Web
    Analytics
  • Emilia Romagna Sport
  • Marche Sport

Calcio

Un’ottima Nazionale Sammarinese cede di misura all’Italia Under 20: decide Riccardi

06/06/2021

Un’ottima Nazionale Sammarinese cede di misura all’Italia Under 20: decide Riccardi

copyright ©FSGC

 

Come l'Italia maggiore, anche la Nazionale di San Marino cede 1-0 all'Italia Under 20 guidata da Alberto Bollini, l'allenatore che, da CT ad interim della Nazionale Under 21, aveva battuto l'Irlanda conquistando tre punti decisivi per la qualificazione all'Europeo. Sabato scorso, contro gli Azzurri di Mancini, il match winner era stato Cangiano: stavolta è Riccardi a piegare una Nazionale di San Marino sempre attenta e ben disposta in campo, che ha ridotto al minimo il lavoro del rientrante Benedettini e che si è costruita più di un'occasione per bissare il gol trovato in Kosovo. Non ci è riuscita, ma le indicazioni finali fornite dal gruppo al Commissario tecnico non possono che dirsi positive, specialmente considerando che si era alla fine di una dieci giorni molto impegnativa. Anche e soprattutto dal punto di vista fisico.

 

Per l'ultimo atto del trittico di amichevoli Franco Varrella sceglie ancora il 4-4-1-1, con il ritorno di Berardi a supporto di Nanni. Dietro, Conti agisce da centrale al fianco di Brolli. A centrocampo, capitan Hirsch e Tomassini agiscono ai lati dei fratelli Golinucci. Tra i pali, come detto, si rivede Elia Benedettini, che aveva saltato la trasferta kosovara. Pronti via e l'Italia Under 20 - privata quest'anno del Mondiale di categoria a causa dell'emergenza sanitaria - crea subito pericoli alla retroguardia di casa: Gallo cerca sul secondo palo Cangiano che ci prova in spaccata ma ci arriva in ritardo di un'unghia. Tre minuti e Gallo torna a martellare sulla sinistra: stavolta il traversone è per Colombo, ma Brolli arriva prima e mette in angolo. Poi l'Italia smorza il proprio fuoco, merito anche di una Nazionale sammarinese che impiega poco a registrarsi nei suoi reparti. Al 7' Viviani ci prova dalla distanza con un destro poco convinto: la palla si abbassa, ma tardi, e per Benedettini non ci sono grossi brividi. Detto di un possibile rigore per un mani di Conti, l'Italia torna a farsi vedere con un colpo di testa di Cangiano su traversone di Gallo: anche qui, poco veleno nella conclusione, e Benedettini può addirittura bloccare.

 

Ma San Marino c'è anche in attacco. Con il lavoro di Nicola Nanni e le accelerazioni di Filippo Berardi, i Titani riescono ad alzare il baricentro e a farsi vedere con frequenza crescente dalle parti di Stefano Turati, il portiere del Sassuolo che nel 2019 fermò la Juventus all'Allianz Stadium nel giorno dell' esordio in Serie A.  Al 18', lancio di Brolli per lo scatto di Nanni, che si muove bene tra le maglie della difesa azzurra: con poco specchio a disposizione, il centravanti titano sceglie la potenza e la palla vola distante dai pali.  Quattro minuti dopo, sugli sviluppi di un angolo, Berardi cerca la testa di Nanni, che fa la sponda per Hirsch: la rovesciata del capitano è bella, ma la sfera anche stavolta finisce lontano dai pali. Poco dopo, una respinta corta della difesa ospite diventa un assist goloso per Berardi, che carica il mancino dal limite trovando però solo il fondo. Sull'altro fronte, l'Italia torna a farsi vedere con un destro dalla lunetta di Colombo, debole ma molto preciso: la palla lambisce il palo alla sinistra di Benedettini. Nel finale, punizione di Gallo e gran movimento di Okoli, che prende il tempo per l'incornata ma difetta di mira; la palla esce rispetto ai pali difesi da Benedettini.

 

In avvio di ripresa, triplo cambio per Varrella: dentro Vitaioli, Lunadei e Mularoni, fuori Nanni, Hirsch e Fabio Tomassini. La fascia si sposta sul braccio di Vitaioli. Proprio quest'ultimo, al pronti via, guadagna una punizione dai 25 metri affidata a Brolli: il destro del difensore della Folgore è affilato, e Turati deve mettere i guantoni su una palla che si abbassa improvvisamente. L'Italia cresce e dopo una palla velenosa di Udogie sventata dalla difesa di casa, arriva l'iniziativa personale di Colombo, che porta a spasso un paio di avversari al limite ed esplode un sinistro su cui Benedettini risponde con un buon riflesso. Dall'angolo che ne consegue, Salcedo cerca il gol a sensazione: pregevolissima l'acrobazia, ma la palla è sul fondo. Stesso copione al 64', quando Conti salva sull'angolo battuto da Riccardi e Portanova che ci prova in mezza rovesciata: la palla si impenna e per Benedettini non ci sono problemi.

 

Scavallata l'ora di gioco, l'Italia inizia ad alzare la pressione. Palloni velenosi in area ne vengono messi a raffica, ma la difesa titana si comporta sempre egregiamente. Al 67', l'ennesima galoppata di Gallo produce un traversone che coglie Udogie libero da marcature: il colpo di test del giocatore dell'Hellas Verona finisce sul fondo. Intanto Varrella getta nella mischia David Tomassini - fresco di gol segnato in terra kosovara - e Michael Battistini per i fratelli Golinucci. San Marino prova a scuotersi (Vitaioli ha una buona opportunità sul destro, murato), ma l'Italia torna subito in zona d'attacco e al 75' trova il gol del vantaggio: buon lavoro in area di Colombo, che prima fa la sponda per Salcedo (tiro murato), poi fa lo stesso per Riccardi, che ha grande libertà per calciare in diagonale e battere inesorabilmente Benedettini. Nel finale c'è tempo per l'esordio (benchè non in gara ufficiale) di Samuel Pancotti, che rileva un generoso Berardi. L'Italia cerca timidamente il raddoppio, mentre San Marino non trova forze e spazi per impensierire Turati. Finisce con la vittoria di misura dell'Italia e con ottime sensazioni per il CT Varrella.

 


 

Amichevole | San Marino - Italia U20 0-1

 

SAN MARINO

 

Commenti



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'