In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Ciclismo

Quinta tappa del Giro 2020

Camigliatello - Silano di 225 km

08/10/2020


Quinta tappa del Giro 2020

Quinta tappa del Giro,tappa molto impegnativa,molto più impegnativa della tappa dell’Etna.Ci sono voluti 150 Km prima di riuscire a far evadere dal gruppo una fuga di otto uomini:Jhonatan Restrepo,Carrettero,Aveng,Arnaud Dèmare,Filippo Ganna,Salvatore Puccio,Valerio Conti,Edoardo Zardini.
Il gruppo con in testa tutti gli uomini della Trek Segafredo a fare l’andatura per cercare di andare a riprendere gli otto fuggitivi.

L’arrivo non era in salita e proprio questo avrebbe favorire un andamento meno frenato. Al valico di Montescudo si è arrivati dopo quasi 25 Km di salita al 5,6% di pendenza media con puntate del 18%, quindi un attacco nella parte finale della tappa avrebbe potuto avere un buon esito.

Dopo Cosenza all’inizio della salita di Montescuro nel gruppetto di testa si rompeva l’accordo, mentre nel gruppo in testa tutti gli uomini di classifica per evitare brutte sorprese. A causa del forsing del gruppo il vantaggio degli uomini di testa diminuiva fino a 2’18”. Dal gruppo di testa scattava lo spagnolo Carrettero per cercare di impremere nuovo vigore alla fuga.
A Carrettero cercava di rispondere Filippo Ganna che con passo regolare riusciva a riportarsi su Carrettero insieme a Salvatore Puccio, poi in testa si riportavano anche tutti gli altri ex fuggitivi, ma fra gli otto mancava l’accordo e l’unico che Quando le pendenze della salita raggiungevano il 18% era sempre Ganna ad accellerare con alla sua ruota Aveng, Carrettero e Zardini mentre perdevano contatto Puccio e Valerio Conti che si accordavano alla coppia Dèmare e Rubbio. I tre uomini di testa avevano un vantaggio di 1’28” sul gruppo.

Negli ultimi tratti di salita scattava Filippo Ganna che rimaneva solo in testa con un vantaggio di 44” sugli inseguitori Dèmare e Rubbio e 1’28” sul gruppo.  Dèmare e Rubbio venivano ripresi dal gruppo mentre Filippo Ganna andava a transitare per primo sul Gran Premio della Montagna quindi si buttava nella discesa molto tecnica e difficile e per giunta bagnata.
Anche il gruppo si lanciava nella discesa con Vincenzo Nibali in testa al gruppo, ma senza prendersi troppi rischi. Filippo Ganna andava a conquistare una bellissima vittoria da prima pagina dopo 150 Km di fuga. Quindi una tappa tutta all’attacco per questo giovane di 24 anni,che sta dimostrando di essere un campione.

 

                                                     Marco Sandali



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati





PUBBLICITA'

PUBBLICITA'