In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Calcio | Giovanissimi

Inter Club Parma 0 - Zola Predosa 1

08/03/2015


Inter Club Parma 0 -  Zola Predosa 1

MI SA CHE AVEVA RAGIONE LUI…

Inter Club Parma: 1 Nnhez, 2 Ziveri, 3 Bove, 4 Ferrara, 5 Castello, 6 Pigorini, 7 Frigo, 8 Mori, 9 Savoia, 10 Colacicco, 11 Furci. A disp. 12 Bartuccio, 13 Sacco, 14 Conti, 15 Duarte. Allenatore sig. Di Martino
Zola Predosa: 1 Iandolo, 2 Franceschi (3°st Cilona), 3 Molinari, 4 Moruzzi, 5 Tedeschi, 6 Castaldo, 7 Wahid (dal 1°st Rotitoti), 8 Feze, 9 Boccalupo (10° Ben Salah) 10 Golisciano (dal 27st Raiano C.), 11 Di Bari . A disp. 12 Luccarini. 13 Fusca 14 Raiano R. Allenatore sig. Daniele Chiodo, Vice allenatore sig. Claudio Lelli, Dirigente accompagnatore sig. Francesco Rotiroti, Guardalinee sig. Fabio Franceschi
Seconda di sei trasferte consecutive peri Giovanissimi 2000 dello Zola Predosa, prima del girone di ritorno e, come direbbero quelli che parlano bene, classico “Testacoda”, la prima che affronta l’ultima in classifica. Questo lo dice la classifica, e lo direbbero quello che scrivono bene, il campo ha raccontato tutta un’altra storia, una storia d’equilibrio, di due squadre che avrebbero potuto vincere l’incontro in qualsiasi momento e di un Inter Club in forte crescita, molto diversa da quella affrontato a Riale a Gennaio.
La partita; come dicevamo si è giocato sul filo del perfetto equilibrio, le sfide infrasettimanali si sono fatte sentire nelle gambe e nelle teste dei ragazzi di entrambe le squadre ed è stata sbloccata solo da un episodio capitato, tra l’altro, all’ultimo secondo dell’ultimo minuto del secondo tempo, momento nel quale Luigi “Gigio” Cilona risolveva una mischia in area avversaria e regalava i tre punti, ormai insperati, allo Zola consentendogli, visti anche i risultati delle dirette avversarie che non perdono un colpo, di poter continuare a sperare. Per il resto, Zola che colpisce un palo con il solito preciso colpo di testa di Davide “Tede” Tedeschi e che obbliga il bravo portiere dell’Inter, Nuhez, ad un intervento miracoloso su una punizione battuta benissimo da Antonio “Goli” Golisciano, e Inter, che, tra il decimo e il venticinquesimo del secondo tempo, batteva due punizioni e due corner in maniera pericolosa andando molto vicina al gol che, a quel punto, avrebbe sicuramente significato portare a casa l’intera posta. Sono certo che tutto questo sarà di vitale importanza per i nostri ragazzi, servirà a non fargli sembrare le cose più semplici di quello che sono e li aiuterà ad avere il giusto atteggiamento mentale nelle 7 prossime partite da affrontare… (quindi i famosi 21 punti da giocare di Chiodana memoria).
Ci resta però la bellezza di una giornata vissuta insieme, viaggio in pullman, ragazzi e genitori compresi, i festeggiamenti durante il viaggio di ritorno, cori d’incitamento per tutti, anche per chi scrive che, se non ricordo male, ma sono sicuro di non ricordare male, è stato festeggiato con un coro che recitava “E per il Rompiballe…“ Però ricordo perfettamente di chi è stata l’idea ed arriverà il momento della resa dei conti, te lo assicuro Guagliò… . Infine un ottimo pranzetto che ci aspettava caldo caldo all’arrivo a Riale, a proposito, caldo caldo perché il “Rompiballe” ha fatto in modo che lo fosse fasandosi con in nostro super Presidente sempre presente e sempre disponibile. Una bella tavolata di 30 persone, chi aveva giocato e chi no, genitori presenti a Parma e non… Certo vincere, anche senza convincere come in questo caso, aiuta sia il morale che lo spirito, ma io resto convinto che questo aspetto ludico e i bei rapporti che si sono creati tra i ragazzi e tra i loro genitori sarà il ricordo più bello e duraturo di questa stagione che, già oggi, sta andando al di là di ogni nostra più rosea aspettativa.
Mercoledì si riparte per Parma, questa volta ci aspetta la Juve, portate le scarpe a sei tacchetti e tanta voglia di far bene. Il Pullman chiuderà le porte alle 14,15.
Noi ci si legge in settimana.
Emanuele Cilona


Inter Club Parma 0 - Zola Predosa 1

08/03/2015


Inter Club Parma 0 -  Zola Predosa 1

MI SA CHE AVEVA RAGIONE LUI…

Inter Club Parma: 1 Nnhez, 2 Ziveri, 3 Bove, 4 Ferrara, 5 Castello, 6 Pigorini, 7 Frigo, 8 Mori, 9 Savoia, 10 Colacicco, 11 Furci. A disp. 12 Bartuccio, 13 Sacco, 14 Conti, 15 Duarte. Allenatore sig. Di Martino
Zola Predosa: 1 Iandolo, 2 Franceschi (3°st Cilona), 3 Molinari, 4 Moruzzi, 5 Tedeschi, 6 Castaldo, 7 Wahid (dal 1°st Rotitoti), 8 Feze, 9 Boccalupo (10° Ben Salah) 10 Golisciano (dal 27st Raiano C.), 11 Di Bari . A disp. 12 Luccarini. 13 Fusca 14 Raiano R. Allenatore sig. Daniele Chiodo, Vice allenatore sig. Claudio Lelli, Dirigente accompagnatore sig. Francesco Rotiroti, Guardalinee sig. Fabio Franceschi
Seconda di sei trasferte consecutive peri Giovanissimi 2000 dello Zola Predosa, prima del girone di ritorno e, come direbbero quelli che parlano bene, classico “Testacoda”, la prima che affronta l’ultima in classifica. Questo lo dice la classifica, e lo direbbero quello che scrivono bene, il campo ha raccontato tutta un’altra storia, una storia d’equilibrio, di due squadre che avrebbero potuto vincere l’incontro in qualsiasi momento e di un Inter Club in forte crescita, molto diversa da quella affrontato a Riale a Gennaio.
La partita; come dicevamo si è giocato sul filo del perfetto equilibrio, le sfide infrasettimanali si sono fatte sentire nelle gambe e nelle teste dei ragazzi di entrambe le squadre ed è stata sbloccata solo da un episodio capitato, tra l’altro, all’ultimo secondo dell’ultimo minuto del secondo tempo, momento nel quale Luigi “Gigio” Cilona risolveva una mischia in area avversaria e regalava i tre punti, ormai insperati, allo Zola consentendogli, visti anche i risultati delle dirette avversarie che non perdono un colpo, di poter continuare a sperare. Per il resto, Zola che colpisce un palo con il solito preciso colpo di testa di Davide “Tede” Tedeschi e che obbliga il bravo portiere dell’Inter, Nuhez, ad un intervento miracoloso su una punizione battuta benissimo da Antonio “Goli” Golisciano, e Inter, che, tra il decimo e il venticinquesimo del secondo tempo, batteva due punizioni e due corner in maniera pericolosa andando molto vicina al gol che, a quel punto, avrebbe sicuramente significato portare a casa l’intera posta. Sono certo che tutto questo sarà di vitale importanza per i nostri ragazzi, servirà a non fargli sembrare le cose più semplici di quello che sono e li aiuterà ad avere il giusto atteggiamento mentale nelle 7 prossime partite da affrontare… (quindi i famosi 21 punti da giocare di Chiodana memoria).
Ci resta però la bellezza di una giornata vissuta insieme, viaggio in pullman, ragazzi e genitori compresi, i festeggiamenti durante il viaggio di ritorno, cori d’incitamento per tutti, anche per chi scrive che, se non ricordo male, ma sono sicuro di non ricordare male, è stato festeggiato con un coro che recitava “E per il Rompiballe…“ Però ricordo perfettamente di chi è stata l’idea ed arriverà il momento della resa dei conti, te lo assicuro Guagliò… . Infine un ottimo pranzetto che ci aspettava caldo caldo all’arrivo a Riale, a proposito, caldo caldo perché il “Rompiballe” ha fatto in modo che lo fosse fasandosi con in nostro super Presidente sempre presente e sempre disponibile. Una bella tavolata di 30 persone, chi aveva giocato e chi no, genitori presenti a Parma e non… Certo vincere, anche senza convincere come in questo caso, aiuta sia il morale che lo spirito, ma io resto convinto che questo aspetto ludico e i bei rapporti che si sono creati tra i ragazzi e tra i loro genitori sarà il ricordo più bello e duraturo di questa stagione che, già oggi, sta andando al di là di ogni nostra più rosea aspettativa.
Mercoledì si riparte per Parma, questa volta ci aspetta la Juve, portate le scarpe a sei tacchetti e tanta voglia di far bene. Il Pullman chiuderà le porte alle 14,15.
Noi ci si legge in settimana.
Emanuele Cilona

Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati





PUBBLICITA'

PUBBLICITA'