Web
    Analytics
  • Emilia Romagna Sport
  • Marche Sport

Calcio | Dilettanti | Serie D

Il punto del D...irettore

Di Mirco Mariotti 02/11/2020

Il punto del D...irettore

Foto Barbara Bastoni


Oggi sarà una giornata importante per la Serie D. Dopo la valanga di rinvii nella 6a giornata, ben 48, contro le "sole" 35 partite disputate tra sabato e domenica, con un accumulo totale di ben 104 recuperi, la LND dovrebbe prendere decisioni importanti in merito allo sviluppo del campionato. Difficile, ma non impossibile, stoppare provvisoriamente la stagione in attesa di tempi migliori, ma visto che, proprio martedì scorso, il sondaggio proposto dai massimi vertici ha visto il 74% delle società d'accordo nel proseguire il campionato, sembra più fattibile l'ipotesi di un cambio protocollare. Ecco, un grave errore è stato quello di non creare un regolamento ad hoc per la Serie D visto che, essendo un campionato nazionale, non si può equiparare ai campionati regionali visto che, gran parte dei loro tesserati, vivono di calcio.
Con tutto rispetto per le società, soprattutto quelle coinvolte da problematiche sanitarie, era diventato abbastanza chiaro che non era più concepibile rinviare una partita per un caso singolo di eventuale Covid-19, a prescindere dall'esito del tampone, ma anche per evitare presumibili "furbate". In più, proprio nelle scorse ore, c'è stato un aggiornamento delle linee protocollari professionistiche, che potete consultare QUI, che prevedono alcune novità importanti, come l'utilizzo dei nuovi tamponi molecolari rapidi, disponibili solamente nel giorno della partita, che entro 15 minuti daranno esito negativo o positivo. Una soluzione che ridurrebbe costi e tempi apocalittici nell'attesa di una chiamata delle AUSL, e che verrà sicuramente inserita anche nella revisione per quanto riguarda Serie C e Serie D, e che dovrebbe uscire nel giro di pochissimi giorni. Per cui dovrebbe aumentare il numero limite dei casi di possibile Covid-19 cerificati per poter rinviare un match di campionato.
Mentre attendiamo impazienti di capire di che morte dobbiamo morire, sportivamente parlando, ci addentriamo nel calcio giocato, andando a raccontare quello che è successo ieri pomeriggio nelle uniche due partite disputate nel girone D di Serie D valide per la 6a giornata.

Il Lentigione batte con merito il Sasso Marconi con un'eloquente 3-0 e si affaccia provvisoriamente nelle zone alte della classifica. I rivieraschi sbloccano il risultato dopo appena due minuti, assist di Caprioni dalla destra per l'accorrente Piccinini che, solo soletto, ha la freddezza di mirare con precisione l'angolino basso alle spalle dell'incolpevole Giannelli. Al 70' arriva il gol del raddoppio grazie ad un tiro dal limite di Martino su cui l'estremo difensore ospite poteva sicuramente fare qualcosa di più. Al minuto 77 il Lentigione chiude la partita, cross dalla destra di Agyemang, Piccinini di testa (nella foto) anticipa in uscita Giannelli siglando la sua doppietta personale.
A Castel Maggiore invece vittoria sofferta del Progresso per 2-1 contro un'ottima Bagnolese che sicuramente avrebbe meritato qualcosina di più. Primo tempo di marca reggiana con diverse occasioni da gol, anche se l'occasione più nitida è dei padroni di casa al 19' con un tiro di Salvatori da fuori area che colpisce il palo interno alla sinistra di Auregli, per poi ritornare in gioco. Ad inizio ripresa il Progresso passa in vantaggio al minuto 49 grazie ad un penalty assegnato per un fallo di Faye su Vassallo, sul dischetto Gulinatti realizza spiazzando il portiere. Al 66' arriva il raddoppio degli uomini di Moscariello sugli sviluppi di una punizione battuta da Gulinatti dal vertice destro dell'area, Vassallo sfiora di testa quel tanto che serve per disorientare difesa e portiere, con la palla che si infila nell'angolo opposto. Al 74' la Bagnolese riapre la partita con il solito Formato, capocannoniere del girone D con sette reti, che anticipa in uscita Celeste in scivolata spedendo la palla in fondo al sacco. Nell'ultimo quarto d'ora, a parte qualche mischia sporadica, non ci saranno occasioni vere da gol fino al termine (Vassallo segna una terza rete ma l'assistente aveva già alzato la bandierina per evidente fuorigioco, nda) con il Progresso che porta a casa tre punti pesantissimi per la classifica.
Sono state rinviate per motivi di carattere sanitario Correggese-Prato, Corticella-Seravezza, Fiorenzuola-Forlì, Ghivizzano-Pro Livorno Sorgenti, Real Forte Querceta-Mezzolara, Rimini-Aglianese, Sammaurese-Marignanese Cattolica.




 

 

 

 

Commenti



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'