagine azulgrana è un'avversaria di spessore, ed è proprio il tipo di rivale che adesso ci serve per trovare un utile e prezioso sovrappiù in termini di motivazioni".

 

"Nel dare il nostro benvenuto a Carnevali, salutiamo anche un suo collega di ruolo - aggiunge poi Andrea Ippolito, direttore sportivo della Folgore Rubiera San Fao Juniores - Si tratta del portiere Matteo Oleari, che saluta la nostra squadra per approdare nei ranghi dell'Us Rubierese: a lui va la nostra gratitudine e cordialità, unitamente all'augurio di ottime fortune durante il suo percorso nelle file biancorosse. Per quanto riguarda la sfida di sabato, c'è da registrare il prezioso rientro di Filippo Paterlini che ha scontato la propria squalifica: restano però in dubbio Marco Merendino e Antonino Sciacca, che stanno comunque recuperando dai rispettivi problemi



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'