Web Analytics Made Easy -
    StatCounter
  • Emilia Romagna Sport
  • Marche Sport

Pallamano

Serie A Gold - Pallamano Romagna - Handball Meran Alperia 20-32 (p.t. 9-19)

Pagina 1 di 3

03/10/2022

Serie A Gold - Pallamano Romagna - Handball Meran Alperia 20-32 (p.t. 9-19)

 

Pallamano Romagna: Amaroli, Albertini 3, Mazzanti 1, Chiarini, Bandini 1, Essam M. 1, F.Tassinari 1, Lo Cicero 1, Rotaru 5, Redaelli, Di Domenico 2, Mandelli, Antic 2 A. Boukhris, O. Boukhris, Ceroni 3. Allenatore: D. Tassinari

Handball Meran Alperia: Fadanelli 2, Romei 2, Visentin 2, Stricker, Fasanelli, Parisato 2, Colleluori 1, Martini 2, Laursen 1, Petricevic 4, Nunez 5, Glisic 3, Raffeiner 1, Cuello 4, Gerstgrasser 3. Allenatore J. Prantner

 

Il Romagna non riesce a sbloccarsi in campionato, incassando la quarta sconfitta consecutiva contro un Merano alquanto solido e pragmatico. La squadra di coach Jurgen Prantner scende sul parquet del PalaCattani con una determinazione che risulterà decisiva fin dai primi scambi del match: lo 0-4 dopo appena 4' mette in chiaro le cose, con il Romagna che stenta a prendere le misure della difesa altoatesina. Il portiere Colleluori conferma tutte le doti tecniche che lo hanno spedito nel giro della Nazionale: le sue parate spezzano ogni velleità degli arancioblu che non trovano mai fluidità offensiva, cadendo, tra l'altro, in errori difensivi inusuali per la squadra di coach Tassinari. Dopo 10' Merano già avanti 5-10 con Rotaru che realizza le ultime 3 reti per i suoi. Ma il primo tempo romagnolo è da dimenticare sotto quasi tutti i punti di vista.

Merano ne approfitta, segnando a ripetizione con una fase di transizione e di ripartenza assolutamente perfetta: Colleluori para, oppure la difesa intercetta un passaggio dei locali ed ecco che la palla è immediatamente nelle mani dei "contropiedisti" che non perdonano mai. All'intervallo il 9-19 racconta esattamente la differenza di impatto sul match tra le due squadre, con gli ospiti autoritari (Laursen ed i suoi 213 centimetri impressionano), nonostante la difesa 5-1 dei padroni di casa con Albertini pronto a stemperare il terzino sinistro.

Nella ripresa il Romagna gioca meglio, mantiene l'equilibrio nel punteggio del parziale, ma, tutto sommato, non riesce mai a riaprire minimamente la contesa. Prantner dà spazio a tutti i 13 effettivi di movimento che ricambiano la fiducia, andando tutti a segno, tra l'altro anche con tiro da porta a porta di Colleluori.

E' un Merano compatto che chiude il match così come lo aveva iniziato, senza aver mai "mollato" la presa.

Per quanto riguarda i padroni di casa, nonostante qualche sprazzo di Redaelli tra i pali, sono la fragilità difensiva e la mancanza di tiro dai 9 metri le pecche maggiori in una serata storta, che va velocemente dimenticata in vista dell'altro (improbo) match casalingo di giovedì 6 ottobre alla Cavina contro Brixen.

Commenti

PUBBLICITA'