Stampa questa pagina - Chiudi


Calcio

Imola, intesa tra il CRER e le Società

11/09/2020


Imola, intesa tra il CRER e le Società

 

 

Seguici su Facebook: #DILETTANTI #BO

 

 

 

Alla riunione tenutasi ieri sera presso il Circolo "La Stalla" sono intervenuti tutti e 15 i Club dilettantistici della cittadina. Ribadita la grande voglia di tornare in campo ed espresso apprezzamento sui passi avanti del Comitato Regionale sul Protocollo Sanitario

 

Buona la prima. La riunione senza precedenti che i vertici del Comitato Regionale e della Delegazione Provinciale di Bologna hanno tenuto ieri sera al Circolo "La Stalla" di Imola con i Club della cittadina ha fatto registrare un successo oltre ogni previsione. Presenti tutte e 15 le Società aventi diritto, entusiaste per la possibilità di dialogare in modo fruttuoso con i dirigenti federali regionali e provinciali sui temi più caldi del momento.

 

Seduti al tavolo il Presidente Regionale Paolo Braiati, il Vicepresidente Vicario Dorindo Sanguanini e il Consigliere Regionale Biagio Dragone oltre al Delegato Provinciale di Bologna, Franco Fancelli, e al Presidente della Sezione AIA di Imola, Luca Marzari.

 

CRITERI. Dopo la premiazione del Sanpaimola, vincitore della Coppa Disciplina di Eccellenza, da parte del Presidente Braiati, è stato il Delegato Fancelli a presentare la nuova stagione, che si preannuncia particolare e di transizione. Da qui l'esigenza di stilare gironi più corti e composti seguendo il criterio della viciniorietà, una scelta che le Società presenti hanno condiviso, confermando di appoggiare la politica del Comitato Regionale. D'altra parte l'adozione dei nuovi format dei campionati è stata l'unica scelta ragionevole possibile per cercare di portare a termine la stagione sportiva, valutando il rischio di posticiparne l'inizio o la necessità di fermarsi in corso d'opera a fronte di un'eventuale recrudescenza del Coronavirus. La Seconda Categoria, pandemia permettendo, inizierà l'11 ottobre, archivierà il girone d'andata il 20 dicembre, riprenderà il 31 gennaio e finirà il 18 aprile. Previste una retrocessione diretta, una attraverso i playout, una promozione diretta e una eventuale ai playoff. La Coppa di Seconda inizierà con turni infrasettimanali dopo le prime giornate di campionato e terminerà il 24 gennaio con la finale in campo neutro. La Terza Categoria comincerà invece sempre l'11 ottobre, ma con un giro di boa il 6 dicembre, la ripresa il 31 gennaio e l'epilogo il 28 marzo. La Coppa si disputerà alla fine del campionato. Comunicati anche i gironi dei campionati Juniores provinciali, Allievi Under 17 Provinciali, Giovanissimi Under 15 Provinciali, Allievi Under 16 e Giovanissimi Under 14.

 

GIOVANILI. Quest'anno non si giocherà alcun torneo giovanile, né il Parmeggiani, né il Bignami e nemmeno il Fun Football, mentre per le categorie dai Piccoli Amici agli Esordienti saranno organizzati piccoli gironi con gare di andata e ritorno e non più raduni. Le squadre coinvolte non scenderanno in campo nel weekend, ma durante la settimana, una scelta che è stata particolarmente apprezzata dalle Società presenti, soddisfatte anche dalla comunicazione che, entro la fine dell'anno, si organizzeranno corsi sufficienti a soddisfare le ben 770 domande arrivate alla Segreteria del CRER per partecipare al corso UEFA C. Un'esigenza, considerando che quest'anno è entrato in vigore l'obbligo della presenza di un allenatore abilitato nel settore giovanile.

 

PROTOCOLLO. A tenere banco è quindi stato l'argomento che oggi è forse di maggiore interesse per i Club: l'applicazione del Protocollo. La versione attuale è certamente meno cogente di quella precedente, anche se sussistono ancora criticità per le quali il CRER si è già mosso sia a livello nazionale, interloquendo con la Federazione che a breve dovrebbe uscire con linee interpretative volte a semplificare certe norme, sia a livello regionale, avendo inviato un documento al dottor Giammaria Manghi, Sottosegretario alla Presidenza della Giunta della Regione Emilia Romagna, che ha fissato un appuntamento con i tecnici della Regione per lo Sport, per la Sanità e per la Prevenzione e con i vertici del Comitato Regionale per meglio affrontare i problemi in oggetto.

 

Inoltre è in corso di realizzazione una sintesi del Procotollo, preparata assieme a Gianfilippo Rossi, Responsabile Sicurezza del Comitato. Si tratta di un "percorso gara" che riassumerà in 5 pagine le 41 del Protocollo e che sarà a breve comunicato dal CRER.

 

CONDIVISIONE. Dopo gli interventi dei relatori, si è aperto il dibattito con i rappresentanti delle Società che hanno potuto condividere i dubbi e le domande relative ai temi all'ordine del giorno, dalle indicazioni sul come gestire un possibile contagiato tra i tesserati alle attenzioni da usare dentro e fuori dal campo, sempre in osservanza delle regole e del rispetto per le persone. Un momento che ha confermato la totale intesa tra il CRER e i Club del territorio.

 

 

Damiano Montanari

 

Ufficio Stampa e Comunicazione CRER FIGC LND