Web
    Analytics
  • Emilia Romagna Sport
  • Marche Sport

Calcio | Dilettanti | Serie D

Il punto del D...irettore

Di Mirco Mariotti 21/12/2020

Il punto del D...irettore

Fonte "Libertà"


L'ottavo e penultimo turno del 2020 del girone D ha "regalato" la prima sconfitta stagionale alla capolista Aglianese che, dopo sei successi consecutivi, è schiantata a Fiorenzuola d'Arda, con i piacentini ora balzati prepotentemente al secondo posto, a due soli punti dai toscani, assieme al sempre più sorprendente Pro Livorno Sorgenti, reduce da uno spettacolare pareggio esterno contro il Lentigione. Importanti poker vincenti per Correggese e Rimini, mentre tornano al successo anche Sammaurese e Sasso Marconi.
Ma andiamo ad analizzare, partita per partita, quello è successo sui campi che hanno visto coinvolte le formazioni emilianoromagnole del campionato di Serie D, ricordando che Progresso-Forlì non si è disputata causa le ben nove positività al Covid-19 che ha visto coinvolta la formazione romagnola e che, di conseguenza, non gli permetterà la disputa della sfida interna infrasettimanale contro il Real Forte Querceta.

Partiamo dal big-match del "Pavesi" dove il Fiorenzuola (nella foto di gruppo al termine della partita) ha battuto con un nettissimo 5-1, secondo consecutivo, l'imbattuta capolista Aglianese. Il risultato si sblocca, a favore dei valdardesi, dopo soli cinque minuti: cross dalla sinistra per Tognoni che, dal limite dell'area, spizza di testa sulla destra per l'accorrente Perseu che, di controbalzo, spedisce la palla nel sette opposto alle spalle di un incolpevole Ansaldi. La partita, nella prima frazione di gioco, rimane comunque equilibrata, ma, al minuto 40, i rossoneri hanno l'opportunità del raddoppio grazie ad un penalty concesso per un fallo subito, all'altezza del limite dell'area piccola, da Colantonio che, al momento di calciare in porta, viene disturbato fallosamente da Colombini. Dal dischetto si presenta Bruschi che realizza il gol del 2-0 spiazzando l'estremo difensore ospite. I pistoiesi sono comunque in partita e sfiorano la segnatura in chiusura di tempo, ma al 51' i rossoneri trovano il tris: cross di Tognoni dalla destra, la palla giunge sul palo opposto all'accorrente Bruschi che, anticipando il proprio marcatore, incrocia di testa ed insacca la sfera nell'angolino basso. I toscani sono in bambola e, del conseguente nervosismo, ne paga le conseguenze mister Colombini, espulso dal direttore di gara, ma anche il portiere Ansaldi che, un minuto dopo, esattamente al 56', si sposta sull'estrema sinistra del terreno di gioco per effettuare un rinvio, ma la palla perviene direttamente al solito Bruschi che, nei pressi del vertice sinistro dell'area, non ci pensa due volte e, approfittando della porta sguarnita, spedisce la palla nell'angolino opposto realizzando così la sua tripletta personale. Al 71' l'Aglianese realizza il gol della bandiera con bomber Brega, abile a sfruttare un retropassaggio imperfetto di Ferri ed a bruciare in uscita Battaiola. Al minuto 85 arriva il pokerissimo rossonero grazie ad una ripartenza orchestrata da Esposito che avanza centralmente, assist sulla sinistra per l'accorrente Arrondini che, di giustezza, spedisce la palla nell'angolo opposto.
Spettacolare 3-3, al "Camp Nov" di Sorbolo, tra Lentigione e Pro Livorno Sorgenti, due squadre che stanno dimostrando ancor di più che possono essere protagoniste in questo campionato. I rivieraschi sbloccano il risultato dopo soli due minuti grazie a Bouhali che, ben servito sulla sinistra da Caprioni, scarica una bordata nell'angolo opposto su cui Blundo nulla può fare. Al 10', alla prima occasione, arriva l'immediato pareggio ospite grazie a Rossi che, direttamente su calcio di punizione, batte un Cheli non proprio esente da colpe. Al 38' il nuovo vantaggio del Lentigione: Scalini batte una punizione dalla tre quarti sinistra, Rossi colpisce di testa nel tentativo di spazzare in corner ed invece infila il proprio portiere nell'angolino alto. Al 52' i labronici impattano nuovamente il risultato, ancora sugli sviluppi di un calcio piazzato, bravo Petri ad inzuccare in rete anticipando i difensori locali. Al 65' arriva il sorpasso ospite grazie ad un gran bel tiro, scoccato dalla destra, di Granito. Al minuto 83 Tozzi serve Barranca che si invola velocissimo verso l'area e viene steso da Blundo, il direttore di gara, tra le grandi proteste ospiti, assegna il calcio di rigore che Caprioni, con una conclusione a mezza altezza, realizza riportando il risultato in parità. L'episodio ha scaldato molto gli animi ed il finale è costellato di cartellini, soprattutto rossi, per Brizzi, al minuto 87, per aver detto qualche parola di troppo al "referee", poi al 91' è Staiti a riportare la parità numerica, reo di aver rifilato un calcio, a gioco fermo, al toscano Casalini. Senza contare le espulsioni che hanno coinvolto la panchina, una per parte, ed in più, al 95', anche quella di Galanti, per fallo da ultimo uomo ancora su Casalini.
Al "Borelli" la Correggese mantiene l'imbattibilità in campionato grazie al successo per 4-2 sulla Marignanese Cattolica. I romagnoli hanno un'enorme occasione da gol dopo nemmeno un minuto, Benedetti serve inavvertitamente Ndiaye che si invola solo soletto verso Sottoriva, ma il portiere dei reggiani riesce a bloccare il diagonale dell'avversario. Ma sono i padroni di casa a passare in vantaggio già al minuto 8 sugli sviluppi di un corner dove è proprio Benedetti ad incornare di testa la palla in fondo al sacco. Al 26' ecco il gol del provvisorio pareggio ospite: è proprio l'ex Rizzitelli che, dopo aver ricevuto una palla vagante in area, punisce Sottoriva da pochi passi. Pochi istanti prima del riposo, in pieno recupero, la Correggese torna in vantaggio grazie a Lessa Locko, abile a raccogliere una goffa respinta di Piai, derivante da una punizione non proprio irresistibile di Villanova, appoggiando la palla in rete. Al 56' è Landi, ben servito da Carrasco, che in area ha il tempo di mirare col sinistro e di dare il terzo dispiacere all'estremo difensore ospite. Al 75' ecco il poker della formazione allenata da mister Gori: sgroppata poderosa di Manara sulla fascia sinistra, palla per Saporetti che, spalle alla porta, si gira e spedisce la sfera nell'angolo opposto. Al minuto 88, per le statistiche, arriva la seconda segnatura dei romagnoli con Nodari che, di testa, batte Sottoriva. Marcatura abbastanza discussa dai reggiani perchè l'assistente aveva segnalato un offside che il direttore di gara non ha ravvisato.
Il Sasso Marconi sfata il tabù Mezzolara vincendo per 1-0 il derby del "Carbonchi" ottenendo così il primo successo casalingo stagionale. La formazione allenata da Simone Muccioli è stata brava a capitalizzare subito i tre punti dopo appena cinque minuti di gioco grazie a Baietti che, dopo aver raccolto palla direttamente da una lunga rimessa laterale, si accentra in piena area e, di sinistro, batte l'incolpevole Malagoli. La formazione ospite, che non ha per niente sfigurato, avrebbe meritato anche il pari. Protagonista sfortunato è Sala che, al minuto 52, colpisce il palo sugli sviluppi di un calcio d'angolo, poi al 68' ha l'opportunità di guadagnarsi un penalty dopo aver subito fallo in area da Minutolo, ma lo stesso numero nove si fa bloccare la conclusione da un Giannelli che, durante i novanta minuti, ha compiuto interventi decisivi.
Il Rimini batte con un netto 4-0 il fanalino di coda Corticella, rilanciando così la propria classifica. Al 15' i biancorossi sbloccano il risultato sugli sviluppi di un corner battuto dalla destra da Ricciardi, Cinelli, nel tentativo di respingere, viene ostacolato da un compagno di squadra, la palla perviene a Vuthaj che, con una splendida rovesciata, scavalca il portiere ospite con la palla che entra al centro della porta. Al 45' ancora un corner dalla destra calciato dal solito Ricciardi, Cinelli respinge coi pugni fuori dall'area, la palla perviene a Sambou che scarica un forte rasoterra, Nanetti cerca di spazzare il pallone, la sfera però incoccia sul ginocchio di Vuthaj che, suo malgrado, realizza il gol del rocambolesco raddoppio. il terzo gol, al minuto 80, nasce da un'azione personale di Sambou che fa fuoco e fiamme sulla sinistra, palla tesa all'altezza del limite dell'area piccola che viene intercettata da Tonelli che, involontariamente, spiazza il proprio portiere. A tre minuti dal termine la quarta e definitiva marcatura: Viti dalla sinistra serve all'altezza dell'area piccola l'accorrente Pecci che, lasciato colpevolmente solo dalla difesa biancoazzurra, di piatto batte Cinelli.
Buon pareggio della Bagnolese, ad Altopascio, del Ghivizzano per 1-1. La squadra di Claudio Gallicchio trova il vantaggio al 18' sugli sviluppi di un calcio di punizione battuto dalla trequarti sinistra su cui l'altissimo Dembacaj (2.04 cm, nda) di testa batte Pagnini. Il pareggio dei lucchesi arriva al minuto 74: Scappi atterra in area lo sgusciante Felleca ed il direttore di gara non può fare altro che decretare il tiro dagli undici metri, che lo stesso attaccante del Ghivizzano si incarica di calciare, botta centrale che Auregli intuisce, ma non riesce ad evitare il gol dell'1-1. Tzvekov, mentre veniva riportata la palla a centrocampo, eccede ancora nelle proteste e l'arbitro gli sventola il secondo giallo mandandolo anzitempo sotto la doccia. Il Ghivizzano ha comunque onorato al meglio la partita, ricordando lo storico presidente Elso Bellandi, scomparso pochi giorni prima.
La Sammaurese, nell'anticipo di sabato, conquista il primo successo al "Macrelli" regolando per 2-1 il Seravezza, scavalcandolo così in classifica. Al 31' i romagnoli sbloccano il risultato grazie ad uno spunto personale di Guatieri che, conquistato palla dal vertice sinistro dell'area, si accentra e manda la palla nell'angolino opposto alle spalle dell'incolpevole Orsini. Dieci minuti dopo dubbio contatto in area tra l'ex titano Grassi e Gurini, il direttore di gara assegna il calcio di rigore ai toscani tra le proteste dei padroni di casa, dal dischetto si presenta lo stesso Grassi che spiazza Maniglio ripristinando così il risultato di parità. Al 60', nel momento migliore del Seravezza, arriva il gol vittoria per la formazione di Protti sugli sviluppi di un corner dalla sinistra, Nicoli sventaglia nell'area piccola per Gurini che, appostato sul secondo palo, incorna di testa nell'angolo opposto.
Chiude l'ottava giornata il pareggio per 1-1 nel derby toscano tra Real Forte Querceta e Prato.

Mercoledì 23 dicembre, alle 14.30, è in programma la nona giornata di campionato.

Aglianese-Correggese
Bagnolese-Sasso Marconi
Corticella-Progresso
Fiorenzuola-Sammaurese
Marignanese Cattolica-Lentigione
Prato-Mezzolara
Pro Livorno Sorgenti-Rimini
Seravezza-Ghivizzano


Forlì-Real Forte Querceta già rinviata a data da destinarsi. Come sempre potrete seguire LIVE gli aggiornamenti delle partite sulla Homepage nel nostro portale.





Commenti



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'