Web
    Analytics
  • Emilia Romagna Sport
  • Marche Sport

Volley

Lanzara (WiMORE Energy Parma): con l’Anderlini sarà una finale

02/03/2021

 

Il libero della WiMORE Energy Parma vuole uscire dal momento delicato dopo l’inatteso stop in casa di San Martino. “Dobbiamo guardare a noi stessi e lavorare tanto in palestra” 

E’ la settimana più lunga per la WiMORE Energy Parma che sabato pomeriggio alle 18 ospita Moma Anderlini tra le mura amiche del Palazzetto dello Sport “Bruno Raschi” di Parma a distanza di dieci giorni dall’inatteso ko al tie-break in casa del fanalino di coda Ama San Martino. Una doccia fredda che ha cancellato, in un sol colpo, tutti i confortanti progressi mostrati nel precedente successo ai danni di Modena Volley e aperto gli occhi sulle insidie del campionato di Serie B che, se non affrontato con l’atteggiamento giusto, può portare a risultati sorprendenti e pesanti dal punto di vista mentale. Il bilancio tra vittorie e sconfitte in perfetta parità (tre a testa) e il provvisorio secondo posto in classifica a quota 10 a meno cinque dalla capolista Stadium Mirandola (che ha giocato una gara in meno così come Canottieri Ongina, Modena Volley e la stessa Anderlini) nel girone E1 non erano di certo quanto si auspicava alla vigilia, motivo per cui è necessario fare quadrato e provare a rimboccarsi le maniche ragionando di partita in partita e dimenticando, al momento, i propositi di primato e play-off. Dolcissimi nei ricordi del libero Giovanni Lanzara, promosso dalla B in A2 tra le fila della Boschi Campegine nella stagione 2017-18 ma che ora è concentrato solo sul presente e sul prossimo match contro Anderlini. “Una finale -ammette senza mezzi termini- d’ora in avanti saranno tutte delle finali. Ci aspetta una gara tosta anche perché loro sono un ottimo organico, dalla nostra parte potremo contare sul fattore PalaRaschi. Dobbiamo restare concentrati, guardare la nostra metacampo e fare bene”. 

Cosa vi ha lasciato in eredità lo stop di San Martino? 

“Ci ha lasciato, oltre che l’amaro in bocca, la consapevolezza che dobbiamo guardare a noi stessi a testa bassa e lavorare tanto in palestra”. 

Come ti spieghi un rendimento così altalenante in queste prime sei giornate?

“Quando sono arrivato a dicembre ho trovato una squadra carica e motivata e lo è tuttora. Bisogna pensare, innanzitutto, a noi stessi, a lavorare e avere fiducia nei nostri compagni”. 

Che effetto ti ha fatto ritrovare la Serie B dopo la promozione a Campegine? 

“E’ stata dura non dire di no, ci ho riflettuto bene e anche l’incertezza dei campionati regionali che non partivano mi ha dato una spinta in più. Ho rivisto facce conosciute a Campegine sia come compagni che da avversari, il livello si è alzato un po’ con l’aggiunta della Serie A3 e speriamo di fare bene”.

 

Commenti



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'