In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Basket

La Renauto si regala un Natale da imbattuta

16/12/2018


La Renauto si regala un Natale da imbattuta

 

Metti un LIKE sulla pagina facebook Basket EmiliaRomagna

 

HAPPY BASKET-Progresso BO 50-37 (15-11; 9-11; 11-6; 15-9), giocata domenica 16/12.

HAPPY BASKET: Novelli 6, Re 4, Nanni 2, La Forgia 2, Palmisano 11, Palmisani 5, Tosi, Renzi 4, Farinello 8, Varlamova 6, Poplawska Li., Lazzarini A. 2. All. Rossi

Progresso: Caravita, Strazzari 2, Mezzetti 8, Possenti 2, Bernardini 4, Vaccari 7, Tartarini, Antonellini, D'Anna 7, Canu 3, Lolli, Grandini 4. All. Borghi

Arbitro: Zavatta di Cesena (FC)

Per l'ultima giornata di campionato prima della sosta natalizia la RenAuto ospita il Progresso Bologna, alla ricerca di una vittoria che garantirebbe l'imbattibilità da impacchettare sotto l'albero. Coach Pier Filippo Rossi sceglie un quintetto composto da: Novelli, La Forgia, Palmisano, Farinello, Renzi.

La partita comincia subito a mille, le due squadre vogliono correre e lo spettacolo è piacevole, anche se il gran ritmo forza parecchi errori al tiro e palle perse.

L'Happy tiene costantemente la testa avanti, ma il margine tra le due squadre raggiunge al massimo i due possessi, 13-9, dopo una tripla di Farinello a 3' dalla prima pausa.

Negli ultimi minuti segnano solo due punti le ospiti e si entra così nel secondo quarto sul 13-11.

Le  squadre continuano a correre ed è la RenAuto a beneficiarne seppur senza scappare: un canestro di Asia Lazzarini vale il nuovo massimo vantaggio sul 17-12.

Dopo 4' di secondo quarto coach Rossi prova ad abbassare il quintetto con Farinello per Varlamova.

La mossa paga subito in difesa, Bologna non riesce a segnare, arrivano palle recuperate che generano veloci transizioni, ma le rosanero sbagliano tre incredibili canestri consecutivi che avrebbero definito un break importante.

Le ospiti ne approfittano e tornano a -1, 17-16, poi passano addirittura in testa e allungano, 17-20.

Una provvidenziale tripla di Palmisano, in un momento di caos offensivo, riporta il match in parità, 20-20.

La partita, già intensa, si fa ancora più accesa, perché adesso le squadre si rispondono colpo su colpo, che si tratti di un canestro, o, più probabilmente, di una giocata difensiva.

Un jumper di Farinello dai quattro metri a 40" dall'intervallo regala alla RenAuto il vantaggio a metà gara, 24-22.

La ripresa comicnia a ritmi più lenti, ma le squadre sbagliano comunque tantissimo: dopo 2'30", sul 24-24, coach Rossi spende un time-out per riordinare le idee alle sue.

La Forgia, quasi a metà quarto, segna il primo canestro Happy della ripresa per il nuovo vantaggio, 26-24.

In un momento in cui la partita sembra in equilibrio la RenAuto trova invece il parziale: quattro punti di Varlamova, due liberi di Re e uno di Palmisano confezionano il 7-0 del massimo vantaggio, 33-26. Lo scarto rimane invariato e si va all'ultimo mini-riposo sul 35-28.

Il canestro di Re in avvio di quarto quarto porta il divario a 9 punti, 37-38, ma Bologna risponde subito con una tripla e torna a -6.

Palmisano e Novelli confezionano un nuovo parziale di 5-0 e pochi minuti dopo, con l'attacco ospite completamente imbrigliato dalla difesa rosanero, Palmisani imbuca la tripla del 45-31.

Sembra finita e invece Bologna con la difesa a zona crea qualche un grattacapo all'attacco della RenAuto, ma la tripla di Farinello, a meno di 2' dalla fine, chiude di fatto ogni discorso.

Gli ultimi canestri servono solo a fissare il finale: RenAuto batte Progresso Bologna 50-37.

«Abbiamo fatto 20 punti in un tempo - commenta coach Rossi - di solito li segnamo in un quarto, o poco più... Abbiamo difeso bene, ma in attacco abbiamo sprecato troppe situazioni facili, tra tiri piazzati e contropiedi: dovremo lavorare su quello. Intanto ci godiamo l'imbattibilità e le feste natalizie».

La RenAuto tornerà in campo a Forlì martedì 15 gennaio, alle ore 21.15, per il match con l'A.I.C.S..

 

 

U16: LA RENAUTO HA CARATTERE DA VENDERE

 

Santarcangelo-HAPPY BASKET 45-51 (16-14; 10-10; 9-16; 10-11), giocata venerdì 14/12.

Tabellino: Martinini, Innocenti 6, Del Fabbro 6, Mescolini 5, Guiducci 2, Gambetti 10,  Ricci, Vergine 3, Tiraferri 16, Poggi 2, Semprini 1, Fulgenzi n.e.. All. Rossi

Serviva una vittoria alla RenAuto U16 di coach Pier Filippo Rossi per continuare la corsa verso la seconda fase e questa volta lo scarto era ininfluente, perché già all'andata era arrivata una vittoria contro Santarcangelo.

Questa volta però la posta in palio era ben più alta, perché anche le clementine, con un successo, si sarebbero potute rilanciare in ottica di seconda fase.

Consce dell'importanza del risultato le due squadre danno così vita ad una gara tesa e spigolosa, in cui le difese hanno decisamente la meglio su attacchi a polveri bagnate.

La RenAuto parte bene e si porta avanti sull'8-11, ma Santarcangelo rimonta e chiude sopra di due la prima frazione, 16-14. Sull'onda dell'entusiasmo le padrone di casa allungano nel secondo quarto e toccano il massimo vantaggio, 26-17, chiudendo bene l'area in difesa per evitare gli uno contro uno delle ragazze dell'Happy, che da fuori non ci prendono e sbagliano tiri aperti.

Nonostante tutto, però, la RenAuto trova il parziale di 7-0, che all'intervallo ristabilisce la quasi parità, 26-24.

La svolta offensiva della gara arriva nel terzo quarto, perché, finalmente, le rosanero trovano un paio di canestri pesanti, che sbloccano l'attacco e ridanno entusiasmo. La difesa comincia a lavorare come sa e il parziale di frazione, 9-16, porta l'Happy avanti all'ultimo mini-riposo sul 35-40.

L'ultimo quarto è condizionato dalla stanchezza, al punto che nei 3' finali non si segna più e anche quando la RenAuto ha buone occasioni per chiudere la gara la palla non entra. La piccola dote accumulata è però più che sufficiente a rendere dolce il suono della sirena.

«E' stata una gara tosta - spiega coach Rossi -, perché ci giocavamo tutte e due la qualificazioni. Santarcangelo aveva preparato bene la partita, riempiendo l'area e cambiando sui blocchi e in una serata in cui non ci entravano nemmeno i tiri facili questo ci ha creato molti problemi. Abbiamo vinto di carattere una partita molto difficile; c'era molta tensione, sapevamo quanto contasse e oltretutto giocavamo fuori casa. Le ragazze sono state davvero brave a rimanere lucide, nonostante la giornata no. E' un gruppo che ha dimostrato più volte di avere carattere e questa è la cosa di cui sono più felice. Se saremo brave a battere Forlì ci qualificheremo per la seconda fase, un risultato che all'inizio sembrava impensabile». 

La RenAuto U16 tornerà dunque in campo alle scuole Bertola mercoledì 19 dicembre, alle ore 19.00, per il match con la Libertas Forlì.

 

 

 

Massimiliano Manduchi

Ufficio Stampa

Happy Basket Rimini



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'