In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Calcio | Dilettanti | 1a Categoria

U.Montefredente-Siepelunga Bellaria 4-2

07/12/2017


U.Montefredente-Siepelunga Bellaria 4-2

Con una dissennata seconda frazione di gioco il SiBe annulla i progressi evidenziati nell'ultimo mese e resuscita un Montefredente reduce da ben 6 sconfitte consecutive, aiutandolo ad uscire dalla crisi.

Eppure i ragazzi di Stipcevich, anche oggi in formazione decimata da infortuni e defezioni assortite, erano partiti bene, andando a segno dopo soli 8 minuti di gioco con Molinari, abile a chiudere una triangolazione con Canessi.

Il Montefredente non riusciva a ritrovarsi sull'umido e scivoloso campo sintetico di Sasso Marconi dove il controllo della palla è problematico, un tavolo da bigliardo su cui tutto può capitare da un momento all'altro. 

I ragazzi di Poli, tuttavia, hanno un asso nella manica, quel Soler (questa sera capace di una tripletta), incontenibile per i difensori ospiti, che ha fatto la differenza  e che, al 36', riesce a portare in parità il Montefredente. Il Siepelunga, comunque ancora in campo, reagisce e torna avanti al 40' con Canessi che appoggia comodamente in rete un pallone crossato dalla sinistra da Gavioli. 

Ancora nulla  lascia presagire ciò che accadrà nel secondo tempo.

Alla ripresa delle ostilità, infatti, il Siepelunga sembra una squadra completamente in un'altra dimensione, con la testa da un'altra parte: che il tè sorseggiato negli spogliatoi fosse stato 'tagliato' con del bromuro?.

Fatto sta che il Montefredente intuisce l'inatteso black out degli avversari e si riversa in massa nella metà campo del SiBe con un calcio elementare, consono al bigliardo di Sasso Marconi, fatto di lunghi lanci per le punte (peraltro molto recettive specie il folletto Soler) ed un pressing asfissiante sulle fasce che mette in difficoltà gli opposti avversari. In tre minuti la squadra appenninica ribalta a proprio favore il risultato, al 60' con Soler ed al 63' con una 'bomba' da 40 metri di Nanni. I bolognesi abbozzano una reazione ma l'imprecisione dei centrocampisti (lenti ed approssimativi negli appoggi), il panico costante della difesa (saltata sulle corsie laterali ed incapace di gestire la palla sia di testa che di piede coi centrali) e la latitanza degli attaccanti impediscono di pungere. Nell'unica percussione degna di rilievo, poi, ci si mette anche l'arbitro, che non vede, forse per mancanza di coraggio oppure, per voler essere benigni, perchè abbagliato da un'illuminazione approssimativa, un netto fallo di mano commesso dai difensori del Montefredente. Il finale è la caricatura dell'overdose televisiva. Il Siepelunga si getta a testa bassa nell'area avversaria e nell'ultima azione si riversa in massa, portiere compreso, per raccogliere una punizione. Morale: la palla viene respinta  fuori area dalle torri della squadra appenninica che trovano, in una terra di nessuno, ben tre attaccanti pronti a ripartire verso la porta sguarnita.  E così Soler sigla il suo personale 'triplete' e 'santifica con un gol farsesco la battosta inferta ai bolognesi in questa fredda, umida e poco gratificante trasferta a Sasso Marconi



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'