In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Calcio

Ravenna - Imolese 3-3

Al Benelli il Ravenna fa il bello e il cattivo tempo

05/05/2019


Ravenna - Imolese 3-3

I Giallorossi dominano la prima frazione ma non riescono a dare il colpo del KO all’Imolese che riesce a trovare il pareggio

 

Partita funambolica al Benelli con i giallorossi che nel primo tempo dominano l’Imolese portandosi avanti di tre reti e con gli ospiti che allo scadere trovano fortunosamente il gol che gli da la speranza di riaprire il match. Ripresa più equilibrata con il Ravenna che non riesce a concretizzare quanto creato e l’Imolese abile a trovare un inaspettato pareggio.

 

Primo affondo ed il Ravenna è subito letale, con il capitano Tommaso Lelj, che sugli sviluppi di un calcio d’angolo trova il destro che, deviato da un difensore, trafigge Rossi, per il capitano non c’era modo migliore di festeggiare la centesima in campionato in giallorosso.

Passano solo 5 minuti  e Maleh con una buona penetrazione riesce a liberarsi al tiro dal limite ma la conclusione è di poco alta. Continuano a spingere i padroni di casa ed al 13’ per poco non trovano il raddoppio con un cross di Barzaghi la cui traiettoria per poco non si infila all’incrocio

Il terzino giallorosso è ispirato e due minuti dopo si invola sulla fascia, con un gioco di prestigio si libera del marcatore e fa partire un cross velenoso su cui Galuppini gira in bello stile sfiorando l’incrocio dei pali.

Al 18’ è Eleuteri che trova il 7 giallorosso a centro area con un grande tuffo di testa che chiama Rossi ad un altrettanto grande salvataggio in angolo. Alleggerisce la pressione del Ravenna Lanini al 19’ rientrando sul sinistro e concludendo, ma fuori dallo specchio.

Poco dopo è di nuovo Galuppini a ricevere un pallone invitante da Eleuteri bravissimo ad intercettare il pallone e cercare il compagno sul secondo palo, la scivolata dell’attaccante è fuori di un soffio.

Continua a battere il Ravenna, con Barzaghi che, indiavolato, si propone per ben due volte in area nella stessa azione, ma viene ribattuto in angolo.

I giallorossi controllano il centrocampo e si affacciano con grande pericolosità in area, e così arriva anche il meritato raddoppio con Salvatore Papa che si inserisce con i tempi perfetti al 37’ su cross di Maleh. Per il 6 giallorosso arriva anche la soddisfazione personale due minuti più tardi trovando il goal del 3 a 0 sfruttando un indecisione della difesa rossoblu, per il centrocampista è la prima rete tra i professionisti ed in maglia giallorossa. Ravenna non sazio che dopo avere trovato la terza rete spinge ancora, al 39’ l’arbitro grazia Boccardi che stende Galuppini lanciato a rete ammonendo soltanto il difensore rossoblu.

Gloria anche per Venturi al 40’ con una grande parata sul tiro a giro dal limite di Gargiulo. Sul corner susseguente lo stesso Gargiulo trova il giusto rimpallo per segnare il goal del 3-1. Termina qui un primo tempo con un risultato anche stretto per quanto visto sul terreno di gioco.

 

La ripresa parte con ritmi  meno rapidi e forse complice lo sforzo speso nel primo tempo il Ravenna concede un opportunità al 13’ all’Imolese, che grazie alla spaccata di Lanini sulla respinta di Venturi riapre la partita segnando il goal del 3-2.

L’Imolese ci crede e ci riprova al 22’ con lo stesso Lanini che si accentra dalla sinistra e fa partire un destro rasoterra sul quale Venturi fa buona guardia.

Al 28’ è il Ravenna a provare nuovamente a prendere il largo con una punizione dello specialista Esposito dai 30 metri che sorvola la barriera e scheggia l’incrocio dei pali. Riprende fiducia il Ravenna, che dopo i due goal ha un po accusato il ritorno degli ospiti e trova prima un’occasione con la conclusione di Selleri da centro area alta, poi al 32’ su palla rubata da Martorelli che trova in area Nocciolini, il centravanti giallorosso conclude a botta sicura, ma Rossi si supera nuovamente deviando in angolo. La partita va a folate e passa solo un minuto quando Eleuteri ben imbeccato da Papa mette un pallone velenoso che passa tutta la linea di porta. Sulla ripartenza l’Imolese trova il pareggio con un grande lancio per De Marchi che con una bella conclusione al volo gonfia la rete.

Allo scadere è lo stesso numero 30 rossoblu che si libera i area e trova una conclusione sul primo palo sulla quale ci vuole il migliore Venturi per evitare il sorpasso. Termina qui una gara che ha visto i giallorossi creare tantissime occasioni, ma senza quel pizzico di cinismo in più che avrebbe consentito la vittoria nel derby ed il sorpasso al Sudtirol. Ora si resta sintonizzati sull’esito della coppa Italia per conoscere l’avversario che scenderà in campo contro i giallorossi domenica 12 maggio nel primo turno di playoff. In caso di vittoria dei brianzoli si tratterebbe della Fermata, qualora la Viterbese riuscisse a ribaltare il risultato dell’andata ed a conquistare il trofeo, l’avversario di turno sarebbe il Vicenza.

 

Le dichiarazione di Luciano Foschi:

“Sicuramente oggi abbiamo fatto una buona pubblicità per il calcio, chi ha seguito la partita si sarà sicuramente divertito. Oggi sono convinto che i miei ragazzi abbiano fatto una prestazione sicuramente al di sopra delle righe dove ad un certo punto ho smesso di contare le occasioni create. Non so chi in questo campionato sia stato in grado di mettere in tale difficoltà l’Imolese. Mi sento in primis di fare i complimenti ai miei non solo per la prestazione, ma anche per il grande campionato fatto, i 55 punti in classifica sono assolutamente da sottolineare. C’è il rammarico perché quando ti capitano così tante occasioni da goal devi essere in grado di segnare, è vero che ne abbiamo fatti 3, ma contro una squadra forte come l’Imolese se non segni sai che loro possono metterti in difficoltà. Da adesso ci concentriamo sui playoff con la consapevolezza che se non prendiamo goal passiamo il turno”

 

 

Luca Zignani

Ravenna Football Club 1913

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

Dal disastro iniziale, al trionfo finale: un pomeriggio pazzo porta l’Imolese al terzo posto, miglior piazzamento della storia rossoblu, che consente alla squadra di mister Dionisi di entrare ai play-off direttamente nella fase nazionale. Impossibile pronosticare un esito del genere dopo 40 minuti, quando l’Imolese era sotto 3-0 al Benelli e la Feralpi era in vantaggio con il Pordenone: dopo il gol di Mario Gargiulo, invece, è cambiato tutto. I rossoblu hanno giocato con un piglio diverso nella ripresa, trascinata dai bomber Lanini e De Marchi, che hanno trovato i gol del pareggio. Altro grande protagonista del match Gian Maria Rossi, autore di un vero miracolo su Nocciolini sul punteggio di 3-2. Ora è il momento di festeggiare questo fantastico risultato: l’Imolese ha scritto una pagina di storia, ma la «favola» rossoblu non è finita. Sotto con i play-off: gara d’andata il 19 maggio, fuori casa; il match di ritorno mercoledì 22 al Romeo Galli.

 

 

LA CRONACA DEL MATCH

 

1’ - FISCHIO D’INIZIO. Mister Dionisi rinuncia al diffidato Carraro davanti alla difesa: al suo posto Bensaja, con Valentini e Gargiulo di fianco. In avanti scelta la coppia Rossetti - Lanini. Nel Ravenna solo panchina per l’ex Selleri e per il bomber Nocciolini: è Raffini ad affiancare Galuppini davanti.

2’ - GOL RAVENNA. Subito in vantaggio i padroni di casa. Dagli sviluppi di una palla inattiva la palla arriva in area di rigore a capitan Lelj, che calcia in mezzo e trova la sfortunata deviazione di Sciacca nella propria porta. Imolese subito sotto, serve reagire subito.

7’ - La reazione tarda ad arrivare, continua ad attaccare la squadra di casa: questa volta è Maleh a provare il sinistro da fuori dopo una combinazione fortuita con il direttore di gara. Palla alta di poco, si resta sull’1-0.

16’ - Bellissima azione dei padroni di casa, che sfiorano il 2-0: cambio di gioco di Boccaccini per Barzaghi, che tiene in campo il pallone, salta Sciacca e crossa in mezzo per la splendida girata volante di Galuppini, che termina alta di un soffio dopo la deviazione di Rossi. Gradisce il pubblico del Benelli, Imolese ancora alla ricerca della propria identità di gioco.

19’ - Ancora Ravenna, ancora Galuppini: il numero 7 questa volta ci prova di testa sul cross dalla trequarti di Eleuteri, ma Rossi dice di no.

21’ - Primo squillo rossoblu: ottimo scambio Rossetti - Mosti, palla in verticale per Lanini che rientra sul sinistro e cerca l’angolo lontano, ma la palla termina ampiamente a lato.

25’ - Sempre Ravenna pericoloso: pericoloso passaggio in orizzontale di Bensaja intercettato da Eleuteri, che si invola e crossa sul secondo palo per Galuppini, che trova il pallone in spaccata ma non centra la porta. 

29’ - Imolese in bambola: ci provano Barzaghi e Galuppini, ma in qualche modo la difesa rossoblu se la cava. Intanto il Ravenna spreca un altro calcio d’angolo, l’ennesimo.

37’ - GOL RAVENNA. Raddoppio meritato dei padroni di casa. E’ la zampata di Papa a portare i giallorossi sul 2-0, che continuano a sfondare sulle corsie esterne. 

38’ - GOL RAVENNA. Tris giallorosso, Imolese al tappeto: ci prova Galuppini, Rossi salva ma arriva il tap-in di Maleh da due passi. Padroni di casa che arrivano per primi su tutti i palloni, rossoblu irriconoscibili.

44’ - Si fa vedere in avanti l’Imolese: bel sinistro di Gargiulo dal limite, Venturi risponde presente e mette in calcio d’angolo.

45’ - GOOOOOOOOLLLL IMOLESE!!! E’ lo stesso Gargiulo (come al solito tra i più positivi in trasferta) a siglare il gol che riapre la partita: Carini svetta sul tiro dalla bandierina, salvataggio sulla linea dei padroni di casa ma in mischia ci pensa il centrocampista napoletano a mettere il pallone in rete. Si riaccende la speranza per i rossoblu.

45’ - FINE PRIMO TEMPO. Si chiude sul 3-1 la prima frazione: dominio giallorosso, ma il gol nel finale di Gargiulo può ridare energia all’Imolese. Serve un’impresa, anche perché a Salò la Feralpi è in vantaggio per 1-0 sul Pordenone.

46’ - INIZIO SECONDO TEMPO. Doppio cambio per l’Imolese: mister Dionisi inserisce Zucchetti e De Marchi per Sciacca e Rossetti. Nessuna sostituzione in casa giallorossa.

54’ - Imolese che ha iniziato con buon piglio la ripresa: ci prova Zucchetti col sinistro dai 30 metri, palla di poco a lato.

59’ - GOOOOOOOOLLLL IMOLESE!!! Ancora Gargiulo protagonista, con un tiro dai 30 metri che diventa un assist per gli attaccanti rossoblu: De Marchi in spaccata spizza, Venturi risponde ma arriva il tap-in a porta vuota di Lanini. E’ 3-2, l’Imolese torna in partita in maniera un po’ casuale.

67’ - Alla ricerca del pari l’Imolese: Mosti ci prova al volo di sinistro, Venturi blocca a terra senza problemi. Passa un minuto e ancora rossoblu pericolosi, stavolta con Lanini: il destro a giro del numero 17 non impensierisce il portiere giallorosso, ma il pallino del gioco è totalmente nelle mani dell’Imolese, che ora crede nel pareggio.

74’ - Gran calcio di punizione di Esposito: palla a lato di un soffio.

78’ - Rossi tiene in vita l’Imolese. Miracolo del portiere rossoblu su Nocciolini, che si mangia un’occasione colossale dopo che Selleri aveva rubato palla a Carini in uscita. Imolese che ora sembra un po’ stanca.

80’ - GOOOOOOOOLLLL IMOLESE!!! Gol mangiato, gol subito: la legge del calcio si ripete e De Marchi non perdona. Grande girata del numero 30 rossoblu sul cross dalla trequarti di Zucchetti e Imolese che trova il pari dopo essere stata sotto di 3 reti e aver rischiato più volte il tracollo. Che cuore ragazzi!!!

89’ - De Marchi sul primo palo, Venturi si allunga e mette in corner. Si resta sul 3-3, un risultato che darebbe il terzo posto all’Imolese visto il 2-2 che sta maturando al Lino Turina di Salò. 

90’ + 3’ - FISCHIO FINALE. E’ finita: l’Imolese è terza grazie ad una grande rimonta e giocherà i play-off direttamente dalla fase nazionale.

 

 

LE DICHIARAZIONI POST-PARTITA

 

Filippo Ghinassi, direttore sportivo

«La partita di oggi è stata particolare: abbiamo fatto tutto e il contrario di tutto, ma alla fine abbiamo portato a casa il risultato e l’obiettivo, grazie al pareggio di Salò. Siamo estremamente soddisfatti: ora salteremo due turni di play-off e questo ci darà l’opportunità di recuperare le forze e gli infortunati per dare il massimo quando torneremo in campo. Non abbiamo mai smesso di alzare l’asticella: nei play-off ce l’andremo a giocare con leggerezza, come abbiamo sempre fatto per tutta la stagione. Proveremo a sognare, vogliamo regalarci un’emozione».

 

Alessio Dionisi, allenatore

«Oggi più che il terzo posto vorrei rimarcare la prova di carattere dei ragazzi. Quando fai male a livello di prestazione, non ti riconosci e vai sotto 3-0 in trasferta, è molto difficile reagire: siamo riusciti a farlo e, alla fine, abbiamo centrato il risultato e l’obiettivo. Tante volte ho fatto i complimenti alla squadra per la prestazione: oggi non posso farlo, ma è giusto dar loro i meriti per come sono rimasti in partita. Nell’intervallo ho detto ai ragazzi quello che pensavo: oggi probabilmente sono state toccate le corde giuste e la squadra ha reagito. Affronteremo i play-off con consapevolezza ed ambizione, ma anche con leggerezza. Quello che dovevamo fare l’abbiamo già fatto, anche se è ovvio che non ci vogliamo accontentare. Dobbiamo prepararci al meglio in queste due settimane: per tanti di noi, me compreso, sarà la prima volta che affronteremo una partita di questa importanza».

 

 

Serie C, girone B - 38ª giornata

 

Ravenna - Imolese 3-3

 

Ravenna: Venturi; Boccaccini, Jidayi, Lelj (c); Eleuteri (dal 84’ Gudjohnsen), Papa, Esposito, Maleh (dal 71’ Martorelli), Barzaghi; Raffini (dal 62’ Nocciolini), Galuppini (dal 71’ Selleri). All. Foschi (a disp. Spurio, Martorelli, Nocciolini, Selleri, Bresciani, Ronchi, Scatozza, Gudjohnsen, Siani, Sabba, Trovade, Mancini).

Imolese: Rossi; Sciacca (dal 46’ Zucchetti), Boccardi, Carini, Fiore; Valentini (c) (dal 66’ Ranieri), Bensaja, Gargiulo; Mosti (dal 74’ Giovinco); Rossetti (dal 46’ De Marchi), Lanini. All. Dionisi (a disp. Turrin, Tissone, Varutti, Cappelluzzo, Giannini, Zucchetti, Ranieri, Carraro, Giovinco, De Marchi).

 

Arbitro: Nicolò Cipriani (assistenti Robert Avalos e Antonio Catamo).

Marcatori: 2’ aut. Sciacca (Imo), 37’ Papa (Rav), 38’ Maleh (Rav), 45’ Gargiulo (Imo), 59’ Lanini (Imo), 80’ De Marchi (Imo).

Ammoniti: 27’ Jidayi (Rav), 39’ Boccardi (Imo), 49’ Bensaja (Imo), 73’ Carini (Imo), 83’ Papa (Rav).

Recupero: 0’ e 3’.

 

 

 

 

 

Andrea Casadio

Ufficio Stampa Imolese Calcio 1919

 

 

---------------------------------------------------------------------------------

 




Ravenna FC: Il campionato si chiude con il derby

04/05/2019


Ravenna FC: Il campionato si chiude con il derby

 

 

 

L’ultima di campionato al Benelli (fischio d’inizio ore 15) vedrà un match tra due grandissime protagoniste del Girone B. Da una parte l’Imolese che, una volta scoperto di avere ottenuto il ripescaggio in serie C, si è mosso con dovizia in fase di mercato ed ha allestito una squadra che per tutta la stagione ha rappresentato la matricola terribile, abile a portare a casa risultati notevoli ed ad essersi guadagnata un accesso ai playoff grazie all’attuale terzo posto in classifica. Dall’altra i giallorossi padroni di casa, guidati da Luciano Foschi, abile ammiraglio della squadra più giovane del girone, che ha saputo guidare sempre ai piani alti della classifica, come testimonia il secondo posto toccato durante lo scontro di Pordenone e l’inatteso approdo alla post season con ben tre turni d’anticipo. Le premesse non sono sicuramente quelle della classica passerella di fine stagione, ma di un incontro sentito, anche alla luce del fatto che il Girone B, quello più equilibrato dei tre ha ancora quasi tutti i verdetti da determinare, con entrambe le squadre che vincendo potrebbero migliorare la propria posizione nella griglia di partenza degli imminenti playoff e di certo saranno pronte sul campo a lottare senza esclusione di colpi. La squadra rossoblu guidata da Dionisi ha in Lanini il suo bomber più prolifico, con 13 reti all’attivo, ma non sarà soltanto la punta di scuola Juventus a dare del filo da torcere alla difesa del Ravenna, che dovrà ben tenere a mente la pericolosità degli avanti imolesi già incontrati due volte in stagione al Romeo Galli di Imola, prima in estate in una funambolica partita di Coppa Italia finita 5-3 per i rossoblù, poi nel pareggio per 2-2 nel boxing day di campionato. Prima del fischio d’inizio un momento speciale con la premiazione dei 3 giallorossi che hanno raggiunto le 100 presenze in campionato, Selleri (ex di turno), Venturi e capitan Lelj; un traguardo importante per tre colonne portanti del progetto Ravenna FC che hanno saputo trascinare lo spogliatoio in questi tre anni in crescendo, dalla vittoria del campionato di due anni fa fino alla grande stagione in corso.

Qualche assenza importante in entrambi gli schieramenti, Dionisi infatti dovrà rinunciare a Checchi squalificato, Garattoni, Belcastro e Hraiec infortunati. Sicuri assenti in casa Ravenna FC Pellizzari e Ronchi entrambi alle prese con distorsioni alle caviglie, con solo il secondo che pare recuperabile per la prima in casa dei playoff.

Per questa partita è stata indetta la giornata giallorossa, pertanto non saranno valide le tessere stagionali, ma il prezzo dei tagliandi sarà scontato in tutti i settori a soli 5 euro (1 euro per gli under 12), con i botteghini aperti dalle ore 13,30.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le dichiarazioni pre partita del mister Foschi:

“Dobbiamo continuare con le prestazioni fatte con Vicenza e Ternana, ci aspetta un derby sentito, che vogliamo onorare al meglio per i nostri tifosi. L’Imolese ha dimostrato in questo campionato di avere dei valori importanti, è una neopromossa, ma con una rosa importante che non era stata costruita per salvarsi ed ha trovato un allenatore in grado di dare una identità alla squadra che hanno sempre portato avanti e che gli ha dato risultati che l’hanno portata al terzo posto. Dall’altra parte trovano un Ravenna che ha fatto altrettanto bene, dimostrando di avere un’idea ben precisa di quali sono le nostre forze e quello che vogliamo ottenere. C’è la voglia di ben figurare per portare a casa i tre punti”

 

Direttore di gara: Nicolò Cipriani (Empoli) Assistenti: Robert Avalos (Legnano), Antonio Catamo (Saronno)

 

Lista convocati

 

Portieri: 1 Spurio (’98), 22 Venturi (’92)

Difensori: 13 Lelj (’86), 2 Eleuteri (’98), 3 Barzaghi (’96), 16 Scatozza (’00), 23 Jidayi (’84), 14 Bresciani (’97), 4 Boccaccini (’93), 31 Maltoni (’01)

Centrocampisti: 10 Selleri (’86), 20 Sabba (’98), 21 Trovade (’98), 27 Papa (’90), 6 Maleh (’98), 29 Esposito (’00), 8 Martorelli (’99)

Attaccanti: 7 Galuppini (’93), 9 Nocciolini (’89), 18 Raffini (’96), 19 Siani (’97), 17 Gudjohnsen (’98), 26 Mancini (’01)



L'Imolese chiude al Benelli di Ravenna

un derby per regalarci il terzo posto

04/05/2019


L'Imolese chiude al Benelli di Ravenna

 

 

Terzi o quarti: questo è il dilemma. Un dilemma che comunque fa dormire sogni tranquilli ad un’Imolese straordinaria per tutta la stagione: allo stadio Benelli di Ravenna, nell’ultimo turno di campionato (domenica 5 maggio, ore 15), ci sarà la possibilità di mettere la ciliegina su una torta già deliziosa. Con una vittoria, infatti, l’Imolese è certa di chiudere la stagione regolare al terzo posto e di entrare ai play-off direttamente nella fase nazionale, mentre in caso di risultato negativo o di pareggio, occorrerà aspettare il finale dal Lino Turina di Salò, dove la Feralpi ospita il Pordenone campione.

Vincere a Ravenna non sarà certo facile. I giallorossi, guidati da mister Luciano Foschi, sono la seconda più grande sorpresa del girone dopo l’Imolese e hanno vissuto una stagione molto positiva per tutto l’anno, senza cali di rendimento. Selleri e compagni hanno già raggiunto da tempo la certezza matematica di giocare il primo turno dei play-off al Benelli, ma con un successo nel derby di domenica potrebbero scavalcare il Sudtirol (o il Monza, molto dipenderà dall’esito dello scontro diretto al Druso) in classifica.

Mister Foschi può contare su una formazione fisica e dinamica, che gioca un buon calcio e segna molto sulle palle inattive. Alla fase di finalizzazione pensa poi la coppia d’attacco Nocciolini - Galuppini: 17 gol in due, ma solo 6 nel girone di ritorno. Altro dato negativo: il Ravenna ha segnato due soli gol nelle ultime 6 gare (entrambi nella stessa sfida, la vittoria per 2-1 sul campo della Virtus Verona). Vedremo se le polveri resteranno bagnate anche contro l’Imolese. Nel 3-5-2 di mister Foschi resta da capire la posizione di Selleri, che negli ultimi match ha giocato largo a sinistra al posto dell’infortunato Bresciani (in gol nel match d’andata, terminato 2-2 al Galli), mentre in avanti possibile la rinuncia a Galuppini, come già accaduto domenica scorsa a Terni.

In casa rossoblu sicuro assente lo squalificato Lorenzo Checchi: toccherà a Boccardi ricoprire il ruolo di centrale difensivo al fianco di Carini, con Sciacca e Fiore probabili titolari sulle corsie esterne. Ancora out Hraiech e Belcastro, mentre Cappelluzzo torna a disposizione di mister Dionisi.

Il direttore di gara sarà il signor Nicolò Cipriani della sezione di Empoli, mentre gli assistenti saranno i signori Robert Avalos di Legnano e Antonio Catamo di Saronno.

 

 

Alessio Dionisi, allenatore

«E’ un derby e tra le due squadre c’è un trascorso risalente a due stagioni fa, ma noi non pensiamo a questo. Si tratta di una partita importante: nessuno di noi pensava di arrivare all’ultima giornata a giocarsi il terzo posto. Non sarà facile affrontare il Ravenna, una squadra che sta facendo molto bene e che ci renderà la vita difficile, come ha già fatto all’andata. Spero sia l’ultima volta che giocheremo contro di loro: i giallorossi sono un avversario ostico, difficile, più fisico di noi e pericoloso sulle palle inattive. Non hanno mai avuto cali di rendimento e vorranno finire bene. Chiaro che le nostre motivazioni sono importanti: vogliamo arrivare terzi, poi se non ce la faremo non sarà un dramma, anzi. Stiamo parlando di arrivare terzi o quarti: resta qualcosa di incredibile per l’Imolese».

 

 

 

Andrea Casadio

Ufficio Stampa Imolese Calcio 1919



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'