In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Calcio

Riuscirà la Dea a ripetere l’exploit della scorsa stagione?

15/09/2020


Riuscirà la Dea a ripetere l’exploit della scorsa stagione?

 

Terzo posto in Serie A e quarti di finale di Champions: obiettivi nuovamente raggiungibili?

 

Repetita iuvant, soprattutto se sei l’Atalanta delle meraviglie targata Gasperini che quest’anno proverà a bissare il successo della passata stagione per provare a crescere ulteriormente. Certo, far parte nuovamente delle “Big Four” di Serie A, superando la concorrenza di corazzate quali Roma, Napoli e Milan, e giungere per la seconda volta di fila ai quarti di Champions League non sarà affatto semplice per la Dea, meglio essere onesti fin dall’inizio. Perché diciamo questo? Crediamo che le nobili decadute del torneo nostrano questa volta faranno di tutto per tornare a essere protagoniste; pensate ad esempio al Diavolo, con Brahim, Tonali e Bakayoko ormai in dirittura d’arrivo, oppure al Ciuccio con l’innesto Osimhen. Il ritorno di rossoneri e azzurri sul palcoscenico calcistico che conta renderà la vita complicata ai nerazzurri, che difficilmentepotranno permettersi di perdere ancora una volta tre partite di Coppa Campioni consecutivamente e sperare poi di passare il turno.

 

Basteranno Mirančuk e Pa¨alić per fare bene?

 

Probabilmente no: l’acquisto del trequartista Mirančuk e il riscatto di Pa¨alić non saranno sufficienti alla Dea per confermarsi dopo l’ottima annata appena trascorsa. Per competere con squadre italiane ed europee, pronte a tutto pur di rinforzarsi, è necessario recuperare Ilićić, attualmente fuori rosa per problemi di depressione, sostituire degnamente l’ex centrale Castagne, oggi di proprietà del Leicester, e anche il partente Hateboer, che ha detto senza mezzi termini che il suo ciclo all’Atalanta si è ormai concluso. Al posto dell’olandese, i bergamaschi starebbero pensando a Piccini mentre per quanto riguarda il belga ci sarebbe già Pessina di ritorno dal Verona. Un po' pochino visto che nel corso della prossima stagione gli avversari di coppa potrebbero essere formazioni del calibro di Barcellona o Real Madrid. Vero è che l’attuale sessione di calciomercato non si è ancora conclusa, anche se la Dea, rispetto ad altre squadre, sembra non volersi scatenare a livello di acquisti importanti. Puntare sull’attuale Atalanta, immaginando un revival in termini di (incredibili) risultati sportivi, potrebbe dunque essere un azzardo; tuttavia tenendo conto degli imperdibili bonus scommesse calcio messi a disposizione da un sito come Unibet, noi un pensierino su un nuovo exploit della squadra di Gasperini lo faremmo comunque.

 

Dalla Russia con amore (speriamo)

Parlare di chi non c’è non è mai buona educazione, dunque parliamo di chi c’è o, meglio, di chi è appena arrivato. Dalla Russia, speriamo con amore, è giunto a Bergamo Mirančuk, per alcuni una promessa della trequarti per altri un buon giocatore e nulla più. Presentatosi all’Atalanta già infortunato (40 giorni di stop per lui), il 24enne Aleksey non agisce solo ed esclusivamente dietro alle punte ma all’occorrenza può ricoprire il ruolo di esterno offensivo. Ciò che ci colpisce di lui è l’abilità con cui è in grado di innescare le punte in velocità;già ci immaginiamo i suoi lanci millimetrici per Duván Zapata, bomber che se messo in condizione di tirare può fare davvero male all’avversario! Con la maglia della Lokomotiv Mosca, lo scorso anno Mirančuk ha segnato 16 reti (massimo in carriera) offrendo un buon contributo anche a livello di assist, 5. Non male per un giovane che deve ancora crescere, e in Italia con la Dea avrà la concreta possibilità di farlo. D’altronde molti campioni, uno su tutti Filippo Inzaghi, prima di spiccare il volo hanno vestito la casacca nerazzurra. Certo, tutto dipenderà da come giocherà la squadra, perché solo quando il gruppo si esprime al massimo delle potenzialità anche i singoli alla lunga ne beneficiano. E chissà se l’Atalanta, dopo l’ultima incredibile annata, riuscirà a esprimersi ancora al massimo.Per avere una risposta certa a questa domanda non dobbiamo fare altro che prepararci ad assistere alla nuova Serie A che sta per iniziare.



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati





PUBBLICITA'

PUBBLICITA'