In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Motori

Si torna a parlare di autocross

14/08/2020


Si torna a parlare di autocross

 

 

Seguici su Facebook: MOTORI EMILIAROMAGNA

 

 

 

 

RAVENNA – Tutto pronto in casa Speedy Racing per la prima trasferta europea della stagione sportiva 2020 in programma questo weekend in Repubblica Ceca.

Dopo il lockdown per la pandemia creata dal Covid-19, il pilota ravennate Giovanni Trincossi, Campione Europeo Autocross FIA CEZ nella categoria Superbuggy 2019 torna finalmente in pista per difendere il suo titolo.

Il campionato 2020 riparte da Humpolec, in Repubblica Checa, con il pensiero della lunga trasferta e con tutte le paure e timori per le nuove regole dettate dal Covid, ma con tanta voglia di infilare la tuta, entrare nell’abitacolo del buggy e confrontarsi con I suoi avversari in pista.

 

Il 2020 prevedeva un impegno massiccio nel campionato europeo 2020 per difendere il titolo conquistato con tanta fatica e soprattutto tanti sacrifici per riuscire a conciliare la sua grande passione per le corse e i suoi impegni di lavoro ma così non è andata e Giovanni e tutto il Team hanno dovuto modificare i programmi.

 

Questa gara non faceva parte dei programmi post lockdown del pilota ravennate perché i lavori di manutenzione del suo buggy   relativi a modifiche al motore e all’elettronica a vantaggio di potenza e affidabilità non sono ancora terminati. Per questo motivo solo un paio di giorni fa, uno dei costruttori di telai  più importanti della Repubblica Checa, Hosek, ha pensato bene di mettere a disposizione di Giovanni  uno dei suoi  superbuggy motorizzato Ford Turbo pur di averlo alla partenza della gara di apertura del campionato 2020 ad Humpolec.

 

Non si fa  grandi aspettative Giovanni: 

“ Dovrò abituarmi di nuovo alla guida di un motore turbo che è più complicata rispetto ad un motore aspirato, non conosco le sue prestazioni e il suo assetto   e soprattutto dovrò cercare di non far danni alla vettura visto che non è la mia e quindi ci vorrà molto rispetto nell’usarla. Non sarà facile trovare il giusto feeling per ottenere un buon risultato, ma l’importante è esserci! Non vedo l’ora di ricominciare i weekend agonistico e di ritrovare l’adrenalina e le emozioni che la competizione ti fa 

 

 

 

 

vivere e non vedo l’ora di ritrovare tutti gli amici delle gare con i quali durante questo periodo ci siamo costantemente sentiti e rassicurati sulla pandemia . ”

 

 

Difendere il titolo non sarà cosa facile per il pilota ravennate, ma come sempre ci metterà tutto il suo buon impegno per portare a casa il miglior risultato possibile, e a proposito di casa, non va dimenticato l’appuntamento di fine stagione.

 

Rimane in  calendario un appuntamento sul tracciato bizantino   Ravenna International OffRoad Circuit- RIORC –, quello del 24/25 ottobre che sotto la denominazione di “AUTOCROSS DELL’Adriatico”  sarà l’unica prova del CAMPIONATO EUROPEO CEZ in terra Italiana e sarà valido anche per il CAMPIONATO  ITALIANO  AUTOCROSS ACI 2020.

 

 

Ufficio Stampa RIORC 

(MariaGiulia Padovani)

 



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati





PUBBLICITA'

PUBBLICITA'