In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Ciclismo

Sič concluso all'Arena di Verona il 102° giro d’Italia

successo di pubblico e di critica

03/06/2019


Sič concluso all'Arena di Verona  il 102° giro d’Italia

foto Marco Sandali


 

Si č conclusa a Verona con una tappa a cronometro di 17 Km il 102° Giro Ciclistico d’Italia, partito tre settimane fa da Bologna. Ogni giorno ha regalato a tutti i tifosi grandi colpi di scena con cambi repentini in classifica generale.

Le basi di questa grande vittoria di Carapaz sono state gettate nella tappa Lovere-Ponte di Legno, Vincenzo Nibali e Primoz Roglic si sono marcati a vicenda ed hanno lasciato fuggire Carapaz che ha conquistato quei secondi vantaggio che ha difeso fino alla fine del giro.

Dopo questa frazione Vincenzo Nibali ha provato senza riuscirci a ricucire lo svantaggio e si č giunti cosė alla tappa conclusiva di Verona.

Verona ha offerto uno scenario fantastico per la fine del Giro aprendo la sua meravigliosa Arena per l’arrivo dei concorrenti.

Il primo concorrente a prendere il via alle 13,45 č stato il Giapponese Sho Hatsuyama, che nelle prime tappe della corsa rosa si era fatto notare per una lunga fuga solitaria, poi sceso fino all’ultimo posto della classifica.

Una cronometro per specialisti, con a metā percorso  l’asperitā delle Torricelle, che perō non ha creato particolari problemi.

Una battaglia vera fino al termine con Campenaerts che al primo intertempo aveva il miglior tempo seguito da Caruso e da Haga, Nibali era undicesimo e Roglic dodicesimo.

Al secondo intermedio Haga aveva ancora il miglior tempo seguito da De Gendt e da Ludvigsson, Nibali era dodicesimo e Roglic tredicesimo-

All’arrivo posto all’interno dell’Arena Haga faceva registrare il tempo migliore seguito da Campenaerts, da De Gendt, da Caruso. Nono Nibali e Roglic decimo. La Maglia Rosa Carapaz  36°, risultato che gli ha consentito di vincere il Giro.

Landa (classificandosi 21°) ha perso il terzo posto  a favore di  Roglic.

Nello splendido scenario dell’Arena si sono svolte le premiazioni finali di questo spettacolare Giro d’Italia.

 

                CLASSIFICA DI TAPPA 

1° Chad Haga   Team Sunweb 

2° Victor Campenaerts  Lotto Soudal

3° Thomas De Gendt    Lotto Soudal

4° Damiano Caruso      Bahrain Merida

5° Tobias Ludvigsson    Groupama - FDJ

                 

 Marco Sandali 

 

 



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'