Stampa questa pagina - Chiudi


Calcio

Renate vs Matelica 1-1

26/05/2021


Renate vs Matelica 1-1

Foto Gianmaria Matteucci


 

RENATE - MATELICA 1-1

RENATE (3-5-2): 1 Gemello; 28 Silva, 21 Damonte, 24 Possenti; 8 Guglielmotti, 8 Kabashi, 4 Ranieri (24’ st 17 Vicente), 20 Rada, 7 Anghileri; 14 Galuppini (39’ st 19 Lakti), 9 Nocciolini (24’ st 5 Maistrello). A disposizione: 22 Bagheria, 10 Giovinco, 11 Langella, 13 Santovito, 16 Magli, 23 Burgio, Allenatore: Aimo Diana.

MATELICA (4-3-3): 22 Martorel; 14 Tofanari, 4 De Santis, 24 Seminara, 3 Di Renzo; 8 Pizzutelli, 30 Mbaye (14’ pt 29 Alberti), 11 Balestrero; 7 Volpicelli, 17 Moretti, 10 Leonetti (42’ st 6 Barbarossa). A disposizione: 12 Minerva, 31 Mosca, 32 Sansaro, 13 Santamarianova, 26 Ruani. Allenatore (in deroga) Alberto Virgili.

ARBITRO: Sig. Paolo Bitonti della sezione di Bologna.

ASSISTENTI: Sig. ri Luca Dicosta della sezione di Novara e Luca Testi della sezione di Livorno.

QUARTO UOMO: Sig. Marco Acanfora della sezione di Castellammare di Stabia.

RETI: 34’ pt Kabashi, 13’ st Volpicelli.

NOTE: gara a porte chiuse; prima del fischio d’inizio osservato un minuto di raccoglimento in memoria di Burgnich; ospiti in divisa biancorossa, pantaloncini e calzettoni rossi e portiere bianco; locali in divisa nerazzurra, pantaloncini neri e calzettoni neri e portiere verde; corner 9-3; ammoniti Balestrero, Alberti, Maistrello, Possenti, Guglielmotti e De Santis; recupero 2’ pt, 3’ st.

 

 

MEDA - Immenso Matelica: nella gara di ritorno del primo turno dei playoff nazionali contro il Renate la squadra biancorossa scrive un’altra pagina epica nel libro della stagione 20/21 che resterą per sempre nella storia.

L’emergenza Covid rende ancora pił battagliero lo spirito dei ragazzi di Virgili che tirano fuori ancora una volta quella determinazione che nel corso dell’anno ha permesso loro pił volte di fare l’impresa e che anche al Cittą di Meda li rende protagonisti di un altro meraviglioso capitolo.

Ridotti ai minimi termini e senza molte frecce al proprio arco, i biancorossi erano chiamati a superarsi dopo aver sfiorato l’impresa gią domenica nel match di andata, quando si erano registrate le prime positivitą e conseguenti defezioni. A Macerata, tre giorni fa, a pochi minuti dal termine all’inzuccata vincente di Mbaye aveva risposto la punizione di Silva. Un risultato che costringeva i biancorossi alla vittoria come unica condizione per passare il turno ed accedere alla fase successiva.

Contro la formazione lombarda un Matelica da libro “Cuore”, replica il risultato dell'andata, ma la rete di Volpicelli che rimette in equilibrio il match dopo il vantaggio di Kabashi non basta: passano il turno i padroni di casa in virtł del terzo posto nella classifica finale.

Scelte ancora pił obbligate per i marchigiani che ritrovano Leonetti nel tridente avanzato titolare con Moretti e Volpicelli. Out Bordo per squalifica, le tre casacche in mediana sono rispettivamente appannaggio di Pizzutelli, Mbaye e Balestrero. Martorel tra i pali e Maginot composta da Seminara al rientro dal primo minuto dopo l’infortunio e De Santis al centro, con Tofanari e Di Renzo sulle corsie esterne.

Renate di certo pił in palla rispetto a qualche giorno fa quando veniva da 20 giorni di stop, con mister Diana che confermava gli undici di Macerata, con l’unica eccezione in avanti dove Nocciolini prendeva il posto di Maistrello. Matelica pił frizzante in avvio di gara con Leonetti sugli scudi che per tutti i primi 45’ con i suoi guizzi teneva in apprensione tutta la retroguardia locale. Gią incerottati, probabilmente complici caldo e fatica, al quarto d’ora i biancorossi perdevano anche Mbaye per un infortunio muscolare. Al suo posto scendeva in campo Alberti. Il Renate cresceva dopo i primi 20’, affacciandosi pił volte pericolosamente da parte di Martorel fino alla rasoiata vincente di Kabashi al 34’ pt. I ragazzi di Virgili non demordevano e prima dell’intervallo sfioravano il pari ancora con un ispirato numero dieci. Nella ripresa gli ospiti gettavano il cuore oltre l’ostacolo ed una magia di Volpicelli al 13’ st riequilibrava l’incontro. Il neo entrato Maistrello sprecava un match ball incredibile alzando sopra la traversa un’occasione incredibile, ma i biancorossi erano vivi e continuavano a portare con le ultime energie disponili pericoli dalle parti di Gemello. Comunque un capolavoro per un Matelica ferito, pił forte di tutto, capace di combattere e vincere la propria battaglia anche contro il nemico invisibile del Covid, che negli ultimi gironi li ha pesantemente condizionati sia a livello fisico che psicologico, ma che li ha resi ancora pił uniti e forti di prima, fornendo loro ulteriori motivazioni. Una prestazione in ogni caso da applausi, chiusa tra le lacrime, ma dedicata ai tanti assenti che in questi mesi hanno contribuito a scrivere la favola Matelica e a portarla tra le migliori squadre della serie C nazionale e che oggi avranno fatto il loro tifo da casa.

Seguici su Facebook: MARCHESPORT

 

 

La cronaca

Prima frazione

5’ pt testa di Leonetti, palla che sfila a lato

9’ pt Si libera bene al tiro Leonetti lanciato in profonditą da Pizzutelli

19’ pt si fa vedere il Renate prima con Nocciolini poi con Kabashi

21’ pt Nocciolini tenta il tap in

28’ pt punizione Renate, Martorel in angolo

34’ pt GOL!! La rasoiata di Kabashi porta in vantaggio il Renate

43’ pt ottimo traversone di Di Renzo, nessuno pronto a intervenire sulla palla

Seconda frazione 

13’ st GOL!! Magia di Volpicelli e incontro in paritą

19’ st cross dalla destra e Matelica che sfiora il clamoroso vantaggio

27’ st match ball Renate: Maistrello alza a botta sicura sopra la traversa

Dott.ssa Marta Bitti

Responsabile Comunicazione

S.S. MATELICA CALCIO 1921 SRL